Trofeo Sette Colli 2021, i Risultati in Diretta e Molto Altro

trofeo-sette-colli-moduli-informazioni

Foto:DBM

Trofeo Sette Colli 2021, i Risultati in Diretta e Molto Altro

Finalmente ci siamo. Mancano pochi giorni al 58ttesimo Trofeo di Nuoto Sette Colli. Si inizia venerdì 25 Giugno e si va avanti per tre giorni, fino a domenica. Il tutto nello Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma. La formula delle gare sarà quella delle serie dirette. La mattina con quelle più lente, il pomeriggio con una serie intermedia e dalle 18:30 partiranno quelle veloci.

In questa pagina avrai la diretta testuale aggiornata gara dopo gara, delle serie veloci, a partire alle 18:30, con le dichiarazioni dei nuotatori e delle nuotatrici. Qui sotto l’indice delle giornate e i link alla modulistica. Se vuoi invece la diretta video, puoi vederla su Raisport.

migliori palette nuoto swimmershop

Indice delle giornate:

Informazioni ulteriori

migliori elastici nuoto potenziamento bracciata

Ricordiamo che questo Trofeo Sette Colli 2021 sarà l’ultima occasione per nuotatori e nuotatrici di fare tempi validi per la qualificaizone ai Giochi Olimpici di Tokyo 2021.

Ecco dove puoi trovare anche le start list per ora NON UFFICIALI e soggette a possibili modifiche. Dopo le straordinarie prestazioni degli Italiani agli ultimi Campionati Europei di Nuoto 2021, l’Italia del nuoto parteciperà al Sette Colli per la prima volta con tre primatisti del mondo, segno evidente di una squadra fortissima.

Ecco chi sono le italiane e gli italiani convocati per queste gare: Federica Pellegrini, Benedetta Pilato, Stefano Ballo, Federico Burdisso, Martina Rita Caramignoli, Martina Carraro, Thomas Ceccon, Yukio Santo Condorelli, Gabriele Detti, Marco De Tullio, Simona Quadarella,  Elena Di Liddo, Sara Franceschi, Stefano Di Cola, Luca Dotto, Manuel Frigo, Nicolò Martinenghi, Alessandro Miressi, Gregorio Paltrinieri, Luca Pizzini, Alessio Proietti Colonna, Alberto Razzetti, Matteo Lamberti, Ivano Vendrame, Mattia Zuin,  Margherita Panziera.

Scozzoli ci sarà, tifiamo per lui

Scozzoli ha avuto dei problemi non semplici. Viaggiava di buona lena per qualificarsi alle Olimpiadi quando un’infortunio si è messo di mezzo. Una infiammazione ai gomiti ha compromesso il programma di allenamento del campione italiano. Infatti ad aprile, mentre i Campionati Nazionali procedevano a tutta birra, Scozzoli, superata l’infiammazione, iniziava di nuovo ad allenarsi.

Due mesi di allenamento quando sarebbero serviti sei mesi e siamo arrivati al Settecolli. Il tempo da fare è vicino al suo personale e recentemente Scozzoli era riuscito ad abbassare il tempo. Tutta la situazione ricorda quella vissuta dallo stesso Scozzoli per le qualificazioni alle Olimpiadi di Rio (tre stagioni piene di infortuni e scelte sbagliate). Ma Fabio è tenace e deciso “Fin quando il fisico mi sorreggerà sarò in vasca“. Gli auguriamo la qualificazione e lo seguiremo da vicino durante questo Trofeo Sette Colli 2021.

Chi sono per adesso i qualificati italiani alle Olimpiadi

Gara Uomini Donne
50 Stile
100 Stile
200 Stile Federica Pellegrini
400 Stile Gabriele Detti, Marco De Tullio
800 Stile Gregorio Paltrinieri Simona Quadarella
1500 Stile Gregorio Paltrinieri Simona Quadarella, Martina Caramignoli
100 Dorso Thomas Ceccon
200 Dorso Margherita Panziera
100 Rana Niccolò Martinenghi Benedetta Pilato, Martina Carraro
200 Rana
100 Farfalla
200 Farfalla Federico Burdisso
200 Misti Alberto Razzetti
400 Misti Sara Franceschi
4×100 Stile Uomini Thomas Ceccon, Alessandro Miressi
4×100 Mista Uomini Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi
4×100 Mista Donne Elena Di Liddo
4×200 Stile Uomini Stefano Ballo
4×200 Stile Donne Federica Pellegrini, Simona Quadarella, Stefania Pirozzi, Sara Gailli
4×100 Mista Mista
E le staffette?

Per quel che riguarda le staffette ecco la situazione. Le regole per qualificarsi sono a livello individuale, sono qualificati gli atleti in possesso del limite individuale ottenuto in occasione delle gare valide per la qualificazione. E quelli che avranno conseguito i tempi adatti alla qualificazione, fino al numero massimo di quattro atleti nelle gare dei 100 e 200 stile libero e di un atleta nelle gare dei 100 metri dorso, rana e farfalla, fermo restando il predetto limite di quattro Atleti.

