La remata nella piscina d’albergo

Oggi noi di swimmershop abbiamo scelto di pubblicare questo esercizio: mi è sembrato divertentissimo ma anche utile… sono sicuro che chiunque di voi sia appassionato di nuoto si sia trovato, almeno una volta nella vita, ad avere a che fare con una piscina come quella del video 🙂

Spesso ci viene chiesto consiglio da nuotatori che si trovano alle prese con piscine “Olimpioniche” come quella che vedete nel video.

Perché farlo:
Sei comunque libero di nuotare per vasche, ma potrebbe essere un pò… disorientante! Potresti lavorare sulle virate a Rana e a Farfalla. Nonostante queste opzioni, caricare un pò di lavoro sulle braccia è sempre una buona idea e questo piccolo esercizio siamo sicuri che potrà aiutarti.

Come farlo:
1.
A pancia in giù sulla superficie dell’acqua, con le dita dei piedi poggiate sul bordo della vasca.
2. Comincia a remare, come nel video, scoprirai di non avere bisogno di molta resistenza per rimanere immobile.
3. Fai una decina di remate… dopodiché lascia andare i piedi dal bordo.
4. Arriva all’altro lato della vasca e ripeti l’esercizio.

Come farlo nella maniera migliore (i punti essenziali):
Per incrementare il carico di lavoro creca di non respirare finché non arrivi dall’altra parte. Per lavorare più a lungo le braccia indossa uno snorkel (tubo respiratore) frontale FINIS e rimani ancorato al bordo vasca un pò più a lungo. Per lavorare davvero duro indossa delle palette e rema con più vigore. Puoi anche variare il tipo di remata per mantenere vivo l’interesse nell’esercizio.

Ricorda, se sei in viaggio (per lavoro o piacere che sia),  mantenere il rapporto con l’acqua è importante tanto quanto il normale allenamento.

You may also like

Lascia un commento