Confronto nel dettaglio: pinne corte Zoomer Gold o Zeta 2?

    zoomer gold

    Le pinne Zoomer Gold della FINIS

    Le pinne a pala corta conosciute come “Zoomer” sono in circolazione da un po’ di tempo ormai. Non c’è ancora un efficace sostituto per l’intensità che queste pinne riescono a portare in allenamento. La pressione dell’acqua in più che queste pinne riescono ad “acchiappare” forza l’utilizzatore ad attivare il basso addome e i flessori dell’anca mentre, in simultanea, fa lavorare i grandi gruoppi muscolari della gambe (quadricipiti e muscoli posteriori della coscia). Le pinne sono piccole abbastanza da permettere al nuotatore di mantenere un ritmo naturale della battuta di gambe. L’insieme di queste caratteristiche le rende adatte a nuotatori di ogni abilità, dal campione Olimpico al “guerriero del fine settimana”.

    Zeta 2

    Le pinne Zeta 2 della FINIS

    I due modelli più popolari di Zoomer sono le Zoomers Gold e le Z2. Entrambe queste pinne hanno caratteristiche uniche che forniscono all’utilizzatore un’esperienza leggermente diversa durante l’allenamento.

    Le Zoomers Gold sono più rigide e richiedono un discreto dispendio di forza per mantenere una frequenza consistente della battuta di gambe. Il nuotatore dovrà spingersi oltre la soglia della propria zona di comfort per nuotare con le Zoomers per un periodo di tempo prolungato. Come per ogni cosa nel nuoto, avrai bisogno di qualche allenamento per calibrarti su queste pinne, ma l’utilizzo costante ti darà quello scatto esplosivo e spinta di gambe che ha ogni nuotatore di livello.

    Advertisement

    Le Z2 Zoomers sono state progettate per allenare un’altra sensazione. La pala è leggermente più lunga rispetto a quella delle Zoomers Gold e i rilievi brevettati permettono di far lavorare bene la fase della battuta di gambe in cui il piede spinge verso il basso. Durante la spinta del piede verso l’alto la superficie più ampia e di particolare conformazione prende più acqua e richiede maggiore forza alla muscolatura di bassa schiena e posteriore della coscia. Il principio si basa su alcune ricerche che hanno evidenziato come gli animali acquatici più efficienti, come i delfini, abbiano una più forte spinta dal basso verso l’alto che non viceversa.

    Articoli Simili:

    Come scegliere le pinne da allenamento per il nuoto
    Nella la giungla di modelli tra cui scegliere ecco qualche consiglio su come scegliere le pinne da nuoto più adatte a te. Scegliere le pinne non è facile anche...
    Allenarsi per acque libere in piscina
    Allenarsi per acque libere in piscina Allenarsi per acque libere in piscina è completamente diverso rispetto a un allenamento "normale". Non solo è possibile s...
    Falsi miti sul nuoto - parte 3: il rollio è per ridurre l'attrito
    Falsi miti sul nuoto - parte 3: il rollio è per ridurre l'attrito Per favore non ditemi che non è credenza diffusa. E' una cosa che ho sentito da allenatori ...
    Usare gli elastici da allenamento a secco per prepararsi e allenarsi
    Gli elastici da allenamento a secco sono una risorsa usata meno del dovuto? Perché elastici da allenamento a secco? Lo stretching spesso viene sottovalutato me...
    Osservando i miei Master che si allenano - parte 2
    Osservando i miei master che si allenano (la seconda e ultima parte) C'è un'incredibile voglia di imparare Siccome i master che si allenano SCELGONO di allena...
    Nuoto e rotazione del corpo: andare più veloci!
    Nuoto e rotazione del corpo: andare più veloci! In nuoto e rotazione del corpo vediamo come, secondo Triathlete.com, un miglior rollìo fornisce maggiore ...
    VO2 max - cos'è?
    VO2max (Massimo Consumo di Ossigeno) è un valore che indica la massima quantità di ossigeno utilizzabile da un nuotatore in una determinata unità di tempo (di s...
    Vuoi Nuotare Veloce? Apri la mano!
    Vuoi Nuotare Veloce? Apri la mano! Se vuoi nuotare veloce pare sia proprio così. Nel nuoto agonistico spesso centesimi di secondo fanno la differenza. Secondo ...
    437views

    You may also like