Detta più semplicemente: la 4×100 Stile Uomini ha bisogno di almeno altri due o tre componenti perché per adesso si sono qualificatio solo Ceccon e Miressi (come si vede dalla tabella qui sopra. La 4×100 Misti Donne ha Elena Di Liddo e la 4×200 Stile Uomini ha Stefano Ballo. Servono ancora tre o quattro atleti in più.

La 4×200 Stile Donne è completa con Stefania Pirozzi e Sara Gailli che si aggiungono a Federica Pellegrini e Simona Quadarella già qualificate di diritto. Ma le decisioni finali sulle staffette le vedremo in questo Sette Colli.

Risultati del 25 Giugno 2021 – il primo giorno del Trofeo Sette Colli 2021, si parte alle 18:30

palette senza elastico tecnica e potenziamento

Ed eccoci finalmente all’inizio del 58esimo Trofeo Sette Colli. Si parte oggi alle 18:30 con cronaca e risultati delle gare! Ti ricordiamo che si gareggia per SERIE, quindi nonostante le serie più veloci siano il pomeriggio, teoricamente il vincitore potrebbe anche essere nelle serie del mattino se dovesse fare un tempo più veloce degli altri: improbabile ma chissà… A fine giornata eccezionali i ranisti, le ragazze al meglio del meglio. Una giornata che regala una Quadarella pimpante e Miressi che dà un segnale in una gara non sua. Lo stato del nuoto italiano, a fine giornata, sembra ottimo.

100 Dorso Maschile

E si inizia con i 100 Dorso!  Si cercano ancora i tempi per Tokyo, è l’ultima chance. Comanda Franta in questa serie, con una subacquea fantastica. Ed è primo con 54″84. Tempo più lento a quelli nuotati finora quindi non serve per vincere questa gara.

Nella seconda serie vediamo Ceccon, suo il record italiano della specialità. Sabbioni cerca il pass olimpico. Ricordiamo che teoricamente il Sette Colli non qualifica per Tokyo ma chi farà i tempi verrà notato da Butini e forse inserito nelle staffette per cui ci sono ancora posti. Ceccon sbaglia forse un po’ la partenza. Ma spinge con la subacquea. Ceccon, Sabbioni e Lamberti. Ceccon il migliore. Con 53″79 si aggiudica i 100 Dorso!

Ceccon: “Ultimamente sto avendo problemi con la partenza. Devo sistemarla al più presto perché ho perso  molto anche agli europei. Però son contento, il tempo non èil massimo ma sono ancora sotto lavoro”.

Sabbioni: “ormai sto a 53 e 9, mi aspettavo un pochino meglio oggi. Spero in una possibile qualifica, Thomas avrà tante gare a Tokyo e spero di potergli dare una mano”.

Podio: Ceccon 53″59, Nataraj 53″90, Sabbioni 53″96

50 Dorso Femminile

Non una gara Olimpica ma il Sette Colli l’ha sempre avuta. Ecco la serie con Cocconcelli e Panziera. Ma anche Toussaint.

Cocconcelli: “È stato bellissimo, inaspettato 27″92, son contentissima. Spero di continuare così. Quest’anno è stato bellissimo, posticipare l’euopeo di un anno ha reso possibile partecipare ma ho continuato a lavorare per questo sette colli e sta andando bene”.

Podio: Medeiros in 27″78, Touissaint in 27″79 e Cocconcelli  in in 27″92 all’arrivo.

400 Stile Libero Uomini

Una gara senza Paltrinieri causa mononucleosi e senza Sun Yang causa squalifica. Vedremo però Marco De Tullio e Gabriele Detti. Detti sorpassa Pereira e De Tullio sorpassa Detti, fantastica rimonta. Ma perde di nuovo terreno. Come se avesse rinunciato sul fine gara. E infatti conclude quarto in questa serie. De Tullio vince in 3’47″41 davanti a Pereira e a Matteo Lamberti.

Podio: De Tullio in 3’47″41, Pereira Da Costa in 3’48″62 e Scheffer in 3’49″01.

De Tullio: “abbastanza contento del tempo. Stiamo lavorando tanto. È una gara di passaggio, non è andata malissimo. L’obiettivo principale sono le Olimpiadi”.

Detti: “Sono stanco, stiamo lavorando tanto. Settimana scorsa abbiamo fatto un 4 stile a Merano. Ogni tanto faccio fatica, devo centellinare le forze. Non mi aspettavo di fare chissà cosa oggi. Siamo sui 9 km a seduta. Da lunedì ricominciamo a testa bassa per l’ultimo mese. Ho sentito Paltrinieri. Ha voluto rassicurarci, sta abbastanza bene. Spero si riprenda il prima possibile, sarebbe un onore essere a Tokyo con lui a difendere l’Italia“.

