La prima volta del Tedoforo – Amsterdam 1928

    1928 olimpiadi nuoto amsterdamEd è ad Amsterdam nel 1928 che per la prima volta la fiaccola accesa sotto il sole di Olimpia e trasportata attraverso la Grecia, la Jugoslavia, i Paesi Bassi appiccava in una grande vasca il fuoco olimpico, che avrebbe arso per tutta la durata dei Giochi.

    Ancora gli Stati Uniti a dominare nel nuoto, con Weissmuller che si ripete nei 100 stile libero; con Kojac, nel dorso, che precede due connazionali; e ancora con la staffetta….
    Ma anche Arne Borg, il più vecchio di tutti (ha ventisette anni ormai e per l’epoca è età decrepita), fa centro: terzo nei 400 stile libero è primo nei 1500 stile libero con uno splendido 19’51″8. Arne Borg è un fenomeno.

    Fa ammattire i tecnici, che si chiedono il perchè delle sue magnifiche prestazioni; oltretutto ha uno stile poco ortodosso, nulla a che spartire con quello degli americani e dei giapponesi, che vanno via sciolti, belli a vedersi, con un calibrato numero di colpi; lui no, lui sbatte in acqua come un forsennato, con lena affannata.
    Ha un cuore possente e uno scheletro leggero, d’accordo: ma corre alle volte con un dispendio insensato, affronta tutti gli avversari, li va persino a cercare , e gareggia su tutti i percorsi, dalle 50 yards al miglio.
    Gira il mondo come giornalista sportivo, non è un modello di morigeratezza, fa le ore piccole la notte prima della gara, i tecnici dicono che questa volta scoppia a metà tragitto e lui scende in acqua per i 1500 stile libero e segna 1’02″6 sui primi 100 metri e al passaggio degli 800, 10’09”, mentre il record mondiale di Weissmuller sulle 880 Yards (808 metri circa) è di 10’22”!!!!

    Advertisement

    Il fatto è che il grosso e grasso mago americano William Bachrach lo ha preso in cura e gli ha fatto vestire i colori del Club di Chicago e il campione ribelle è diventato un superbo fuoriclasse.
    Mister Bachrach è ancora alla guida dei nuotatori, ma si è portato un aiutante di grandissimo lusso, Bob Kiphuth, Istruttore all’università di Yale fin dal ’18, costruttore in serie di campioni e campionissimi per oltre 40 anni; dall’altra sponda del Pacifico rispondono però i pupilli del professor Matsuzawa e si profila inopinatamente il “pericolo giallo”: quei piccoli giapponesi, gialli e leggeri, incominciano a intrufolarsi dappertutto: nei 100 m stile libero sono già terzi, nella rana addirittura primi, nella staffetta secondi, a soli 5″ dopo 800 metri…
    la “terza forza” ha inviato la sua prima pattuglia: l’attacco verrà sferrato quattro anni dopo, proprio in casa dei dominatori, a Los Angeles.

    1928 olimpiadi nuotoIl Medagliere

    UOMINI

    100 metri stile libero

    1-Weissmuller USA 0:58.6
    2-Barany UNG 0:59.0
    3-Takaishi GIA 1:00.0

    400 metri stile libero

    1-Zorilla ARG 5:01.6
    2-Charlton AUS 5:03.6
    3-Borg SVE 5:04.6

    1500 metri stile libero

    1-Borg SVE 19:51.8
    2-Charlton AUS 20:02.6
    3-Crabbe USA 20:28.8

    200 metri RANA

    1-Tsuruta GIA 2:48.8
    2-Rademacher GER 2:50.6
    3-Yldefonso FIL 2:56.4

    100 metri DORSO

    1-Kojac USA 1:08.2
    2-Laufer USA 1:10.0
    3-Wyatt USA 1:12.0

    4×200 metri stile libero

    1-Stati Uniti 09:36.2
    2-Giappone 09:41.4
    3-Canada 09:47.8

    DONNE

    100 metri stile libero

    1-Osipowics USA 1:11.0
    2-Garatti USA 1:11.4
    3-Cooper GBR 1:13.6

    400 metri stile libero

    1-Norelius USA 5:42.8
    2-Braun PBA 5:57.8
    3-McKim USA 6:00.2

    4×100 metri stile libero

    1-USA 4’47″6
    2-GRAN BRETAGNA 5’02″8
    3-Unione Sudafrica 5’13″4

    200 metri RANA

    1-Schrader GER 3:12.6
    2-Baron PBA 3:15.2
    3-Muhe GER 3:17.6

    100 metri DORSO

    1-Braun PBA 1:22.0
    2-King GRB 1:22.2
    3-Cooper GRB 1:22.8

    Articoli Simili:

    Partenze a staffetta e lavoro di squadra
    Lavorare sulle partenza delle staffette significa "variare" e capire quale sia lo "slancio" di uno specifico nuotatore. Perché farlo: Siccome può capita...
    Partenze - qual è l'angolo migliore del tuffo per percorrere più distanza?
    Qual è l'angolo migliore del tuffo per percorrere più distanza? Perché cercare l'angolo migliore del tuffo in partenza? Un angolo ottimale del tuffo di part...
    Tutti gli stili - Delfino in immersione con il Tempo Trainer
    In caso non vi foste resi conto di quanto è importante il delfino in immersione per il successo di un nuotatore. Ve ne dò un'idea: è la prima cosa sulla quale c...
    Tutti gli stili - tavoletta del Wyoming
    Mentre ero alla Wyoming University ho visto una serie di gambe che incorporava allenamento di resistenza e velocità. https://www.youtube.com/watch?v=4QwVINwk...
    Quand'è che da "allungo" diventa "scivolamento"? La differenza tra scivolamento e allungo può fare l...
    La risposta alla domanda di un nuotatore: “C'è un confine sottile tra scivolamento e allungo. Come si può spiegare la differenza tra le due cose?” Di cosa si...
    Consigli per combattere il freddo in piscina
    Consigli per combattere il freddo in piscina Ed è proprio prima di ferragosto che vi elargiamo un interessante articolo per prepararvi all'inverno. Sarà che tr...
    Virate - imparare gambe Delfino in subacquea - PARTE 1
    Ci sono abilità trasversali nel nuoto, che vanno bene per tuti e 4 gli stili, Imparare la battuta di gambe a Delfino in immersione è una di quelle più impor...
    Esercizio - la lepre in acque libere
    Cos'è una lepre in acque libere? Adesso comincia l'estate, eccovi quindi un esercizio che puoi fare in piscina ma che ti sarà utile per la strategia di gara in...
    705views

    You may also like