La remata nella piscina d’albergo

    Oggi noi di swimmershop abbiamo scelto di pubblicare questo esercizio: mi è sembrato divertentissimo ma anche utile… sono sicuro che chiunque di voi sia appassionato di nuoto si sia trovato, almeno una volta nella vita, ad avere a che fare con una piscina come quella del video 🙂

    Spesso ci viene chiesto consiglio da nuotatori che si trovano alle prese con piscine “Olimpioniche” come quella che vedete nel video.

    Perché farlo:
    Sei comunque libero di nuotare per vasche, ma potrebbe essere un pò… disorientante! Potresti lavorare sulle virate a Rana e a Farfalla. Nonostante queste opzioni, caricare un pò di lavoro sulle braccia è sempre una buona idea e questo piccolo esercizio siamo sicuri che potrà aiutarti.

    Come farlo:
    1.
    A pancia in giù sulla superficie dell’acqua, con le dita dei piedi poggiate sul bordo della vasca.
    2. Comincia a remare, come nel video, scoprirai di non avere bisogno di molta resistenza per rimanere immobile.
    3. Fai una decina di remate… dopodiché lascia andare i piedi dal bordo.
    4. Arriva all’altro lato della vasca e ripeti l’esercizio.

    Come farlo nella maniera migliore (i punti essenziali):
    Per incrementare il carico di lavoro creca di non respirare finché non arrivi dall’altra parte. Per lavorare più a lungo le braccia indossa uno snorkel (tubo respiratore) frontale FINIS e rimani ancorato al bordo vasca un pò più a lungo. Per lavorare davvero duro indossa delle palette e rema con più vigore. Puoi anche variare il tipo di remata per mantenere vivo l’interesse nell’esercizio.

    Ricorda, se sei in viaggio (per lavoro o piacere che sia),  mantenere il rapporto con l’acqua è importante tanto quanto il normale allenamento.

    Articoli Simili:

    Confronto e differenze tra gli Snorkel FINIS - Parte 4 di 6
    Dopo aver dato un'occhiata allo Snorkel Standard e al respiratore Snorkel Junior, oggi vedremo le peculiarità dello Snorkel da Stile Libero Dopo aver ...
    Piramidali estremi, un allenamento per nuotatori tosti ma non troppo
    Piramidali estremi, un allenamento per nuotatori tosti ma non troppo In Piramidali estremi devi cercare di controllare il ritmo dei tuoi piramidali nonostant...
    Allenamento - un sacco di 50 in tutti gli stili
    Un sacco di 50 questa settimana in una serie con tutti gli stili che mantenga tutti sulla stessa ripartenza. SERIE PRINCIPALE (vasca corta) Si sta raggruppa...
    Allenamento - fine gara ma non a Stile
    La serie che ti proniamo oggi ti aiuterà a mantenere una tecnica buona alla fine di una gara (non a Stile Libero). Serie principale:  2000 m Nuota due volte...
    Allenamento - tecnica Farfalla e Rana
    L'allenamento di oggi integra tecnica di Farfalla e Rana. RISCALDAMENTO: 1 x 400 a piacere SERIE DI RISCALDAMENTO: 3 X 50 a piacere; inizia ogni ...
    Allenamento - Virate e parziali negativi
    RISCALDAMENTO: 1 x 400 a piacere SERIE VIRATE 4 X 50 con virata a metà vasca per la prima vasca vasche dispari: Stile libero vasche pari: Dorso ...
    Perché usare la tabella RPE (Classificazione dello Sforzo Percepito) può essere utile ai nuotatori
    La RPE o Ratings of Perceived Exertion (Classificazione dello Sforzo Percepito) può esserci utile? Alcune osservazioni: 1) La Classificazione dello Sforzo P...
    Palestra - eserczio isometrico per il gomito alto (o EVF)
    EVF, EVF, EVF. gomito alto (o Early Vertical Forearm come dicono gli anglofoni) è sempre lì come uno dei concetti chiave del nuoto assieme alla battuta di g...

    You may also like