Non fermare il ritmo, mantieni un battito cardiaco prestabilito.

    Battito cardiaco: essenziale controllarlo per chi vuole avere risultati nel nuoto

    Il battito cardiaco è importantissimo nell’allenamento dei nuotatori. Difficile è stimare il proprio senza aiuti esterni come cardiofrequenzimetri o altro. Ma se si impara il proprio ritmo e a cosa corrisponde in termini di frequenza cardiaca, potremmo avere un grande vantaggio sugli avversari. Ecco un allenamento per nuotatori che vuole insegnarti proprio questo.

    Dove non specificato puoi scegliere in quale dei quattro stili nuotare le varie ripetute.

    Mantenere la velocità della battuta di gambe e l’andatura per portare il battito cardiaco nella fascia che desideri!

    Riscaldamento

    • 100 stile completo
    • 100 pull buoy
    • 100 gambe
    • 3 x 50 gambe abbassando il tempo 1-3 (cioè aumentando la velocità dalla vasca 1 alla 3) con :10 di recupero
    • 3 x 50 stile completo abbassando il tempo 1-3 con :10 di recupero

    Serie principale

    • 3 x 150 con ripartenza base + :20 o :20 di recupero, così suddivisi:
      50 Stile completo
      50 gambe
      50 Stilel completo
    • 4 x 50 pullbuoy con :10 di recupero
      25 Dorso
      25 Stile
      Fai le vasche Dorso e Stile CON LO STESSO NUMERO DI CICLI DI BRACCIATA
    • 3 x 150 con ripartenza base + :40 o :20 di recupero
      50 gambe
      50 stile completo
      50 gambe
    • 4 x 50 pull buoy con :10 di recupero
      25 Dorso
      25 Stile
      Fai le vasche Dorso e Stile CON LO STESSO NUMERO DI CICLI DI BRACCIATA
    • 20 x 25 con :10 di recupero
      1 – remate (meglio se con palette Instinct per massimizzare il potenziamento e il miglioramento tecnico)
      2 – Stile libero con allungo migliore (distanza per bracciata)
      3 – remate (senza palette)
      4 – Battuta di gambe a Stile in immersione (no gambe delfino)
    • A piacere dal blocco 50 metri del tuo stile di gara. Cerca di fare il miglior tempo.

    Defaticamento

    • 300 a piacere in scioltezza

    Articoli Simili:

    Virate – imparare la battuta di gambe Delfino in immersione – PARTE 2
    Nel post precedente avevamo iniziato con una semplice progressione per imparare al meglio la battura di gambe a Delfino in subacquea. Ecco la seconda parte ...
    Usare gli elastici da allenamento a secco per prepararsi e allenarsi
    Gli elastici da allenamento a secco sono una risorsa usata meno del dovuto? Perché elastici da allenamento a secco? Lo stretching spesso viene sottovalutato me...
    Allenamento - Rana e Stile (n.17)
    Obiettivo: in questo allenamento farai pratica di pullbuoy e gambe per ognuno dei due stili e poi li nuoterai concentrandoti sull'andatura. Distanza totale: ...
    Allenamento master Piramidale
    Ecco un possibile allenamento piramidale postatoci da Umberto Gozzi che volentieri pubblichiamo: Riscaldamento: 500 m in scioltezza - stile: a piacere Pre...
    Stile Libero - Gambe di lato e ingresso della mano
    Impara a collegare il braccio che esegue la trazione al braccio che recupera in modo da avere un'altra freccia al tuo arco per migliorare lo stile libero. ...
    Allenamento - virate in vasca corta
    Quando comincia la stagione della vasca corta è tempo di concentrarsi sulle virate. Riscaldamento: 1 x 400 a piacere Serie di riscaldamento: 8...
    Virata aperta, un esercizio per impararla bene - Parte 3
    Ecco la terza fase dell'esercizio per imparare bene la virata aperta. Anche se sai come virare questo esercizio aumenterà la tua velocità di rotazione aumentand...
    Stile Libero - correggere la bracciata a gomito basso
      Teoricamente i nuotatori dovrebbero iniziare la bracciata e la trazione con il gomito alto e continuare a mantenerlo. Quando un nuotatore lascia cader...
    603views

    You may also like