200 Stile Libero Donne

Ed è Pellegrini in vasca. Pellegrini in testa nei primi 50. Davanti a tutte di parecchio, anche al passaggio dei secondi 50. Chiude chilommetri prima delle altre.  Pellegrini vince il sette colli 2021 in questa specialità in 1’56″23.

Podio: Pellegrini in 1’56″23 a più di due secondi di distanza dalla seconda, Mascolo in 1’58″82 e terza Roncatto in 1’59″33.

Pellegrini: “Forse devo dire che i 200 al sette colli che ho fatto più facilmente. Di solito è sempre stato più combattivo, è mancata un po’ la bagarre delle atlete internazionali che mi hanno abbandonato in questi 200. Son contenta anche dei 50 dorso di stamani. Siamo in linea con il lavoro che stiamo facendo. Il murale? Il murale è stato molto emozionante. Non me lo aspettavo così gigantesco. Mi è piaciuto il fatto che non mi si veda in faccia, che possa essere chiunque; un po’ tutti i nuotatori si possono rivedere in quell’immagine . Tra un mese iniziano le gare di Tokyo, non ci penso ancora perché mi manca lo step dell’ultima altura, sarà un po piu difficile. È importante per me e partiremo subito dopo. ce la sto mettendo tutta. Poi bisogna vedere là come andrà”.

100 Rana Maschile

Vediamo Scozzoli come ha gestito i suoi infortuni, e vediamo anche un sacco di grandi nomi, da Martinenghi a Kamminga, passando per Pinzuti. E infatti la gara è tra questi. Fantastica partenza di Scozzoli, poi Kamminga recupera tantissimo. Testa a testa tra lui e Martinenghi! Ed è primo Martinenghi con il nuovo record italiano!!

Podio: Martinenghi in 58″29 (nuovo record italiano), Kamminga 58″40, Poggio in 59″39.

Scozzoli: “Sto bene sono contento di essere tornato a gareggiare. Ovviamente il tempo non mi soddisfa ma è inevitabile. Con il poco tempo per lavorare alle spalle, i miracoli non accadono. Va bene così. Mi piacerebbe dare ancora qualcosa, non si molla, andiamo avanti”.

Martinenghi: “Lo speravo dopo l’impatto dei risultati americani. Dare un segnale qui ai sette colli. Stavo molto bene in acqua. Contrariamente al solito ho fatto un passaggio non troppo forte e un secondo 50 in progressione ed è venuta bene. Ora tocca dare un’impronta forte. Sono contento della prestazione quarta all time. Mi sono divertito tantisismo”.

100 Rana Donne

Vediamo le tre regine italiane: Pilato (record del mondo agli europei), Carraro (record italiano) e Castiglioni. linea compatta nei primi 50 mt. Prova a forzare Castiglioni. Pilato esce di prepotenza. Testa a testa tra Castilgioni e Pilato. Castiglioni prima con il nuovo record italiano di 1’05″67, seconda Pilato con un tempo da precedente record italiano., 1’05″84. Che tempi eccezionali.

Podio:  Castiglioni 1’05″67, Pilato 1’05″84 e Carraro 1’06″08

Castiglioni: “Vediamo per la staffetta, volevo fare il  mio migliore per dimostrare che ho lavorato bene in questi mesi (anche se non ha il pass per Tokyo, ndr)”.

Carraro: “Mi spiace però noi pensiamo al nostro. Sono soddisfatta era la mia settimana di scarico, ho rinuotato il tempo degli europei”.

Pilato: “Sono contenta della mia gara. L’obiettivo era scendere sotto 1 e 6 quindi va bene. È stimolante avere delle avversarie di questi livelli. Loro agli europei si sono espresse meglio di me ” (sempre modestissima Pilato, la mitica Elisabetta Caporale le fa notare che ha fatto il record del mondo agli europei, ndr).

100 Farfalla Uomini

Burdisso e Condorelli nella serie più veloce. E anche Milak! Codia davanti a Milak nei primi 50. Ma sono Milak, Ponti e Condorelli, gli altri scivolano via. Milak record dei sette colli.

Podio:  Milak 50″89, Ponti 51″59, Condorelli 51″62

50 Farfalla Donne

Nella start list della serie più veloce Di Liddo se la gioca con Kromowidjojo, Sjostrom (reduce da un infortunio), ma anche Cocconcelli e Di Pietro. E la spunta la Sjostrom! Sta recuperando benissimo dall’infortunio. Nessuna italiana sul podio. Cocconcelli è sesta in 26″46.

Podio:  Sjostrom 25″42, Kromowidjojo 25″43 e  Coleman 26″08.

