Allenamento – allenamento tra due recuperi

    Allenamento – allenamento tra due recuperi – Nuoto on line

    Allenamento tra due recuperi è un allenamento per nuotatori di  CJ Fiala (Sports Marketing Lead per FINIS e agonista di livello mondiale, due volte qualificato alle Olimpiadi, gara preferita i 50 Stile Libero).

    Nel mondo del nuoto odierno molti nuotatori sono costretti a un periodo di tapering (scarico) doppio in brevi periodi di tempo.  Indipendentemente dal tipo di competizione, ad oggi ai unotatori viene chiesto di performare al massimo livello molto più spesso della classica scadenza “una volta alla fine dell’anno”!

    Sfruttare al meglio e nel modo corretto il lasso di tempo tra queste due competizioni è essenziale per riuscire alla fine della stagione! Una scuola di pensiero sostiene che i nuotatori debbano dare e faticare un pochino di più per avere qualcosa da recuperare durante la fase di scarico. La serie di allenamento/progressione di oggi aiuterà a simulare un allenamento di metà stagione

    Advertisement
    diminuendo un poco sulle quantità.

    Aprire i polmoni:

    • 8 x 25 Gambe Delfino in subacquea a :45

    Sentiti libero di utilizzare pinne corte, aggiungere resistenze (tipo paracadute regolabile), etc.

    • 4 x 75 Scendere nel conteggio bracciate e respirazione
      #1 – 11 bracciate per vasca, 5 respirazioni per vasca
      #2 – 10 bracciate per vasca, 4 respirazioni per vasca
      #3 – 9 bracciate per vasca, 3 respirazioni per vasca
      #4 – 8 bracciate per vasca, 2 respirazioni per vasca

    Ritrovare la velocità:

    • 4 x 125 all’85% del massimale
      100 stile completo [alla virata tieni la posizione dopo la capriola per 5 secondi con i piedi sul muro]
      25 al 100% di sforzo massimale
    • 6 x 50 così suddivisi:
      25 senza respirare
      25 in accelerazione
    • 4 minuti di recupero
    • 1 x velocità di gara con partenza dai blocchi cercando di fare il tuo miglior tempo

    Articoli Simili:

    Piramidali estremi, un allenamento per nuotatori tosti ma non troppo
    Piramidali estremi, un allenamento per nuotatori tosti ma non troppo In Piramidali estremi devi cercare di controllare il ritmo dei tuoi piramidali nonostant...
    Il recupero attivo o defaticamento: Perché è Bene Farlo e Come
    Il recupero attivo o defaticamento Il recupero attivo, al quale ci si riferisce anche come "nuotare sciolti", è quella serie di vasche che segue la parte più...
    Perché usare la tabella RPE (Classificazione dello Sforzo Percepito) può essere utile ai nuotatori
    La RPE o Ratings of Perceived Exertion (Classificazione dello Sforzo Percepito) può esserci utile? Alcune osservazioni: 1) La Classificazione dello Sforzo P...
    Esercizio - spalle strette a Stile Libero
    Perché spalle strette a stile libero? Come posizioni il corpo in acqua durante la nuotata ha un ruolo essenziale nel mantenere la velocità. Se guardi al tuo co...
    Stile Libero - Gambe di lato e ingresso della mano
    Impara a collegare il braccio che esegue la trazione al braccio che recupera in modo da avere un'altra freccia al tuo arco per migliorare lo stile libero. ...
    Falsi miti sul nuoto - parte 3: il rollio è per ridurre l'attrito
    Falsi miti sul nuoto - parte 3: il rollio è per ridurre l'attrito Per favore non ditemi che non è credenza diffusa. E' una cosa che ho sentito da allenatori ...
    Allenamento nuoto - rilassato vs. veloce
    Allenamento nuoto - rilassato vs. veloce Questo allenamento nuoto dell'atleta FINIS Heather Rose Scott (trovi l'originale su Set of the week: easy vs. fast). L...
    Esercizio "Stai sul PUNTO" - con elastici da nuoto frenato
    Esercizio "Stai sul PUNTO" - con elastici da nuoto frenato Gli elastici per il nuoto frenato sono un attrezzo meraviglioso per imparare come mantenere la pre...

    You may also like