Crawl Nuoto Stile Libero la tecnica del Nuoto


 

imparare la tecnica dello stile liberoCome imparare la Tecnica dello Stile Libero?

Per imparare la tecnica dello Stile Libero nel modo corretto, oltre a fare delle lezioni con un istruttore (è necessario sopratutto se sei completamente alle prime armi) ci sono dei metodi, degli attrezzi e degli esercizi che puoi fare che possono aiutarti a imparare a nuotare bene in maniera piuttosto veloce. Certo imparare a nuotare con la corretta tecnica, non è una cosa che puoi assimilare dal giorno alla notte, ma seguendo i nostri consigli accorcerai parecchio il tempo di apprendimento e sopratutto imparerai a nuotare nel modo giusto. Ecco cosa troverai in questa guida:

Tecnica Stile Libero e Crawl nel nuoto – cenni storici

Il Crawl nel nuoto è uno degli stili consentiti in gara… anche se nessuno lo chiama mai così. Quella cosa che noi ormai chiamiamo Stile Libero originariamente era nota come Crawl, anche se non sappiamo con certezza chi gli abbia dato questo nome (vedi sotto). Stile Libero era il nome della competizione durante la quale ogni nuotatore poteva scegliere di nuotare nello stile che riteneva più adatto. C’era chi affrontava questa gara a Dorso, chi a Rana e chi utilizzando i movimenti più disparati delle braccia, a piacere.

Stile Libero era il nome della competizione durante la quale ogni nuotatore poteva scegliere di nuotare nello stile che riteneva più adatto.

Il Crawl o Stile Libero è, quindi, quel tipo di nuotata che utilizza un movimento quasi alternato e rotatorio delle braccia e una battuta di gambe continua e alternata. La respirazione è laterale, l’unica possibile in conseguenza del movimento delle braccia che impedisce una comoda ed efficace respirazione frontale.

Crawl o Trudgeon?

È in Inghilterra, nel 1873, che John Arthur Trudgen nuota per la prima volta con uno stile praticamente identico a quello che sarà poi noto come Crawl. Si dice che Trudgen ispiro questo suo modo di nuotare allo stile dei nativi americani durante un suo viaggio in Sud America. Inizialmente questo stile fu chiamato Trudgen, non è ben chiaro quando si sia iniziato a chiamarlo Crawl. Quello che è certo è che diventò lo stile più utilizzato nelle gare di Stile Libero (un po’ come se la gara si chiamasse “gareggia in uno stile a piacere”) proprio perché con quei movimenti si era in grado di muoversi più velocemente e con meno fatica in acqua rispetto agli altri stili. Basti pensare che, durante le Olimpiadi del 1901, il record sui 100 metri si abbassò di colpo di ben 10 secondi perché il nuotatore decise di nuotare a Crawl anziché a Rana. Per questo con il tempo Stile Libero è diventato sinonimo di Crawl. Una curiosità: ancora oggi, se un atleta volesse farlo, potrebbe gareggiare i 100 Stile utilizzando, ad esempio, la nuotata a Rana.

Bracciata

By fxqf – original, CC BY-SA 4.0, Link

Iniziamo dal movimento delle braccia. per spiegarlo meglio lo divideremo in due momenti. Una parte subacquea, ossia quella parte della bracciata in cui la mano è immersa in acqua, e una aerea durante la quale la mano si muove fuori dall’acqua. Importante tener presente che, nonostante la divisione in fasi, tutti questi movimenti dovranno essere fluidi e continui senza interruzioni o singhiozzi. Pena la perdita di efficacia di tutto il gesto tecnico.

Fase Aerea

Per quel che concerne la parte aerea della bracciata diciamo che in linea di massima dovrebbe essere fatta molto velocemente; la mano, aiutata dell’inerzia dell’ultima spinta prima di uscire dall’acqua, dovrebbe essere catapultata fuori alla massima velocità per continuare il suo percorso fino al punto in cui entrerà di nuovo in acqua. Importante: questo punto di entrata, inizio della fase subacquea e fine della fase di recupero (o aerea) si trova in una linea ideale che parte dalla spalla e si trova davanti ad essa e non davanti alla testa. Quando la mano esce dall’acqua, al fine di favorire un movimento naturale e non faticoso a livello dell’articolazione della spalla, la cosa migliore è di ruotare leggermente busto e fianchi e piegare il gomito, tenendo la punta delle dita puntata in direzione del fondo della piscina. L’azione di flessione del gomito riduce anche gli sbagliatissimi spostamenti laterali del bacino che portano il corpo del nuotatore fuori dalla posizione idrodinamica ideale detta di scivolamento (o streamline).