Sjostrom: “È una lunga strada dopo la rottura del gomito. Pensavo di non poter più nuotare a questo livello. Ma invece sono super sorpresa di aver fatto così bene, è incredibile. Probabilmente a Tokyo farò solo Stile ma nella ISL riprenderò anche con il Delfino. Allora è stato importante ricomincare da qui”. Notiziona, Sjostrom non nuoterà i 100 farfalla a Tokyo.

50 Stile Uomini

Nella start list della serie più veloce ci sono Zazzeri, Deplano, Miressi, Dotto, Fratus, Liukkonen e Vergani. Il tempo di riferimento è di 22″16. Una specialità per cui l’Italia non ha ancora qualificato nessuno. Vasca da fare tutta in apnea. Nella serie due Condorelli chiude a 22″ ma non è il 21″07 che serve per Tokyo. Ma vediamo la Serie uno. Una partenza quasi anticipata di Zazzeri. Fratus e Liukkonen cercano di recuperare. Vince Fratus. Piccolo ma super esplosivo. Si è slegato nettamente dalgi altri negli ultimi 25.

Podio:  Fratus 21″71, Miressi 21″97, Condorelli 22″00

Miressi: “Sono contento di aver nuotato 1 e 9, adesso sono in fase di carico, è un buon proposito per domani sui 100. Fratus è uno specialista”.

1500 Stile Donne

Non vediamo l’ora di veder nuotare Quadarella e Caramignoli. Provano subito a scappare Quadarella e Caramignoli, separate da un secondo. Per ora terza Hassler. Ai 450 metri il vantaggio di Quadarella e decisamente abbondante. Ha staccato tutte, 5’14″38 ai 500 metri. le altre sembrano aver alzato bandiera bianca. 14’46″91 agli ultimi 100 metri. Mette la gambata e spinge. Prima Quadarella in 15’48″81. Seconda Caramignoli in 16’12″30 a parecchi secondi di distanza.

Podio: Quadarella 15’48″81, Caramignoli 16’12″30, Hassler 16’13″45

Quadarella: “Diciamo che volevo far meno di quanto ho fatto agli europei. Sono molto contenta perché sono scesa dall’altura pochi giorni fa e non mi sentivo benissimo in acqua. Sono tornata alla mia forma ideale e sono davvero contenta. Adesso c’è di nuovo il pubblico, ho ritrovato quelle emozioni pre gara che non sentivo da un po’. È bello essere ripartiti del tutto. A Paltrinieri vorrei dire che mi dispiace e spero che possa tornare in acqua il più presto. Ma ne sono sicura, ci ha sempre dimostrato di essere forte e determinato”.

Risultati del 26 Giugno 2021 – il secondo giorno del Trofeo Sette Colli 2021, si parte alle 18:30

braccialetti in corsie riciclate

Ci siamo. Dallo stile alle staffette individuali, giornata ricchissima oggi.

100 Farfalla Donne

Di Liddo in vasca nella serie più veloce, se la gioca con Bianchi ma ricordiamo che in gara c’è anche la rediviva Sarah Sjostrom. Ed è proprio Sjostrom che torna oggi in gran spolvero e tocca per prima in 57″65.

Podio: Sjostrom 57″65, Di Liddo 57″93, Bianchi 57″95

200 Farfalla Uomini

Burdisso ma sopratutto Milak sono gli unici detentori di record in gara. Burdisso bella prova anche se scivola al terzo posto

Podio: Milak  1’53″18, Gomes 1’55″36, Burdisso 1’55″72

Burdisso: “abbastanza bene, sensazione non al massimo come è giusto che sia appena sceso da altura. Un po’ di down fisico ma stiamo lavorando. Milak è uno stimolo, utile”.

100 Dorso Donne

Coleman, Toussaint e Panziera, ma anche Kubova, le nuotatrici su cui concentrare l’attenzione. Coleman chiese agli europei la ripetizione della gara per un errore in partenza che portò alla vittoria Panziera nella ripetizione della gara, lagara anullata l’aveva vinta Toussaint. Vediamo come andrà oggi. Kira Toussaint  parte a razzo in corsia quattro. Indietro Panziera. Ma si aggiudica comnunque il terzo posizione con un recupero. Purtroppo c’è un tempo più veloce nella serie precedente e per Panziera niente podio.

Podio: Toussaint 59″23, Coleman 59″62, Loeyning 1’00″00

Panziera: “Speravo di fare sotto il 60 però da questo sette colli non mi aspetto grandi prestazioni. L’importante è gareggiare anche quando la forma non è al top per gestire la gara e le emozioni. Ho sbagliato parecchie cose, domani vediamo il 200 ma la testa è al prossimo mese.”.

50 Dorso Uomini

Tutti sulla stessa linea alla partenza tranne Mora che sembra avanti. Sabbioni recupera e chiude prima di tutti, secondo posto ex aequo per Mora e Laitarovski. Mora squalificato, sembrava avanti per fase subacquea oltre i 15 metri. Per Sabbioni record personale.

Podio: Sabbioni 24″80, Laitarovski 24″96, Lamberti, 25″08

Sabbioni: “Non posso essere che felice, pubblico e amici sugli spalti… Un 50 cha a me non viene smpre bene ma ultimamente mi viene meglio che i 100. Però è quella che mi interessa di più che si farà alle Olimpiadi. Domani farò i 200 da outsider ma mi sono allenato per tutte e tre le specialità. Quindi può essere utilissima come gara e ce la metterò tutta ma senza la pressione che avranno gli altri.”.

400 Misti individuali Donne

Francseschi qualificata già per Tokyo, Cusinato e la grande Hosszu ovviamente favorita. Ma chissà, gustiamoci la gara. Hosszu prima ai 100 metri, Pirovano e Cusinato le stanno alle costole. Per adesso Franceschi è indietro di circa un secondo. Alla fine della fase di dorso Hosszu si allontana. Pirovano che ci stava provando scivola un po’ più indietro. Franceschi cosolida la seconda posizione. Garcia rimonta ed ecco il podio

Podio: Hosszu 4’36″31 Franceschi 4’37″90 Belmonte Garcia 4’39″37

Franceschi: “son contenta perché era una ultima gara di passaggio prima ddi tpkyo, fare questi tempi ora vuol dire che sto facendo un buon lavoro

400 Misti individuali Uomini

In gara Heidtmann, Verraszto (ex campione del mondo e tre volte oro europeo), Matteazzi e Razzetti che già si è guadagnato pass Olimpico e primato nazionale. Ed è proprio Verraszto  che subito a dorso si stacca dagli altri. Seguono Heidtmann e Razzetti. L’ungherese sembra ormai irraggiungibile. E la gara conferma le posizioni che abbiamo visto durante la gara.

Podio: Verraszto 4’09″57 Heidtmann 4’13″50,  e Razzetti 4’14″69

Razzetti: “Una buona gara, l’ho fatta un po’ per memorizzare. È un buon test pre olimpiadi”.

100 Stile Donne

Ecco una bella gara veloce, grandi nomi anche oggi: Kromowidjojo, Pellegrini, Sjostrom, Coleman, etc… Sjostrom si sta davvero mettendo alla prova dopo l’infortunio. Ma si parte dalla serie 3. È nella serie due che vedremo Di Liddo e Cocconcelli in vasca. Ad ogni modo miglior tempo per la prima serie è 55″59 di Origlia. Non abbastanza perché il miglior tempo è 54″09 per ora. Seconda serie Chiusa con tempi sotto al 54″09 per nessuna nuotatrice, Cocconcelli la migliore in 55″00.

Ed ecco la prima serie. Quella che ci darà il podio. Kromowidjojo subito la migliore subacquea. Heemskerk Kromowidjojoe bro ai 50 mt. Quarta posizione per Pellegrini. Heemskerk, Sjostrom e Kromowidjojo. Pellegrini quarta in 53″71.

Podio: Heemskerk 53″03, Sjostrom 53″47 e Kromowidjojo 53″55.

Pellegrini: “Contenta del 100 di oggi. Era un po’ che non nuotavo sotto 53 e 8 in una gara così bella. Visto che oggi di centiste ce n’erano e anche forti. Avere un po’ di brusio di nuovo durante la chiamata è una bella emozione”.

100 Stile Uomini

Il ritornello è Milak Miressi Ceccon Condorelli e Zazzeri. 49″12 il tempo di riferimento. Ma nella serie 3 c’è Filippo Magnini, Re Magno! Ma la serie si chiude con 49″76 un per lui. Santos 49″00 (nuovo tempo di riferimento), Izzo, Ballo e Codia gli stanno davanti. Con la seconda serie è 48″82 il nuovo tempo di riferimento.

Ma vediamo la prima serie. Ci si aspetta un Miressi d’oro. Condorelli parte velocissimo. Ceccon cerca la prima posizione. Miressi mette il turbo ai 75m. Ha la meglio Ceccon con il miglior Sile mai nuotato ai Sette Colli, 48″14.

Magnini: “Bello risentire il boato del pubblico. Spero sempre di nuotare più forte ma adesso è quello che ho.Spero di aver insegnato ai ragazzi di non mollare mai. Mi sono divertito oggi e meglio di così non potevo che concludere”. Ultima gara di carriera per Magnini che torna in gara dopo l’assoluzione completa dalle accuse di doping. Una chiusura dovuta e giusta, direi.

Podio: Ceccon 48″14 Miressi 48″16 Condorelli 48″49

Ceccon: “Non mi aspettavo questo tempo ma sto nuotando sempre più lo stile e si vedono i risultati. Ma sono frastornato. Avevo 48 e mezzo di migliore, è un sacco meno”.

