Esercizio – tripla battuta di gambe a Delfino

Inserire un colpo di gambe in più nel tuo Delfino può insegnarti un sacco su quanto sia importante tenere giù la testa durante la rottura dell’acqua dopo la virata.

[iframe https://www.youtube.com/embed/jniYJlsIM2I?rel=0 640 480]

Perché farlo:
Durante l’allenamento hai solo un’opportunità per ogni vasca di lavorare per migliorare la tecnica della tua uscita dall’acqua dopo la virata. Questo esercizio ti permette di lavorarci su per tuta la vasca (o le vasche!).

Come farlo:
1 – Inizia con una bella spinta dal muro e con un’uscita dall’acqua a testa ben bassa.
2 – Dopo la prima bracciata torna a immergerti per tre colpi di gambe a Delfino.
3 – Riemergi in superficie per fare una bracciata, proprio come faresti dopo aver virato.
4 – Ripeti

Come farlo davvero bene (i punti essenziali):
Non andare troppo in profondità dopo la bracciata, stai cercando diimparare/migliorare come fondere il tuo corpo con la superficie dell’acqua e non come saltare fuori come un pesce volante.

Alterna una bracciata di respirazione a una in cui non prendi aria. Cerca di capire se il tuo corpo si sbilancia durante la bracciata in cui respiri.  Se hai una sensazione strana o senti un maggior attrito delle gambe durante la bracciata con la respirazione allora probabilmente stai tenendo la testa in posizione non corretta. Non dovrebbe essere così, nemmeno se tu stessi nuotando l’ultima vasca dei 200m Delfino. Uno strumento interessante per avere un immediato feedback sulla corretta posizione della testa, anche durante esercizi di tecnica, è il Posture Trainer di Finis. Se la stanchezza ti smonta lo stile… beh devi lavorarci su.

Se riesci a prendere un respiro “non invasivo” durante le bracciate potresti anche considerare l’opzione di respirare alla rottura dell’acqua, ma SOLO se sei davvero a tuo agio e se anche l’allenatore concorda.

Anche se molti la pensano diversamente, SE l’atleta può mantenere la massima velocità durante la fase subacquea MA ha bisogno d’aria subito dopo, sarà necessario trovare, assieme all’allenatore, una combinazione di respirazione/bracciate che sia adatta alle esigenze di quello specifico nuotatore.

574views

Articoli Simili:

Partenze - qual è l'angolo migliore del tuffo per percorrere più distanza?
Qual è l'angolo migliore del tuffo per percorrere più distanza? Perché cercare l'angolo migliore del tuffo in partenza? Un angolo ottimale del tuffo di part...
Controllo ASL durante le gare di nuoto: come funziona?
Controllo ASL durante le gare di nuoto: come funziona? Ecco come funziona, di solito, un controllo durante una gara. Riportiamo il caso dei controllo effettu...
Le Lacrime della Pellegrini. Martinenghi e Carraro Superstar. Riassunto di Venerdì agli Assoluti 202...
Cos’è successo Venerdì 2 Aprile agli Assoluti 2021? Martinenghi e Carraro Superstar e Pellegrini fa il tempo per le Olimpiadi e si commuove. cco un breve ria...
Sei un Vero Nuotatore?
Se sei un Vero Nuotatore probabilmente ti sei sentito in una di queste situazioni almeno una volta nella vita! Il vero nuotatore è in effetti una creatura spec...
Acque libere - partire da fermi, un brevissimo consiglio
Partire da fermi: è bene allenare questa capacità se si gareggia in mare o al lago In acque libere partire da fermi, anzi sapere qual è il modo migliore per ...
Boccaglio frontale nuoto - come usarlo
Boccaglio frontale nuoto - come usarlo Il Boccaglio frontale nuoto può sembrare un attrezzo complicato da usare ma in realtà è molto semplice e, sopratutto, un...
PDF sta per Positive Drive Fins
E che cavolo vuol dire Positive Drive Fins? Ecco delucidato l'arcano: Le pinne che ti guidano nella posizione giusta! Le Pinne Correttive Positive Drive Fins...
Cos'è un ALLENAMENTO realmente?
Cos'è un ALLENAMENTO realmente? Durante le passate settimane ho fatto diverse chiacchierate con giovani nuotatori partendo da questa domanda: quando è che ha...

You may also like