Fase subacquea

La fase subacquea, per comodità, si divide in tre sotto-fasi: Si distingue in: appoggio, trazione e spinta. Nella fase di appoggio la mano entra in acqua partendo dalla punta delle dita, con il gomito flesso, dopodiché polso e avambraccio seguono la mano in un movimento che porterà quest’ultima non solo ad entrare in acqua (senza andare troppo in profondità) ma anche ad avanzare in direzione frontale, così da iniziare la fase successiva nel punto più lontano possibile dalla spalla, che permetta di prendere e fare leva su una maggior “quantità” di acqua. Questo movimento viene chiamato “allungo” e per eseguirlo nel modo corretto necessita di una rotazione del busto che permetta all’articolazione della spalla di sbloccare il braccio così da far raggiungere alla mano il punto più lontano possibile. Passiamo quindi alla successiva fase di trazione. Durante questa fase tutte le parti del braccio si muovono verso il basso ma chi guida il movimento sono mano e avambraccio che si abbassano per prime. Il gomito rimane più in alto rispetto a mano e avambraccio. Questa importantissima posizione è nota come gomito alto  (o, in inglese, come Early Vertical Forearm). Grazie al gomito alto si hanno due vantaggi importantissimi. Primo vantaggio, per il principio fisico di Bernoulli la potenza della trazione è maggiore. Per darti una similitudine che spiega bene la cosa, ti basti pensare a come posizioni le braccia per uscire da una piscina sollevandoti sul bordo. Se tu tenessi le braccia distese non riusciresti a sollevarti nemmeno di un centimetro. Con le braccia piegate la forza che applichi è esponenzialmente maggiore e ti permette di avanzare in acqua molto più velocemente e senza fatica. evf gomito alto bracciata nuoto tecnica swimmershop FINIS Secondo vantaggio, la mano e l’avambraccio vanno a formare un’unica superficie, come una sorta di lungo remo, che ti darà maggiore spinta rispetto all’area della sola mano. Per aiutarti a immaginare la posizione corretta di gomito alto puoi osservare l’immagine sottostante. Immagina di avere il movimento limitato da un barilotto sul quale mano e avambraccio scivolano per poi spingerlo giù.

EVF bracciata a gomito alto

L’esecuzione di bracciata con EVF, Avambraccio verticale in anticipo, anche noto come bracciata a gomito alto

fulcrum paletta allenamento tecnica nuotoDurante la trazione la mano si muove senza mai andare a finire sotto la pancia del nuotatore ma rimane, con i debiti sconfinamenti e variazioni, intorno a quel piano immaginario che va dalla spalla al fondo della piscina. Infine la fase di spinta. Da molti considerata quella più importante e propulsiva è ormai dal convegno dell’ASCA (Associazione Americana degli Allenatori di Nuoto che ogni anno organizza il convegno sul nuoto più grande del mondo) del 2009 che i più grandi allenatori ne hanno ridimensionato l’importanza. Non in quanto poco propulsiva di per sé ma equiparabile alle altre fasi con le quali deve formare un continuum armonico e potente. Ovvero a dire che la spinta deve essere decisa e continua finché la mano non è uscita dall’acqua. Non è bene uscire in anticipo, ovvero prima che la mano abbia raggiunto la coscia, e nemmeno uscire con il gomito piegato.

Respirazione

Nella respirazione sembra esserci un margine maggiore di discrezionalità, puoi decidere se effettuarla girando la testa a destra o a sinistra. In realtà la cosa migliore è di respirare una volta ogni tre bracciate, vale a dire una volta a destra e una volta a sinistra. Da una parte questo ti fornisce un assetto più equilibrato del corpo, dall’altra il miglior numero di respirazioni per vasca. Infatti ogni respirazione, per quanto ben eseguita, tende sempre a rallentarti un poco, modificando la posizione idrodinamica di scivolamento frontale. Ne consegue che non si può respirare troppo frequentemente ma nemmeno troppo poco, pena la mancanza dell’elemento base per ogni ottima prestazione sportiva: una sufficiente quantità di ossigeno. Una respirazione ogni tre bracciate durante l’allenamento è ottimale. Resta aperta la questione gara. Chiaro che su una gara veloce, come ad esempio 50 metri a Stile, l’atleta potrà anche permettersi di respirare solo una  due volte per vasca, così da sfruttare la velocità massima.

