Equilibrio a Stile libero e Connessione Con l’Acqua, Un Esercizio Efficace

equilibrio a stile libero

Equilibrio a Stile libero: come svilupparlo con un esercizio interessante

L’equilibrio a Stile Libero è molto importante. Lo staff di Go Swim, durante una visita all’Università dell’Alabama, ha incontrato l’allenatore Jonty Skinner. Questo tecnico capace ha condiviso con noi un metodo per sviluppare una migliore connessione con l’acqua e un miglior equilibrio a Stile Libero.

Nel video qua sotto puoi vedere un nuotatore che esegue l’esercizio, più sotto puoi leggere come farlo e qualche consiglio del Coach Skinner.

A cosa serve sviluppare equilibrio a Stile Libero

Nell’ambiente acquatico, sempre mutevole, è essenziale sapere come regolare la posizione del tuo corpo per mantenere una connessione/presa costante sull’acqua e un buon equilibrio (= idrodinamicità e spinta massima).

Per fare questo talvolta è necessario interrompere o sbilanciare questa connessione per capire come le braccia sono connesse alle gambe.

Come esercitare l’equilibrio a Stile Libero

palette nuoto

Le palette nuoto per potenziamento Mad Wave

1 – Prendi una spugna  e una paletta nuoto. Il principio che useremo è quello di sovraccaricare le estremità opposte utilizzando una paletta su una mano e legando la spugna al piede opposto. Paletta mano sinistra spugna piede destro e viceversa.

L’attrito della spugna ti farà percepire la connessione tra queste due parti/componenti della nuotata.

2 – Nuota qualche vasca a Stile Libero  concentrandoti sull aposizione di scivolamento, allungando e scivolando bene, mentre mantieni l’equilibrio e una battuta di gambe costante. Dopodiché cambia posizione a paletta e spugna  e ripeti l’esercizio.

3 – Elimina la spugna e nuota a Stile con palette su entrambe le mani (il modello consigliato di paletta è quello delle Palette nuoto potenziamento Mad Wave). Continua a concentrarti su allungo e scivolamento e sulla profondità della mano mentre sfrutti la propulsione mantenendo una posizione di equilibrio e scivolamento per diminuire l’attrito.

Più lunga sarà la pausa tra una bracciata e l’altra e maggiore la percezione dell’equilibrio del corpo in movimento e della connessione con l’elemento acqua..

4 – Elimina anche le palette e fai qualche vasca sfruttando al massimo lo scivolamento dopodiché passa a una nuotata con un  andatura morbida (accorciando il tempo di scivolamento).

Consigli per effettuare al meglio questo esercizio

Equilibrio, posizione della testa, estensione della mano, direzione e profondità, battuta di gambe costante, gestire gli attriti, percepire l’allungo in maniera uguale su entrabe le braccia; quello che devi fare è concentrarti sulle singole sensazioni/dettagli di questo esercizio.

La continuità dell’andatura e il mantenere gradualmente sempre di più la sensazione di un fluire equilibrato della nuotata è quello che permette al nuotatore di pensare e concentrarsi sui dettagli.

Mantieni un andatura sciolta e senza fretta, non spingere per accelerare, né con le gambe né con le braccia. Concentrati sulla continuità di tutti i movimenti senza interruzione, nonostante la spugna che cerca di interrompere la connessione tra braccio e gamba.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento