Nuoto: 3 cose da sapere quando cambi allenatore

    passaggio-a-nuovo-allenatore-nuoto-consigli

    Foto: pixabay

    Nuoto: 3 cose da sapere quando cambi allenatore

    Durante la tua carriera da agonista è inevitabile che prima o poi cambierai allenatore. Potrebbe essere perché hai cambiato squadra o magari perché il vecchio allenatore è andato in pensione, o per mille altri motivi. Qualunque siano, il cambio dell’allenatore può dare preoccupazioni e ansie a nuotatrici e nuotatori. Quando è capitato a me mi sentivo incerto, non sapevo quali sarebbero stati i nuovi programmi di allenamentno e le nuove routine e come questo si sarebbe ripercosso sulla mia carriera sportiva.

    MAntieni sani i tuoi elastici da nuoto frenato

    Quindi come possiamo fare quando ci troviamo in una situazione del genere? Ecco cosa ho imparato e quelli che secondo me sono i consigli che posso dare a chi si troverà in una situazione come questa.

    1. Fidati del nuovo allenatore

    Appena il nuovo allenatore arriva sul piano vasca tutti i nuotatori e le nuotatrici trattengono il fiato. Che tipo sarà? Molto esigente? Sarà uno di quelli che ti dicono cosa fare e poi sta tutto il tempo seduto sul blocco di partenza a fissare lo smartphone? Sarà uno di quelli che ti strillano sempre? È importante non dimenticare che anche nella testa del nuovo allenatore frullando tutte queste domande. Questi nuotatori saranno scrupolosi o lavativi? Mi toccherà strillare per farli allenare come si deve?

    Il primo passo per instaurare una buona relazione atleta/allenatorə è la volontà di provarci e di dare all’altro una possibilità. Lasciandoti giudare dal nuovo allenatore potresti scoprire che ha nuovi modi per farti migliorare. O magari le serie di allenamento sono fantastiche e efficaci. Qualunque cosa succeda se non ti fidi del tuo allenatore non sperimenterai mai cose che possono migliorarti.

    2. Apri la mente

    Una delle cose migliori che possono capitare tra allenatore e atleta è un dialogo attivo. Senza dialogare, senza ascoltarsi e parlare, entrambi possono sentirsi esasperati. Questo ci allontana dai nostri obiettivi sportivi. Per un nuotatore o una nuotatrice può essere motivo d’ansia non sapere quali sono i piani che l’allenatore ha in mente per lui o per lei.

    Parlarne, avere una discussione sincera e chiarificatrice ogni volta che è necessario, funziona. Che tipo di allenamento programmeremo? In palestra

    Advertisement
    cosa faremo e con che obiettivi?Come sei abituato a recuperare tra un meeting e l’altro? Quali sono gli obiettivi per il finale della stagione agonistica? Si discute di quello che entrambi avete in mente e lo si modifica a seconda dei cambiamenti che si ritengono opportuni e migliorativi. Che sia l’allenatore o il nuotatore o la nuotatrice a proporli.

    Potresti scoprire che bastano un paio di chiacchierate con l’allenatrice/tore per eliminare le ansie e avere un programma migliorato ed efficace. Niente ansia vuol dire allenarsi meglio e con maggiore entusiasmo. È importante ricordare che gli allenatori e le allenatrici vogliono che tu abbia successo. Aprendoti e parlando con il tuo nuovo allenatore o allenatrice, sarete entrambi in grado di stimolarvi a vicenda e lavorare meglio per gli stessi risultati.

    occhialini-tracker-nuoto-smart

    3. Non giudicare troppo in fretta

    È sempre facile giudicare velocemente una nuova persona, ma spesso è anche il miglior modo per farsi un’idea sbagliata. La nuova allenatrice è diversa dal vecchio, ha un suo modo di allenar, o magari pensi che faccia durare decisamente troppo le serie di riscaldamento… e la lista potrebbe allungarsi all’infinito. Ricorda sempre che giudicare il modo in cui un allenatore gestisce l’allenamento è più facile che dire a se stessi “ok proverò questo nuovo metodo che è nuovo e non mi è per nulla familiare”. Ma uscire dalla tua comfort zone è una cosa che ti porta migliori risultati.

    Essendo stato sia un nuotatore che un allenatore, ho giudicato e sono stato giudicato. Tutto considerato, gli atteggiamenti negativi e i commenti sprezzanti fatti durante l’allenamento allontanano dal vero scopo per cui tu e l’allenatore siete in piscina: per migliorare le prestazioni e divertirvi mentre lo fate.

    Doversi relazionare con una nuova allenatrice o allenatore, ma anche essere la nuova allenatrice, allenatore, può essere un supplizio. A meno che tu non sia abbastanza furbo da trarre il meglio da tutta la situazione. Cercando di essere aperto al cambiamento e disposto ad ascoltare.

    Articoli Simili:

    Nuoto: allenarsi fuori stagione, qualche trucco da professionista
    Nuoto: allenarsi fuori stagione, qualche trucco da professionista Allenarsi nel periodo estivo, a stagione agonistica finita, può essere stressante ma utile....
    Proteste alle Olimpiadi: le ragioni di chi non le vuole
    Proteste alle Olimpiadi: le ragioni di chi non le vuole In un articolo di Swimmingworldmagazine, Charles Hartley esprime alcune ragioni a favore della regola...
    Due vie verso il successo?
    Immaginiamo questo scenario. Avete per le mani un nuotatore di circa 9 anni e, come è normale, egli si troverà di fronte a un qualcosa di nuovo (anche se ha nuo...
    I benefici dello yoga per chi nuota
    I benefici dello Yoga per chi nuota Quali sono i benefici dello yoga per chi nuota? In qualsiasi tipologia di esercizio una delle cose più importanti è far s...
    Quali Buone Abitudini per Nuotare più Veloce?
    Buone Abitudini per Nuotare più Veloce Perché parliamo di "buone abitudini per nuotare più veloce"? Perché cambiare le proprie abitudini consap...
    La progressione nei 100 Dorso di McKeown per il record del mondo
    La progressione nei 100 Dorso di McKeown per il record del mondo L'australiana Kaylee McKeown debuttò ai campionati mondiali di nuoto 2017. Si tenevano a Bud...
    Consigli per combattere il freddo in piscina
    Consigli per combattere il freddo in piscina Ed è proprio prima di ferragosto che vi elargiamo un interessante articolo per prepararvi all'inverno. Sarà che tr...
    Demistifichiamo i falsi miti sul nuoto – parte 2, ridurre l'attrito frontale
    Demistifichiamo i falsi miti sul nuoto – parte 2, ridurre l'attrito frontale Eccoci al secondo mito da sfatare, puro debunking sul nuoto, pronti? Falso mito...

    You may also like