Quando respirare

Quando il braccio comincia a abbassarsi (fase di trazione) la testa comincia a ruotare così da entrare in fase di inspirazione alla fine della fase di spinta, cioè quando la mano sta uscendo fuori dall’acqua. Sarà poi il movimento di recupero del braccio (fase aerea) a favorire la successiva rotazione della testa in acqua dove inizierà la fase di espirazione. Proprio appena prima dell’ingresso della mano in acqua. È bene effettuare l’espirazione (preferibilmente dopo un attimo di pausa con l’aria nei polmoni così da sfruttare quella specie di camera galleggiante che si sarà formata con i polmoni pieni della massima quantità di aria) principalmente con la bocca e con un soffio costante e deciso che permetta di finire l’ossigeno proprio nel momento di inizio della fase di inspirazione. snorkel frontale nuoto swolfLa testa andrà ruotata senza mai ruotare in avanti lo sguardo. Gli occhi dovrebbero fissare un punto sul fondo della vasca leggermente più avanti rispetto alla perpendicolare occhi/fondo. Quando la testa ruota di lato sarebbe bene dirigere lo sguardo leggermente all’indietro verso la spalla così da disturbare il meno possibile l’assetto di scivolamento.

Suggerimento per migliorare la tecnica a Stile Libero “eliminando” la fase di respirazione

Se sei agli inizi e vuoi imparare più velocemente a nuotare la corretta tecnica dello Stile Libero, c’è un attrezzo che può accelerare moltissimo il corretto processo di apprendimento. Parlo del boccaglio frontale per nuotatori. Utilizzando il tubo frontale (frontale e non laterale, NON usare il classico tubo laterale da sub perché ti impedirà di imparare la bracciata corretta) “eliminerai” la fase di respirazione così da concentrarti sulla esecuzione degli altri movimenti (braccia e gambe), senza considerare che contemporaneamente, grazie al processo di inspirazione forzata, farai anche un allenamento di potenziamento polmonare e di resistenza.

Battuta di gambe

La battuta di gambe è quella un po’ più spinosa da spiegare “testualmente”, per iscritto. È importante sentire l resistenza dell’acqua e quanto riusciamo ad avanzare a seconda di come battiamo le gambe. La propulsione avviene sia durante il movimento della gamba dall’alto verso il basso (AB) che dal basso verso l’alto (BA). Il movimento parte dall’anca e le articolazioni sono tenute rilassate. L’ampiezza tra le due gambe durante la battuta varia tra i 30 e i 40 cm, altrettanta è la profondità a cui arriva l’estremo movimento di “gambata”. Le ginocchia in AB vanno piegate per un angolo di circa 110/120 gradi. Quando la gamba è in BA rimane invece ben tesa. I piedi sono distesi (non a martello che provocherebbe l’effetto “retromarcia”) rilassati e ruotati leggermente all’interno.

Qual è l’ideale numero di colpi di gamba per ogni ciclo di bracciata?

L’ideale numero di gambate dal momento in cui la mano destra entra in acqua al momento in cui ci entra la volta successiva (ovvero un ciclo di bracciata – mano destra più mano sinistra) dipende dalla velocità alla quale si vuole nuotare. Mi spiego. Se si nuotano lunghe distanze, o si vuole effettuare una nuotata aerobica, il colpo di gambe può essere usato per mantenere l’assetto corretto e in sostanza non contribuisce alla velocità della nuotata ma solo alla sua stabilità: possiamo parlare di due battute di gambe per ogni ciclo di bracciata. Viceversa se lo scopo è la velocità allora le gambe sono l’unico strumento per raggiungere velocità considerevoli a Stile Libero; in questo caso possiamo arrivare anche a 6/8 battute di gambe per ogni ciclo di bracciata.

