Nuoto alle Olimpiadi: Chi sono le/gli under 18 che potrebbero rubare l’oro ai più anziani?

tokyo-under18-nuoto

Foto: Instagram/Georgie Kerr

Chi sono le/gli under 18 che potrebbero portare via l’oro ai più anziani?

Non passa Olimpiade  in cui non emergano giovani nuotatori che, “dal nulla”, ti piazzano una prestazione da medaglia d’oro. È praticamente impossibile predire quali di queste nuove stelle abbasseranno ancora e ancora il loro tempo e faranno il salto sul podio Olimpico. Ma di solito è una cosa che accade ogni quattro anni. Chi si sarebbe immaginato l’oro di Penny Oleksiak nei 100 Stile Donne prima delle Olimpiadi 2016?  O che la lituana Ruta Meilutyte potesse portare via l’oro a Rebecca Soni nei 100 Rana del 2012? Per non menzionare la prestazione leggendaria della 15enne Katie Ledecky proprio alle stesse Olimpiadi di Londra, anno in cui sorprese il mondo vincendo l’oro negli 800 Stile. E fu l’inizio di una carriera leggendaria.

migliori integratori nuoto

E a Tokyo 2021, cosa dovremmo aspettarci?

Campanilisticamente io punto tutto sulla fantastica sedicenne Benny Pilato. Record del mondo infranto ai Campionati Europei 2021 e sono certo che nella Rana conquisterà il punto più alto del podio.

In queste Olimpiadi di Tokyo la comparsa di facce nuove sarà ancor più pronunciata proprio a causa dello spostamento delle stesse dal 2020 al 2021. L’ultima volta che i migliori nuotatori del mondo sono stati insieme nello stesso posto è stato nel 2019 ai mondiali di Gwangju. Da allora è cambiato un sacco nel nuoto e ci sono almeno 12 nuotatori di meno di 18 anni piazzati nella classifica top 10 che a Gwangju non c’erano!

fusion-palette-asimmetriche

Alcuni di questi vinceranno sicuramente un oro olimpico e uno di loro è tra i favoriti. Vediamoli.

Benedetta Pilato, Italia, 16 anni

Di Pilato abbiamo già parlato. Giovanissima e fortissima. Record del mondo nei 50 Rana con 29″30, l’unica a nuotare sotto i 30 secondi. Ha detronizzato niente meno che Lily King. Certo i 100 m sono un’altra distanza ma credo sia decisamente una delle favorite per l’oro nei 100 Rana. Non dimentichiamoci che la concorrenza è spietata. Ma chi detiene uno dei record del mondo nella specialità? Eh? ve lo dico io: Benedetta Pilato!

Torri Huske, Stati Uniti, 18 anni

La stella emergente delle qualificazioni USA. Huske è un fenomeno nei 100 Farfalla e si è tenuta con un’andatura sotto quella del record del mondo, mostrandosi potente nei secondi 50 metri. Ha preso il pass Olimpico come la nuotatrice più veloce del mondo del 2021 con il suo record americano di 55″66. Sarà anche una componente chiave della staffetta mista 4×100 donne. Anche se ai trials non ce l’ha fatta ad arrivare alla finale dei 100 Stile, negli Stati Uniti è una delle prime in classifica per questa specialità. Potrebbe anche emergere nella staffetta 4×100 Stile.

David Popovici, Romania, 16 anni

Popovici ha attirato l’attenzione delle alte sfere molto recentemente passando dal non aver nuotato mai meno di 48″ nei 100 Stile ad infrangere il record del mondo juniores con 47″30. Ha anche scalato la classifica nei 200 Stile diventando sesto nel mondo con 1’45″26. Più di un secondo in meno rispetto al precedente record. È un’enormità. Vero che in quella gara non c’erano avversari significativi. Nei 100 stile potrebbe ambire all’oro ma ricordiamoci che in vasca c’è Caleb Dressel e tanti altri.

Lydia Jacoby, Stati Uniti, 17 anni

Nativa dell’ Alaska, Jacoby non aveva mai abbassato il proprio tempo sotto 1’08” nei 100 Rana. Ha abbassato a 1’07″57 in novembre e a 1’06″40 alle TYR Pro Swim Series di Aprile. Continuo a pensare che non abbia possibilità elevate contro il previsto tempo di Pilato che non dovrebbe superare di molto il minuto tondo tondo.

