L’intervista – Fabio Scozzoli (di Leonardo Castellani)

Luca Bandieri Fabio Scozzoli Leonardo Castellani swimmershop intervista

Luca Bandieri, Fabio Scozzoli, Leonardo Castellani

Fabio Scozzoli è indubbiamente l’atleta di punta della nostra nazionale di nuoto, atleta che da un paio di anni a questa parte ha tenuto alto la bandiera italiana in più fronti. Dopo la sfortunata olimpiade, Fabio si sta preparando al meglio per i mondiali prossimi di Barcellona. Abbiamo fatto il punto della situazione insieme a lui e cercato di capire i segreti di una carriera cosi costante come la sua.

Personalmente ho avuto l’occasione e l’onore di conoscerlo, in merito ad un evento organizzato da me e un mio amico/socio, chiamato “Facce da Campioni”. In questa conferenza Fabio era in compagnia di Simone Ruffini, Cristina Chiuso e due specialisti del settore. Il tema era sull’importanza dello sport sin dalla giovane età, dove i campioni oltre a portare le loro esperienze erano a confronto con ragazzi e i rispettivi genitori. Grazie alla loro disponibilità si è realizzato un grandissimo incontro che sarà ripetuto periodicamente.

Ciao Fabio, raccontaci un attimo la tua stagione 2012-2013, quali sono stati gli appuntamenti fondamentali che hai affrontato?

Ho cominciato molto presto la stagione perché avevo tanta voglia di rifarmi dopo la delusione olimpica. A ottobre ho gareggiato in coppa del mondo nelle tappe di Stoccolma, Mosca e Berlino, poi ci sono stati i campionati europei in vasca corta a Chartres e successivamente i mondiali a Istanbul e in tutti e 2 i casi ho raggiunto risultati mai ottenuti prima vincendo 50 e 100 Rana agli europei e i 100 Rana ai mondiali. Da gennaio è cominciata la preparazione anche in vasca lunga per i campionati italiani di aprile a Riccione dove ho staccato il pass per i mondiali nei 50 e nei 100 Rana e ho migliorato molto i miei tempi nei 200 Rana arrivando quarto e nei 2oo Misti arrivando secondo.scozzoli campione olimpiadi 2012 swimmershop intervista

Come sta procedendo la preparazione per i mondiali di Barcellona di questa estate?

Va tutto bene, il periodo primaverile é sempre difficile per me che soffro in modo pesante di allergia ai pollini, ma con gli antistaminici il problema si riduce anche se questi farmaci danno comunque sonnolenza e sicuramente tolgono brillantezza ai miei allenamenti.

Che effetto fa avere la nazione intera che crede in te?

Bé, forse non me ne rendo conto, o comunque non ci penso, prima di tutti sono io a credere in me stesso e questo é fondamentale.

Da dove nasce la scelta di rimanere ad allenarti nella tua città natale, e non spostarsi come fanno molti?

Dal fatto che credo che la serenità sia alla base di tutto per avere un rendimento costante e sempre al massimo negli allenamenti.

Come è la vita  nell’esercito, tu che sei arruolato?

Noi atleti non viviamo la vera realtà militare, ma portiamo alti i colori dell’esercito e della nazione, questo é il nostro ruolo!

Quale è il tuo ricordo più emozionante e quale il più triste della tua carriera?

Il più emozionante é la prima medaglia internazionale ai Campionati Europei di Budapest nel 2010, il piú triste senza dubbio la finale olimpica di londra!

Come è allenarsi per una settimana al mese a Verona con gli altri ranisti della nazionale?

Molto stimolante, é una realtà che mi piace molto e sono contento di come vanno le cose, e credo che fare una settimana al mese là e il resto del tempo a casa, sia la situazione ideale per tenere sempre alti gli stimoli di ogni giorno!

Con che hobby riesci a divagarti dalla vasca?

Il cinema, seguo altri sport come il calcio,  la formula 1, la motogp e il tennis!

 

Un saluto a tutti gli amici di Swimmershop da me e Fabio Scozzoli… e alla prossima intervista!

 

 

583views

Articoli Simili:

I nuotatori dovrebbero mangiare PRIMA dell'allenamento di mattina presto?
di JILL CASTLE, MS, RDN Al giovane nuotatore può capitare, quando si allena al mattino presto, di saltare la colazione. Prendete Henry, ad esempio. Preoc...
Stile Libero - scomparire dietro alla mano
Mantenere un profilo ridotto del corpo a Stile Libero ha senso, idrodinamicamente parlando. Ma che vuol dire esattamente? Quanto "stretti" bisogna stare? htt...
Allenamento - serie da 200 e si lavora sull'allungo
Oggi una serie non lunghissima e con parecchie pause ma il lavoro è di qualità! Nuota 5 ripetizioni di: 1 X 200 così suddivisi 25 Stile Libero in allung...
3 modi di ridurre il carico sulle spalle dei nuotatori
Il nuoto, si sa, mette sotto carico le spalle. Per questo motivo gli infortuni a quell'articolazione sono frequentissimi tra i nuotatori e oscillano tra percent...
Tempo Trainer in "modalità 2" - Parte 1
Proprio quando pensi di aver esaurito le varianti di allenamento, salta fuori qualcuno che ti convince a leggere il manuale fornito con gli attrezzi da allename...
Overreaching e Overtraining (4)
Overreaching e Overtraining (4) L'Overreaching è una condizione nella quale gli atleti si allenano oltre le loro capacità di adattamento a quell'allenamento....
Rana - gambata con talloni che si toccano
Nonostante ci si sia concentrati per anni su una gambata a Rana stretta (cioè sull'ampiezza) non dobbiamo dimenticare di assicurarci che i piedi si uniscano in ...
Allenamento - Misti e scatti
L'allenamento di misti di oggi è ispirato alle progressioni piramidali del crossfit RISCALDAMENTO: 1 x 400 a piacere SERIE RISCALDAMENTO: 1 x 2...

You may also like