Rotazione del corpo

Il cosiddetto rollìo. Mentre nuoti a Stile Libero il tuo corpo ruota intorno all’asse longitudinale (vedi figura). Quindi ci sono momenti in cui il tuo corpo è parallelo al fondo della piscina e momenti in cui le spalle e il busto ruotano. Questa rotazione avviene per diversi motivi. Innanzitutto per 1) favorire il movimento articolare della spalla durante il recupero e, dalla parte opposta, durante la trazione. Allarme infortunio: attenzione, se non effettui il rollio e quindi recuperi il braccio (portandolo in avanti) quando sei parallelo al fondo della piscina, sentirai di dover sforzare la spalla per effettuare il movimento del braccio in avanti. Questo movimento alla lunga può lesionare l’articolazione ed è sconsigliato nuotare senza effettuare la rotazione del busto (che poi porta alla rotazione delle spalle). Ma anche per 2) permettere il miglior movimento di allungo andando quindi, durante la fase di appoggio, a “prendere l’acqua” il più avanti possibile con la mano. Il terzo motivo per eseguire una buona rotazione del corpo è che 3) aiuta il movimento della respirazione, permettendoti di respirare nella maniera più efficace e comoda, senza improbabili torsioni del collo. Dulcis in fundo 4) anche il movimento opposto a quello di allungo, e cioé 4) la fase finale della spinta, risulta più potente.

Velocità dello stile Libero

Ci sono fondamentalmente 4 tipi di velocità, meglio dire andature, a cui puoi muoverti in acqua a seconda del tipo di allenamento che stai facendo e quindi al tipo di reazione che vuoi ottenere dal tuo corpo. Senza entrare nel particolare tecnico delle varie A1, A2 che elenco qui sotto:

  • A1 Intensità molto blande;
  • A2 Intensità sotto la soglia anaerobica.
  • Allenamenti di potenza aerobica
    • B1 Intensità intorno alla soglia anaerobica;
    • B2 Intensità intorno al massimo consumo di ossigeno (V02 max).;
  • Allenamenti lattacidi (o anaerobici):
    • C1 Tolleranza al lattato;
    • C2 Picco di lattato;
    • C3 Esercizi di velocità

Volevo solo darti un facile trucco per iniziare a imparare come regolare la tua andatura in vasca. In questo piccolo schema che potrai applicare in piscina ecco come regolare le 4 velocità principali:

  • Lenta: la rotazione delle braccia è rilassata e la battuta di gambe si limita a due per ciclo di bracciata
  • Media: la rotazione delle braccia è più veloce e decisa. Le gambe non hanno ancora un ruolo di spinta ma continuano ad essere utilizzate per mantenere l’assetto del corpo, sempre due gambate per ciclo.
  • Alta: la rotazione delle braccia rimane veloce e si inserisce una gambata decisa e veloce. In questa velocità le gambe danno un significativo contributo all’avanzamento con circa 6 battute di gambe ogni ciclo di bracciata
  • Massima velocità: sia la rotazione delle braccia che la battuta di gambe avviene al massimo dell’intensità. È la cosiddetta velocità di gara.

Approfondimenti ed esercizi

Da queste dette finora, che sono le basi per un ottimo Stile Libero ecco che vorremmo offrirti una serie di approfondimenti ed esercizi che potrai fare, uno alla volta, per migliorare il tuo stile in un modo facile, veloce e che ti porterà risultati veramente incredibili.

I commenti sono chiusi

Stile libero ma non troppo

stile libero

Stile libero ma no troppo In Stile libero ma non troppo una cosa che mi chiedo se puoi gestire. Meno del 50% di questo allenamento è a Stile Libero. Un 2600 metri in totale, distanza gestibile. Puoi, però,  variare l’intensità del lavoro aumentando il chilometraggio o diminuendo le ripartenze. Riscaldamento:… Continua a leggere

Correggere l’entrata incrociata della mano a Stile Libero

entrata incrociata della mano a Stile Libero

Correggere l’entrata incrociata della mano a Stile Libero Correggere l’entrata incrociata della mano a Stile Libero è importante e non troppo difficile, con la dritta giusta! L’entrata ottimale delle mani, come sicuramente saprai, è in linea con la spalla, al limite anche leggermente più esterna. La punta delle dita perforal’acqua… Continua a leggere

Esercizio – allungo in avanti

allungo in avanti

Esercizio – allungo in avanti Perché un esercizio sull’allungo in avanti? Beh tra i tanti motivi c’è che per raggiungere i tuoi obbiettivi puoi iniziare con il raggiungere un buon allungo. Perché farlo Raggiungere la piena estensione a Stile Libero è la base necessaria per tutti i nuotatori, a qualsiasi… Continua a leggere

Stile libero – recupero con il mignolo

recupero con il mignolo

Stile libero – recupero con il mignolo – Nuoto on line Il modo migliore per finire la fase di spinta potrebbe sorprendervi, comporta il recupero con il mignolo. Spingere con la mano fino all’uscita della stessa dall’acqua è qualcosa a cui i nuotatori hanno lavorato per anni. Ecco una riflessione… Continua a leggere