Miressi: “Sapevo che non sono arrivato in forma ma 48″16 va benissimo. L’obiettivo è essere a mille tra un mesetto, son contento, bravo Thomas”.

50 Rana Donne

Direi Carraro, Pilato e Castiglioni. Molto reattiva la partenza di Pilato, rompe l’acqua al comando. Pilato sotto i trenta, 29″69, record dei campionati. Castiglioni e Alves.

Podio: Pilato 29″69, Castiglioni 30″06 e Alves 30″40

Pilato: “Non mi aspttavo di fare di meno. Va bene così. Ormai migliorare vuol dire fare il record del mondo quindi non è che posso ogni volta (ride 🙂 )”.

50 Rana Uomini

Vediamo tra Gomes, Lima, Kamminga, Martinenghi, Scozzoli e Poggio chi andrà a prevalere. Martinenghi, Lima e Gomes

Podio:Martinenghi 26″59, Lima 26″92 e Gomes 26″98

Martinenghi: “Qualche errorino ma dopo ieri lo permetto a me stesso. Una gara molto più tranquilla. Sempre bene pero’ nuotare su questi tempi. Tutto l’anno che nuoto sui 26 quindi è un ottimo range di tempo”.

800 Stile Donne

Penultima gara di oggi. Ovviamente Quadarella, e Caramignoli i nomi italiani. Ma ci sono anche Hassler, De Valdes e tante altre. Quadarella, Caramignoli e Hassler nella prima centinaia di metri. Quadarella è bene in testa ma Caramignoli fatica a tenere il secondo posto, lotta con Hassler. Hassler passa avanti ma poi controsorpasso di Caramignoli. Quadarella, al solito, sembra irragiungibile ai 550 m. Continua la lotta serrata tra Hassler e Caramignoli. La spunta Caramignoli. Ecco qui sotto il podio per questi 800m

Podio: Quadarella 8’23″25, Caramignoli 8’29″03 Hassler 8’30″17.

Quadarella: “Il passo giusto. Ero molto stanca. Da ieri avevo dolori ma ho fatto quasi il passaggio di ieri. Speravo di fare meno, visto il tempo di ieri. Ma dopo 24 ore da un 1500 a quell’intensità non è facile rimettersi in acqua. Quindi va bene. Domani penso farò i 400”.

Barelli: “Peccato che non abbiamo potuto ospitare tutto il pubblico che voleva esserci. Abbiamo mantenuto in maniera pedissequa il numero previsto dalle regola. Siamo ormai a un passo dalle Olimpiadi. I ragazzi si stanno preparando molto bene”.

800 Stile Uomini

Ultima gara di oggi. Alla prima virata Giovannoni davanti. Nessuno ancora scappa via nelle prime vasche. Rimane una linea compatta alla fine della quarta vasca. È ora che le corsie centrali avanzano un poco, e si fa vedere anche Acerenza che ai 300 metri è in seconda posizione. A metà gara se la giocano Christiansen, Acerenza e Johansson. Neanche Pereira Da Costa è del tutto fuori gara, ai 700 metri si è riportato in linea con i primi. Acerenza sembra soffrire un po’. Pereira, Christiansen e Johansson tagliano il traguardo. Acerenza quarto in 7’55″28.

Podio:Pereira 7’53″97, Christiansen 7’54″18 e Johansson 7’55″18

Acerenza: “Ci ho provato fino alla fine. In questo momento non ho molta velocità ma mi sento molto bene in acqua. Secondo me Paltrinieri sta bene e si riprenderà presto. Verso le Olimpiadi stiamo lavorando tanto e non abbiamo alleggerito molto per il sette colli e vediamo come andrà”.

Risultati del 27 Giugno 2021 – ultimo giorno del Trofeo Sette Colli 2021, si parte alle 18:30

elastici-piatti-stretching-riabilitazione-swimmershop

Ultima giornata al Foro Italico di Roma. Non vediamo l’ora di capire se ci saranno grandi sorprese. Questo nonostante, credo, tutti i nuotatori italiani siano in una fase di preparazione verso le Olimpiadi che non gli consente risultati sorprendenti.

50 Stile Donne

Tempo di riferimento perr ora Medeiros con i suoi 25″42. Ma ci saranno Sjostrom (che per questa gara detine il record del mondo), Pellegrini, Kromowdijojo, Blume e Cocconcelli. Subito 24″58 nella seconda serie per la Coleman, nuovo tempo di riferimento. Ma ecco la prima serie. Tutta velocità. Cocconcelli 24″09 è quarta e 24″98 per Pellegrini, sotto i 25″ credo fosse un tempo che cercava, non essendo la sua gara.

Podio: Blume 24″17, Sjostrom 24″25, Kromowdijojo 24″36

Pellegrini: “Sono strafelice. Sotto i 25 è sempre un grandissimo tempo per me. Conferma il mio stato di forma per questi giorni. Sono felice. Ora tre settimane di altura, l’ultimo step importante di allenamento. Partiremo da qua. In valigia metterò tanta cattiveria per le Olimpiadi”.

