3 Motivi per cui Ryan Lochte sarebbe un temibile avversario a Tokyo

    lochte-temibile-avversario-olimpiadi-tokyo

    3 Motivi per cui Ryan Lochte sarebbe un temibile avversario a Tokyo

    Ryan Lochte per chi non lo sapesse è un nuotatore americano. Stagionato (4 anni più vecchio di Federica Pellegrini), ma piuttosto forte! Ecco tre ragioni per cui potrebbe essere un avversario temibile alle Olimpiadi.

    Lochte è specializzato nel Dorso, nello Stile Libero e nei Misti. Si è portato a casa 6 ori, 3 argenti e 3 bronzi Olimpici e ai campionati del mondo di nuoto ha vinto ben 27 medaglie (diciotto erano d’oro). Ha battuto in carriera 17 record del mondo e ai campionati mondiali di nuoto è il secondo nuotatore nella storia ad essere andato a medaglia sei volte consecutive in una stessa gara, in questo caso i 200 misti, (prima è la mitica Federica Pellegrini con 8 volte nei 200 Stile Libero).

    Se si qualificasse ai Giochi Olimpici potrebbe essere un terribile avversario (anche se dal 2016 non è stato più “sé stesso”). Alle prossime gare USA di qualificazione per Tokyo (a Omaha) si misurerà con diverse specialità. Ma le sue speranze sono tutte sui 200 Misti. È in questa gara che Lochte ha vinto tre medaglie Olimpiche e detiene il record del mondo. Ed è anche una gara in cui i 36 anni di esperienza di Ryan potrebbero ancora fare la differenza.

    negozio nuoto più conveniente

    Ecco i tre motivi per cui Lochte ha più di una possibilità di qualificarsi

    1. Mr. Recupero.

    I tempi che Lochte ha sempre fatto a metà stagione non sono mai stati eccelsi. Però quando è il momento della fase di scarico, recupera eccome (se vuoi saperne di più sul miglior modo di recuperare prova a leggere la nostra serie di articoli sul “tapering”

    Advertisement
    ). E poi in gara fa scintille. I tempi si abbassano visibilmente. Certo alla sua età non si abbasseranno come quando era più giovane. Ma ehi, Dara Torres ha vinto una medaglia d’argento a 42 anni.

    2. L’esperienza.

    Quando Lochte salirà sul blocco di partenza a Omaha molti dei suoi avversari saranno ragazzi giovanissimi. Che davvero usavano ancora il pannolone quando Ryan nel 2004 faceva la sua prima esperienza Olimpica. E non c’è evento che metta più pressione a un atleta delle Olimpiadi, a parte le gare USA di qualificazione alle Olimpiadi. Un terzo posto e ti lasciano a casa. Nervi a fior di pelle.

    L’esperienza che ha maturato può essere per lui solo un vantaggio enorme. Questi veterano è saggio abbastanza da capire ogni dettaglio più insignificante delle gare di qualificazione. E di sicuro farà affidamento sulla sua conoscenza e sul fatto di aver già gareggiato molte volte in quel contesto. Sarà sufficiente? Non lo sappiamo, ma l’esperienza non è mai una cosa da poco.

    3. Finire col botto

    Come atleta arrivato a metà della trentina, Lochte è già oltre quello che sarebbe generalmente la vita media di un atleta Olimpico (eccezioni a parte). Spesso, intervistato, ha parlato della sua priorità: la famiglia. Ma anche del fatto che vorrebbe ritirarsi “col botto”. L’ultimo Kobe Bryant ha chiuso la sua carriera NBA con una partita da 60 punti. Lochte potrebb fare la stessa cosa portandosi a casa un biglietto per Tokyo.

    C’è un vecchio cliché che dice che un atleta, quando è stretto all’angolo diventa pericoloso. Lochte potrebbe essere quell’atleta. E se arriverà alle Olimpiadi saranno gare davvero eccitanti.

    Fonte: swimmingworld magazine

    Articoli Simili:

    Nuoto: 56 anni fa, la tragedia di Brema. Una sventura tremenda.
    Nuoto: 56 anni fa, la tragedia di Brema. Una sventura tremenda. Oggi è l'anniversario di una tragedia. Una tragedia che coinvolge nello specifico anche il mo...
    Sabato e Domenica le Gare del Memorial Castagnetti a Verona
    Sabato e Domenica le Gare del Memorial Castagnetti Se sei un nuotatore sai, quasi sicuramente, chi è Alberto Castagnetti. Se non lo sai, dovresti. Alberto Ca...
    Nuoto e guerra: Confermati 9 mesi di sospensione per Evgeny Rylov
    Nuoto e guerra: Confermati 9 mesi di sospensione per Evgeny Rylov Già il suo grosso sponsor lo aveva mollato. Speedo aveva dato il benservito a Rylov subito ...
    Nuoto: calendario ufficiale FIN aggiornato di nuovo
    Nuoto: calendario ufficiale FIN aggiornato di nuovo Con il cambiare continuo della situazione dovuta alla pandemia, i calendari delle gare non resistono a lu...
    Hai mai pensato di Fare i Misti? I Migliori Attrezzi per Allenarli.
    Nuoto: La via per abbracciare i Misti Ti hanno mai chiesto qual è il tuo stile preferito? Cos'hai risposto? Per alcuni nuotatori scegliere uno stile preferit...
    Mare Nostrum alla Tappa di Canet: Sjostrom e Blume
    Mare Nostrum alla Tappa di Canet: Sjostrom e Blume Altre due giornate di Mare Nostrum sono passate a Canet, Francia. Ecco i risultati di rielivo che abbiamo ...
    Storie di Nuoto: dalle Gare al Tentato Suicidio, la Forza di un Nuotatore.
    Storie di Nuoto: dalle Gare al Tentato Suicidio, la Forza di un Nuotatore. Il nuoto ci offre storie davvero incredibili. Il più delle volte a testimoniare la...
    Ciaramella, una perdita dolorosa per il mondo del nuoto
    Ciaramella, una perdita dolorosa per il mondo del nuoto Si è spento Ciaramella, una perdita dolorosa per il mondo del nuoto. Dopo che, a inizio mese, ci avev...
    761views

    You may also like