Come respirare a Stile Libero. Errori da evitare e qualche consiglio.

respirare a Stile Libero

Respirare a Stile Libero se sai nuotare può sembrare semplice. Farlo bene non è così facile! Imparare a respirare a stile libero in maniera migliore e più efficace è una piccola cosa che può aumentare moltissimo la tua resistenza e la tua velocità in acqua. Ecco qualche consiglio per riuscire a… Continua a leggere

Allenamento – allenamento facile stile e dorso, e anche piuttosto breve!

allenamento facile stile e dorso

A volte ci vuole un allenamento facile stile e dorso, ma che sia complicabile! Oggi ti proponiamo questo allenamento facile stile e dorso, facile sia perché non richiede particolari abilità o padronanza della tecnica, sia perché, grazie alla breve distanza, non richiede nemmeno un’eccessiva resistenza fisica. Certo, come facciamo spesso,… Continua a leggere

Quand’è che da “allungo” diventa “scivolamento”? La differenza tra scivolamento e allungo può fare la differenza

scivolamento e allungo

La risposta alla domanda di un nuotatore: “C’è un confine sottile tra scivolamento e allungo. Come si può spiegare la differenza tra le due cose?” Di cosa si parla quando si parla di scivolamento e allungo? Nello Stile Libero quando si parla di scivolamento si intende aver tenuto troppo a… Continua a leggere

Esercizio – allungo sotto tavoletta

allungo sotto tavoletta

Esercizio nuoto: allungo sotto tavoletta Questo esercizio “allungo sotto tavoletta” ce lo hanno sottoposto Andre Salles-Cunha e Jason Martin, allenatori all’Almaden Swim & Racquet Club.  Lavorare sul gomito alto e sull’anticipo della presa è importante per ogni stile ma trovare il modo migliore per definire e capire come questo vada fatto… Continua a leggere

Esercizio – equilibrio a Stile Libero con pull buoy

equilibrio a Stile Libero con pull buoy

Usare il pullbuoy per annoiarsi meno e migliorare si può! Il pull buoy viene usato raramente per insegnare a padroneggiare l’equilibrio MA utilizzandolo in modo da modificare il punto di equilibrio del corpo un nuotatore può imparare molto bene a modificare la propria bracciata in modo produttivo. Con questo esercizio… Continua a leggere

Stile Libero – giochi di testa

stile libero crawl strategie di gara swimmershop

La posizione migliore della testa dipende più dal tuo stile che da altro. Ecco un esercizio che dovrebbe aiutarti a sperimentare e capire quale posizione di testa/occhi è la migliore per te. Per anni ci è stato detto che la posizione migliore della testa era quella in cui la linea… Continua a leggere

Allenamento – master e andatura di soglia aerobica

master nuoto nuotatori swimmershop

La serie di oggi aiuterà i master a determinare la loro andatura di soglia aerobica (AT) Riscaldamento: 1×400 a piacere 4 X 50 a piacere ma iniziando ogni 50 con 20 secondi di battuta di gambe in verticale e SENZA spingersi dal muro per iniziare i 50. Inoltre non nuotare… Continua a leggere

Stile Libero – correggere la bracciata a gomito basso

gomito alto allenamento nuoto

  Teoricamente i nuotatori dovrebbero iniziare la bracciata e la trazione con il gomito alto e continuare a mantenerlo. Quando un nuotatore lascia cadere il gomito all’inizio della bracciata quasi sempre è il risultato di una perdita di connessione con l’acqua. Per sviluppare una bracciata efficace la mano e l’avambraccio… Continua a leggere

Stile Libero – Respirazione in acque libere

respirazione acque libere

Con l’avvicinarsi dell’estate e della stagione di Acque Libere ecco un consiglio tecnico che può aiutarti a prendere aria senza aggiungere affaticamento. Please upgrade your browser Perché farlo: Quando si nuota in acque libere ci sono un paio di tecniche per prendere aria…. Puoi alzare la testa più in alto… Continua a leggere

Stile Libero – estensione singolo braccio con Joao da Lucca

allenamento nuoto joao de lucca

Se vuoi fare :41 nei 100 a Stile o 1:31 nei 200… avrai bisogno di essere aggressivo. MA essere aggressivo non significa accorciare la bracciata! Please upgrade your browser Perché farlo: Il campione NCAA e dei Giochi Pan Americani Joao de Lucca ci mostra su cosa sposta la propria attenzione… Continua a leggere