200 Dorso Uomini

Restivo, detentore del record italiano, è avanti. Finisce in 1’56″59, a pochissimo dal record italiano.

Podio: Restivo 1’56″59 Garcia 1’57″83, Mora 1’57″90.

Restivo: “Sinceramente non nego che sognassi di fare un decimo meno ma personalmente la situaizone codiv/lockdown ah influito tanto. Sono uscito provato a livello motivazionale. Quest’anno ho toccato il momento più buio della mia carriera dal punto di vista della consapevolezza. Oggi è un buon segnale”.

200 Dorso Donne

Un altra recordwoman per la specialità, Margherita Panziera in vasca. In testa di più di un secondo e mezzo rispetto a tutte le altre già a metà gara. Il podio è quasi scontato e lo trovi qui sotto. Ricordiamo che la campionessa del mondo della specialità, Reagan Smith, non si è qualificata ai trials americani e quindi le possibilità per questa gara sono aperte per tutte.

Podio: Panziera 2’08″08, Barzelay 2’10″76, Toma 2’11″14

Panziera: “Una bella occasione poter gareggiare qui sia perché per noi che abbiamo già i tempi è più rilassante ma è anche un test prima delle Olimpiadi. È veramente importante che siamo riusciti a farlo”.

50 Farfalla Uomini

Gara questa non presente alle Olimpiadi. Presente invece Govorov, campione del mondo, in vasca. Che fece proprio al settecolli. Vediam ocome se la caveranno Rivolta, Ceccon e Codia.

Govorov 23″19, Ceccon 23″42 (a due decimi dal record italiano), Ponti 23″53.

Ceccon: “La partenza in questi giorni non è il mio forte, la progressione è buona. I 50 delfino è una gara che mi piace e che mi viene anche bene. Quindi son contento.”.

200 Farfalla Donne

Hosszu, Cusinato, Pirovano, Bianchi, Bach, Polieri, Demler nella prima serie. Bianchi e Pirovano cercano il comando. Hosszu non forza. Bach Pirovano e Pirozzi in testa a meta gara. Hosszu scatta in avanti. Polieri grande gara, tocca per prima. Nell’ultima vasca scivolano via le protagoniste delle frazioni precedenti.

Podio: Polieri 2’08″80 Hosszu 2’09″19, Cusinato 2’09″70

Polieri: “Sono molto contenta perché dopo tanto tempo che non arrivava quello che speravo… è una prestazione che mi soddisfa. Ma anche relativaente perché nei miei piani c’era di fare molto meno. Son contenta di essere tornata un po’ sui miei tempi. Non avevo nemmeno preso una medaglia al sette colli e ora l’ho vinta. Son senza parole, non me l’aspettavo… Davanti a Hosszu.”.

200 Rana Uomini

Pochi italiani in questi 200 Rana? All’inizio tutti sulla stessa linea, Kamminga si stacca un po’. A metà gara solo Kamminga si è staccato in maniera netta. E infatti è lui che tocca per primo.

Podio: Kamminga 2’07″63 (record dei campionati) Pizzini 2’10″12, Koch 2’10″65

Pizzini: “Kamminga non lo vedevo neanche. Ma anche se lo vedevo era difficile stargli dietro (ride). È un bell’input perché tra rottura del braccio e covid non è stata una stagione facile e questo è un risultato che ripaga”.

200 Rana Donne

2’26″65 il tempo da battere delle serie precedenti. Castiglioni sembra cercare una gara equilibrata ed ha avversarie molto determinate. Fangio, Lecluise e Mamie al terzo 50. Fangio la spunta con un record italiano Francesca Fangio in 2’23″06. Il precedente record di Scarcella era imbattuto  dal 2009 e pure con il costume gommato!!

Podio: Fangio 2’23″06, Lecluyse 2’23″30, Mamie 2’23″95.

Fangio: “Mi aspettavo un po’ il risultato perché nel 100 di venerdi 1 sei e sette e avevo testato che la condizione era ottima. Nonostante il piccolo infortunio degli assoluti. Sono al settimo cielo, meraviglioso. Ilaria me lo diceva sempre che ce l’avrei fatta a battere il suo record”.

200 Stile Uomini

Vediamo se ci sarà qualcuno che potrà dare del filo da torcere a Dressel quando saremo a Tokyo. Gli atleti sono davvero molto forti. Intanto il tempo della quarta serie di Setin Sartori, 1’46″81, resiste per ora fino alla prima serie. In palio i posti per la staffetta 4×200 di Tokyo che per ora conta solo Stefano Ballo come qualificato. E finisce con un tempo migliore di 1’46″39, record del campionato per Milak.

