Hai mai pensato di Fare i Misti? I Migliori Attrezzi per Allenarli.

misti-nuoto-tattica-strategia

Foto: ISL

Nuoto: La via per abbracciare i Misti

Ti hanno mai chiesto qual è il tuo stile preferito? Cos’hai risposto? Per alcuni nuotatori scegliere uno stile preferito non è facile. Questo è vero specialmente per quelli che amano nuotare i 200 o i 400 Misti. In questa specialità, infatti, è necessario essere abili in tutti e 4 gli stili per riuscire bene e con profitto. Per ognuno degli stili nei misti  è necessario avere un ampio ventaglio di abilità diverse da applicare, freneticamente, in un brevissimo lasso di tempo. Ovvio che per ognuno degli stili è necessario un grande tempo impiegato ad allenarsi per riuscire bene in gara.

migliori integratori nuoto

Ci si stanca solo a pensarci…

Sì, ci si stanca solo a pensarci ma non è impossibile diventare un nuotatore di Misti. Anzi, può essere divertente e aggiungere un po’ di emozione al tuo giorno di gare. Qui ti diamo consigli basilari e veloci sugli aspetti importanti di ogni stile e per ognuno ti consigliamo un attrezzo per allenarti nello stile specifico.

Farfalla

Ah, la Farfalla (o lo chiami Delfino?). La rovina di molti nuotatori e lo stile, dicono, più difficile da imparare. Anche il primo stile che viene nuotato nei misti. Dice un articolo su blueboy.com: “Uno dei tratti distintivi della Farfalla è la battuta di gambe a Delfino. È quello che dà la potenza e lo slancio a chi nuota questo stile”.

Essenziale: ogni battuta di gambe deve essere ugualmente potente. La respirazione è un altro fattore essenziale. Infatti mantenere una buona forma idrodinamica per avanzare con velocità e senza fatica dipende molto da come respiri. Nei Misti è importante avere un Delfino veloce ed efficiente. Ma che non disperda troppe delle tue energie! Ci sono ancora tre stili che ti devi giocare!

Attrezzo consigliato per allenare Farfalla?

Un attrezzo molto consigliato per allenare Farfalla è nuotarla con un tubo frontale per nuotatori. In questo modo potrai concentrarti sulle sensazioni di una perfetta posizione e cercare di replicarla quando nuoti senza boccalgio frontale:

migliori snorkel frontali tubo nuoto

Dorso

Quando cerchi di migliorare il tuo Dorso è importante ricordare di stare “piatto” in acqua. La stabilità è essenziale e la testa non deve muoversi verso l’alto. Avere una posizione disallineata della testa può portare a un disequilibrio dell aposizione di scivolamente (streamline) e a un grande attrito. E lo sappiamo, attrito = lentezza. Una buona abitudine è assicurarsi che il livello dell’acqua ti copra le orecchie e gli occhi guardino su e all’indietro.

Quando batti le gambe assicurati di far partire la gambata dai fianchi e non dalle ginocchia e tieni sempre le caviglie rilassate. Battuta di gambe più potente che puoi nellafrazione dorso. La virata della transizione alla Rana dev’essere aperta, pena la squalifica!

E per allenare il Dorso?

Per allenare Dorso abbiamo scelto ancora il tubo frontale. Ma usato in un modo particolare. Per abituare la testa a una posizione stabile che è molto importante puoi tenere lo snorkel frontale girato al contrario (video qui sotto). In questo modo se riesci a mantenerlo stabile saprai che stai tenendo ferma la testa e la tua posizione è la più idrodinamica possibile.

Rana

Ah la Rana! Un altro stile che di solito i nuotatori o amano o odiano. Ed è amche uno dei più difficili a livello tecnico da nuotare. Una posizione eccellente del corpo in acqua con fianchi alti e da nuotare “in discesa”. Avere una battuta di gambe efficace e perfetta è tutto. Mantenere le caviglie flessibili aiuta a creare una battuta di gambe potente ed efficace. Fare molti esercizi di flessibilità è essenziale (consigliamo il libro Forza e flessibilità nei nuotatori).

Gambe rana, come allenarle?

Un attrezzo eccezionale per perfezionare la propria gambata a Rana è lo speciale elasticoSwimmershop da allenamento Rana, made in Italy. Molto facile da utilizzare, basta posizionarlo come vedi nell’immagine. Se hai u istruttore o un allenatore che possa consigliarti è perfetto. Ma puoi anche dare un’occhiata all’articolo che abbiamo pubblicato dal titolo  Migliorare Gambe Rana con Rebecca Soni.

elastico-gambe-rana-nuoto

Stile Libero

Lo stile della frazione finale dei Misti. Siamo quasi alla fine di questa fatica assurda. La tentazione è quella di lasciarsi trasportare, ma guai a farlo. È qui che devi dare tutto quello che hai, fino all’ultimo barlume di energia rimasta. E anche di più.  È qui che si fa una gara eccelsa o… una schifezza. Ecco dicosa tener conto:

Tattica innanzitutto. Per dare tutto, a tutta birra. Questo vuol dire che le prime tre frazioni devi nuotarle consapevole che devi tenerti delle forze per la frazione finale a Stile Libero. Che vuol dire una battuta di gambe stretta, potente e più veloce possibile.

La bracciata deve avere un ottimo allungo per sfruttare la presa più ampia e una spinta potente. Perferizonare un buon allungo può fare la differenza. Per perfezionare l’allungo sono ottime le palette triangolari da Stile Libero.

Allenare un aspetto dello Stile

Ci sono molti aspetti dello Stile da allenare ma se dovessi sceglierne uno a ‘sto giro direi le gambe. Per sviluppare una battuta di gambe breve e veloce e potente la cosa migliore è sempre allenarsi con un buon paio di pinne corte a pala semirigida. Escludi la pala in plastica. Con la plastica le sensazioni non sono buone e per sviluppare una battuta di gambe veloce e fluida sono preferibili in silicone. Ecco quelle preferite dagli agonisti che ti consigliamo:

migliori pinne corte nuoto swimmershop

Che fare per iniziare?

E adesso viene la parte divertente, mettere tutto insieme. La strategia migliore per assemblare dei Misti è allenare la tecnica dei singoli stili e poi allenarli insieme nello stesso ordine di gara (che poi è quello in cui li abbiamo ordinati in questo articolo). Sia i 200 che i 400 misti sono gare molto dure ma anche molto divertenti e possono dare enormi soddisfazioni.

Fonte:  Swimmingworldmagazine: https://www.swimmingworldmagazine.com/news/the-path-to-becoming-an-i-m-swimmer-breakdown-of-the-four-strokes/

You may also like