Allenamento – Rana e Stile (n.33)

Pinne PDF Rana swimmershop nuoto

Obiettivi: Questo allenamento ti fa lavorare su bracciata e gambata di ognuno dei due stili per poi lavorarli completamente concentrandosi sull’andatura. Distanza totale: 2700 m Riscaldamento: 1 x 400 alternando Stile Libero e Rana Serie principale: 10 x 50 Rana alternando vasche di battuta di  gambe a vasche di sole… Continua a leggere

Allenamento – virate e transizioni (n.18)

john konrads nuoto virata

Obiettivi: questo allenamento si concentra sulle virate di tutti gli stili e sulle transizioni dei Misti. La cosa migliore è fare quest’allenamento quando la piscina non è troppo affollata e hai la possibilità di fare più virate di continuo… a meno che tu non riesca a coinvolgere anche gli altri… Continua a leggere

Allenamento – Rana e Stile (n.17)

rana velocità mani swimmershop

Obiettivo: in questo allenamento farai pratica di pullbuoy e gambe per ognuno dei due stili e poi li nuoterai concentrandoti sull’andatura. Distanza totale: 1800 m Riscaldamento: 1 x 400 alternando Stile e Rana ogni 50 m Serie principale: 1 x 200 Stile Libero alternando vasche di pullbuoy e di gambe… Continua a leggere

Stile Libero – battuta di gambe con elastico alle caviglie

finis elastico caviglie allenamento battuta di gambe

Ecco un modo divertente di utilizzare l’elastico ferma caviglie Finis che può aiutarti a migliorare tantissimo la battuta di gambe. Please upgrade your browser Perché farlo: Una battuta di gambe a Stile di poca ampiezza ma grande potenza è parte integrante di uno Stile Libero vincente. Battere le gambe con… Continua a leggere

Stile Libero – con gambe a Delfino

Ecco un esercizio che fonde due stili per mantenere la mente su di giri! Please upgrade your browser Perché farlo: I motivi per praticare questo esercizio sono l’equilibrio, la coordinazione e la comprensione della relazione tra il corpo e la presa sull’acqua. Come farlo: 1)  Spinta dal muro, gambe Delfino.… Continua a leggere

Stile libero – gambe dal basso in alto

Abbiamo avuto occasione di passare un po’ di tempo con la scattista olimpica israeliana Andi Murez. Ha condiviso con noi il suo punto di vista sul movimento di battuta di gambe dal basso in alto nello Stile Libero. Perché farlo: Il movimento della gamba dall’alto verso il basso viene molto… Continua a leggere

Delfino – con gambe a Stile

Vuoi caricare un po’ il tuo lavoro a Delfino?  Ecco un esercizio di stabilizzazione che impegna tutto il tuo Delfino. Please upgrade your browser Perché farlo: Questo esercizio ti obbliga a cercare la presa in anticipo visto che è su quella che dovrai fare affidamento per aiutarti nel sollevamento. Come… Continua a leggere

Allenamento – gambe e Stile, meglio se sulla stessa ripartenza

Serie di 100 spezzati e modificati per trasformarli in circa 50% gambe e 50% nuoto. SERIE PRINCIPALE:  1700 Questa serie funziona bene se riuscite a tenere tutti sulla stessa ripartenza. 6 X 100 a 3:00 di ripartenza.  Consiglio:  se riparti “sui :40” avrai il tempo sottratto su ogni 100 senza… Continua a leggere

Stile Libero – scatti con le pinne

Quando ti è permesso usare le pinne per andare veloce a Stile Libero… USALE senza indugi! Please upgrade your browser Perché farlo: Uusare le pinne per andare più veloce a Stile Libero non riguarda solo l’andare più veloce in sé per sé. Spesso può essere un ottimo modo per imparare… Continua a leggere

Stile Libero – nuotarlo con le pinne

Certo, le pinne possono essere utilizzate in tutti gli stili, ma oggi concentriamoci nell’utilizzarle in due tipi di Stile Libero. Please upgrade your browser Perché farlo: Nuotare Stile con le pinne può portare un paio di benefici, innanzitutto può aiutarti a scivolare meglio in avanti e a sentire come l’acqua… Continua a leggere

