Il nuoto alle Olimpiadi – Saint Louis 1904

Olimpiadi Saint Louis 1904Nel 1904 le Olimpiadi si spostano negli Stati Uniti. Su di esse grava l’ipoteca delle esposizioni. 

L’olimpismo è ancora troppo debole, per ammissione del suo stesso creatore, troppo scarsa la sua risonanza per pretendere una sua autonomia.
Atene aveva un po’ illuso.

Tutta la resistenza di De Coubertin non può impedire il nuovo connubio. La maggior parte delle gare furono disputate sul terreno dell’Università di Washington e le gare di nuoto nel lago artificiale dell’esposizione, di forma irregolare, senza una vera pedana di partenza.

La supremazia statunitense fu vittoriosamente contrastata da ungheresi e tedeschi, che vinsero 6 delle 8 gare individuali, conquistando inoltre 3 medaglie d’argento e 4 di bronzo.

Particolarmente interessanti le gare di velocità, in cui il vecchio stile di nuoto europeo si scontra con il nuovo verbo venuto dall’Australia, lo stile CRAWL, che pare provenire dalla civiltà natatoria degli spazi lontani e perduti di ignote tribù del pacifico.

Il confronto, ma solo per poco, non risolve il contrasto: contro John Scott Leary dell’Olympic Club di San Francisco e Charles M. Daniels del New York Athletic club, che si muovono nell’acqua senza rotazioni, quasi senza oscillazioni, come in una lunga continua scivolata, si oppone l’ungherese Zoltàn Halmay, la cui bracciata tradizionale ha già dato buona prova a Parigi, conquistando due medaglie d’argento e una di bronzo.

Si badi alla successione delle medaglie: 50 yards Halmay, Leary, Daniels; 100 yards Halmay, Daniels, Leary. 
Il “vecchio” Halmay l’ha spuntata, ma toccherà agli altri due negli anni successivi far trionfare il nuovo stile con una pioggia di primati. 

Il più giovane del trio, il bel ventenne nuovayorkese dalla prospera e lunga vita (morirà nel 1973 sulla soglia dei 90 anni) si rifà subito imponendosi nelle 220 e nelle 440 yards.

IL MEDAGLIERE

medaglia olimpiadi 1904 saint louis

Non pervenuto

773views

Articoli Simili:

Farsi trainare, un'ottima tattica in acque libere
Farsi trainare è un'ottima tattica in acque libere, ma devi saper come farlo al meglio. Quando si parla di tattica in acque libere anche i dettagli sono import...
Nuoto pinnato, un allenamento di Michele Russo per chi nuota a livello amatoriale!
Nuoto pinnato, una disciplina che sta prendendo piede anche in Italia. Nuotonline, grazie alla collaborazione con atleti di livello del nuoto pinnato da oggi vi...
Serie di gambe per lavorare gli addominali
Beh chi dice che nel nuoto non si lavora anche sugli addominali? Provate questa serie: Nuota per almeno 4 volte di seguito questa serie. I nuotatori molto fe...
Virate - esercizio virata con pausa di Joao De Lucca
A cosa serve un esercizio virata con l'interruzione di una pausa? Ce lo mostra Joao De Lucca in questo esercizio virata con pausa. Le virate fatte bene non dip...
Swimsense Live – un primo sguardo al nuovo orologio per nuotatori FINIS
Senza dubbio quando vai in piscina ad allenarti cerchi di fare in modo che ogni allenamento sia efficace (se sei un agonista), piacevole e, si spera, abbastanza...
I sei princìpi secondo Karlyn Pipes-Neilsen
In questo video di Karlyn Pipes-Neilsen questa interessante nuotatrice condivide con noi alcune delle cose a cui pensa mentre nuota.Sono punti chiave su cui con...
Come respirare a Stile Libero. Errori da evitare e qualche consiglio.
Respirare a Stile Libero se sai nuotare può sembrare semplice. Farlo bene non è così facile! Imparare a respirare a stile libero in maniera migliore e più effi...
Esercizi a Dorso - l'incrocio
Aiutare i nuotatori ad evitare l'incrocio delle mani sopra la testa durante l'esecuzione della bracciata (il cosiddetto crossover) è un lavoro che gli allenator...

You may also like