Podio: Milak 1’46″39, Setin Sartori 1’46″81 (tempo che ha retto dalla quarta serie!), Di Cola 1’46″84

Di Cola: “È stato molto divertente, eravamo tutti lì per questo maledetto tempo per la staffetta ed è andata bene”.

400 Stile Donne

Quadarella in vasca. Tempo da migliorare 4’10″90 di Roncatto. Partenza ottima per Hassler. Caponi, Hassler e Quadarella nei primi 100m. E uguale ai 200m, la Caponi non molla. Quadarella passa in testa ai 250, Caponi inizia a cedere. Ed è in testa ora Quadarella che cerca di staccare Hassler. E tocca per prima.

Podio: Quadarella 4’06″88, Hassler 4’08″07 Roncatto 4’10″09.

Quadarella: “400 probabilmente non li farò a Tokyo. Ma oggi ci tenevo a farli, gareggiare è sempre un ottimo allenamento. È importante testarsi per avere degli stimoli. Sono davvero stanca. Ma l’europeo mi ha aiutato tantissimo. Ho ritrovato quella cattiveria che mi mancava da un annetto”.

200 Misti Individuali Uomini

Razzetti, detentore del record italiano, è in vasca. Ed è buona la sua partenza. Scatenati Heintz e Pumputi. Al momento della Rana si porta in vantaggio Razzetti, subito dietro Heintz che però molla l’osso.

Podio: Razzetti 1’58″34, Cohen 1’59″56, Coll 2’00″30

Razzetti: “Sono contento, ci tenevo a fare bene questa gara. Un buon test per la condizone, direi che è andata molto bene. Sarà la mia prima Olimpiade, so che mi divertitro, cercherò di godermi l’esperienza e fare al massimo le gare”.

200 Misti Individuali Donne

In vasca Cusinato, suo il record italiano. Ma ci sono anche Hosszu e Franceschi. Ai 100 m davanti la Cocconcelli. Ed è Franceschi che nella frazione Rana sorpassa Cocconcelli che pare in difficoltà. Franceshi in testa a tutte.

Podio: Franceschi 2’10″26 Hosszu 2’11″61, Ugolkova 2’11″87

Franceschi: “Un centesimo dal record italiano mi rimane un po’ qui. Ma ho fatto super gare, le sensazioni erano buone. Ora l’obbiettivo sono le Olimpiadi. Il salto di qualità si deve al preparatore, al nutrizionista e al mio babbo allenatore che ci ha creduto più di me”.

1500 Stile Uomini

Niente Paltrinieri come ormai sappiamo. Lamberti il primo tempo degli italiani nelle qualificazioni. Dalu vince.

Podio: Dalu 15’07″57 Kalmar 15’07″74 Lamberti 15’10″55

Chiudono le dichiarazioni di Butini: “a brevissimo usciremo con la squadra”.

Butini: “Devo fare i complimenti sia all’organizzazione che agli atleti. Hanno dimostrato di essere puntuali all’appuntamento che contava. Un grosso plauso ai tecnici. La mononuclesosi non ci voleva. Gregorio ha fatto una scelta importante legata alle sue ambizioni. Ha scelto un’altra conduzione tencica e in questo lo abbiamo supportato. Come sta? Si sta riprendendo e sente il supporto di tutti noi. È stato il traino di un gruppo che ora deve essere di supporto a Gregorio. Ha sensazioni migliori di quelle che aveva all’inizio ma dobbiamo modulare gli interventi rispetto alla sua condizione fisica senza essere troppo ottimitsi per non fare danno.

(Chi si aggiungerà alla spedizione di Tokyo dopo il sette colli?): Mantenere il trend di Budapest non è facile. Ma quelli che avevano anche già in tasca la qualifica hanno dimostrato, seppure non all’apice della condizione, hanno mostrato una buona condizione fisica. Ottimo il primato di Fangio. Ceccon continua a stupirci in tutte le specialità rilanciando la nostra staffetta in un ranking mondiale molto interessante. Cerchiamo adesso di fare il punto. Un salto in avanti delle giovanissime nei 4×200 stile, l’unica selzione per le Olimpiadi. Averle così giovani fa sperare bene nel futuro.

Faremo la proposta al CONI per favorire alcuni inserimenti favorendo quegli atleti che sono andati vicini al tempo limite o che hanno una posizione ben figurabile nel ranking mondiale. A brevissimo usciremo con la squadra. Nella 4×200 maschile abbiamo il vincolo di schierare alcuni atleti che devono essere anche nelle gare individuali. Cercheremo di mettere gli atleti nella posizione migliore. Fangio non dipende da noi che venga alle Olimpiadi, noi faremo la proposta di inserirla. Potrebbe essere un valore aggiunto per la staffetta ma dovremo proporla senza alterare gli equilibri di squadra. Dovremo confrontarci con il CONI. Noi cercheremo di portare Arianna per un valore aggiunto alla staffetta mista”.

3.2kviews

You may also like