Stile Libero – la battuta di gambe

Per fare degli scatti a Stile Libero che siano degni di questo nome devi potenziare la battuta di gambe. Concentrarsi su quanto utilizzi le gambe può aiutarti molto. Please upgrade your browser Perché farlo: Imparare a far partire il tuo Stile dalla battuta di gambe è un’opzione per nuotare davvero… Continua a leggere

Stile libero – battuta di gambe dalle anche

Lo sviluppo di una battuta di gambe corretta inizia con l’insegnamento che “meno è meglio” e continua con una grande concentrazione durante le serie di gambe. Please upgrade your browser Perché farlo: La battuta di gambe dello Stile Libero è quella più usata nel nuoto, quindi possiamo tranquillamente considerarla un… Continua a leggere

Allenamento – super versatile e… piacerà agli stileliberisti

Serie principale:  2100+ Cerca di effettuare velocemente i cambi di attrezzi durante questo allenmento. Cerca di eseguire le seconde ripetute un po’ più veloce delle prime.  Quando indossi le pinne corte va bene inserire qualche vasca diversa dallo Stile Libero, sempre che tu riesca a stare dietro alle ripartenze. Questa… Continua a leggere

Stile Libero – Rilassati e concentrati sulle sensazioni

A volte capita di essere così presi da un allenamento intenso che ci si dimentica di “vivere l’acqua”. Please upgrade your browser Perché Farlo: A volte non ci pensiamo ma i nostri sensi sono continuamente bombardati quando ci alleniamo. SENTIAMO lo sciabordìo dell’acqua. GUARDIAMO per vedere dove stiamo andando. ASSAPORIAMO… Continua a leggere

Allenamento – Misti, veloci e continui

Misti veloci e senza soluzione di continuità questa settimana. Riscaldamento: 1 x 400 a piacere Serie di riscaldamento:  200 8 X 25 a :35 (pinne corte opzionali) Vasche dispari:  Gambe Delfino a pancia in su Vasche pari:  Un esercizio di tecnica a Delfino Serie principale #1:  1300 Fate questa serie… Continua a leggere

Tecnica della nuotata: 3 modi di migliorare lo Stile Libero

1. GAMBE Uno dei punti essenziali per migliorare la velocità da subito è capire che la battuta di gambe aiuta a definire anche la velocità della bracciata. L’andatura non è dettata solo dalle braccia ma anche dalle gambe. L’impostazione iniziale è il segreto. Non partire mai dal muro con una… Continua a leggere

Stile Libero – Posizione della testa

Piccoli cambiamenti nella posizione della tua testa possono avere un enorme impatto sulla velocità del tuo stile libero. Please upgrade your browser Perché farlo: Concentrarsi sulla posizione della testa anziché permettere ai tuoi occhi di distrarti può aiutare il corpo a rimanere in una posizione migliore. Questo si traduce in… Continua a leggere

Stile e Dorso – giocare con l’equilibrio

Ogni allenatore desidera che tutti i propri nuotatori capiscano alcuni semplici aspetti del nuoto. Uno dei principali è come posizionare il corpo in una linea ottimale (streamline) che crei meno attrito possibile in acqua. Please upgrade your browser Perché farlo: Imparare che ci sono parti del corpo che galleggiano e… Continua a leggere

Allenamento – 100 spezzati a Stile

Questo allenamento viene usato spesso prima di una gara perché può fornire una buona predizione sui tempi che poi sarà probabile realizzare in gara. Il “tempo sottratto” di un nuotatore sul decimo 100m e su quello finale può predire con buona approssimazione il tempo sui 100m che si riuscirà a… Continua a leggere

Allenamento – per principianti che vogliano migliorare la resistenza e il Crawl

Ecco un allenamento che può essere utile a chi ha appena cominciato con il nuoto*. La distanza totale di 600m può sembrare troppa a un primo sguardo. Nonostante questo se segui l’allenamento con le varie pause riuscirai a macinare quella distanza molto facilmente. Se ti accorgi di non farcela o… Continua a leggere

Stile libero – costruire la bracciata

L’allenatore Matt Beckwith  del Greater Philadelphia Aquatic Club ha condiviso con noi questo esercizio che ci è sembrato molto interessante. Please upgrade your browser Perché farlo: Per costruire un Crawl solido è necessario partire da solide fondamenta.  Questa progressione incorpora molte caratteristiche che si trovano in un ottimo Stile libero.… Continua a leggere