Evgenia Chikunova, Russia, 16 anni

La veterana Yuliya Efimova non si è qualificata nei 200 Rana, ma Chikunova sembra perfettamente in grado di riempire il vuoto lasciato da Yuliya. La sedicenne si è piazzata quarta nel mondo nei 200 rana con 2’21″69. Si prevede che Chikunova sia una delle sei nuotatrici che potrebbero infrangere la barriera dei 2’22” quest’anno. Chikunova aveva battuto Efimova nei 100 Rana ai trials russi.

Claire Curzan, Stati Uniti, 17 anni

Nonostante si sia qualificata per una sola finale ai trials statunitensi, Curzan ha fatto tempi da Olimpiadi nelle gare veloci a Stile, nei 100 Farfalla e nei 100 Dorso. Al momento diciassettenne, ha una velocità incredibile nella parte iniziale della gara e il suo miglior tempo di 56″20 l’ha piazzata quinta nella classifica mondialedi quest’anno e nona in quella di tutti i tempi.

Katie Grimes, Stati Uniti, 15 anni

Grimes non la conosceva nessuno prima dei trials Olimpici di quest’anno. Poi ha fatto un 1500 abbassando il proprio tempo di 28 secondi! Terza dopo Katie Ledecky e Erica Sullivan. Il suo parziale agli 800m è stato il miglior tempo per ben 8 secondi. Dopo essere andata in finale con l’ottavo tempo per gli 800 Stile ha fatto una gara incredibile piazzandosi seconda dietro l’onnipresente Ledecky e guadagnandosi il posto all’Olimpiade come atleta più giovane del team USA. Va a Tokyo come quinta in classifica mondiale e, al ritmo con cui abbassa i tempi (che ci ricorda una Ledecky 15enne del 2012) non ci si può aspettare che una grossa sorpresa.

Hwang Sun-Woo, Corea, 18 anni

A Maggio Hwang si è iscritto al club dei 200 Stile in 1’44” con i suoi 1’44″96 stabilendo un nuovo record mondiale juniores. Solo 5 uomini hanno infranto la barriera dell’1’45” quest’anno. Hwang ha anche nuotato un impressionante 48″04 nei 100 Stile per cui la possibilità di arrivare infinale per lui è concreta.

Josif Miladinov, Bulgaria, 18 anni

Agli Europei di Maggio Kristof Milak ha vinto il titolo europeo con 50″18 nei 100 Farfalla. Miladinov si è piazzato secondo in 50″93. Un tempo che è di pochissimo superiore al record del mondo juniores (detenuto proprio da Milak con 50″62). Ma Miladinov, al quinto posto nel mondo del 2021 potrebbe essere solo all’inizio della sua scalata alla vetta dei 100 Farfalla. Potrebbe decisamente avere una possibilità di diventare il  primo bulgaro a prendersi una medaglia olimpica nel nuoto.

Ilya Borodin, Russia, 18 anni

I milgiori 8 nuotatori nel mondo per i 400 Misti sono separati da soli 1″3 secondi, e questo diciottenne russo è proprio nel mezzo. È stato il più giovane medagliato con l’oro nella categoria maschile agli scorsi Europei. Con una frazione fantastica a Dorso, ha mostrato incredibili capacità anche nelle altre specialità della gara. Il suo miglior tempo è 4’10″02, il che lo piazza sesto nel mondo e una minaccia per chiunque sia favorito alle Olimpiadi nei 400 Misti.

Summer McIntosh, Canada, 14 anni

Nel 2016, a soli 9 anni, McIntosh era tra il pubblico a guardare le qualificazioni olimpiche del Canada. Si fece una foto con la 16enne Penny Oleksiak. Adesso, a soli 14 anni,  McIntosh è un’atleta Olimpica e si metterà alla prova per il podio nella staffetta 4×200 Stile. Ma McIntosh è anche in gara individualmente per i 200 Stile. Classificata ottava nel mondo per questa specialità (1’56″19) sta continuamente abbassando i suoi tempi. Ha anche l’undicesimo posto nel mondo nei 400 Stile (4’05″13) e il 24esimo sia negli 800 (8’29″48) che nei 1500 (16’15″19). Se non quest’anno McIntosh sarà da tenere d’occhio nel prossimo futuro.

Hubert Kos, Ungheria, 18 anni

Kos non ha avuto tanta attenzione come gli altri nuotatori e nuotatrici che ho elencato qui ma è ottavo nel mondo nei 200 Misti dopo aver infranto in 1’56″99 il record juniores. Kos ha solo 18 anni e un bel potenziale. A Tokyo, Kos rappresenterà l’Ungheria nei 200 Misti assieme al 35enne Laszlo Cseh, alla quinta Olimpiade dopo aver vinto l’Argento nei 200 Misti nel 2008 e il bronzo nel 2012.

305views

You may also like