Tutti gli stili – andatura tempo trainer dei Marlins of Raleigh

    Usare efficacemente il tempo trainer con l’andatura tempo trainer dei Marlins of Raleigh

    Per andatura tempo trainer dei Marlins of Raleigh dobbiamo ringraziare il nostro amico Paul Silver per aver condiviso con noi questa fantastica serie da allenamento. Non abbiamo avuto la possibilità di filmare l’allenamento dai Raleigh, così abbiamo chiesto ai nuotatori della SwimMAC di farlo, con qualche modifica che permettesse di lavorare in gruppo.

    Perché farlo:

    Quando si allena un gruppo di nuotatori piuttosto numeroso a volte è difficile tenere traccia dell’andatura di tutti. Utilizzando il Tempo Trainer PRO puoi dare quest’onere direttamente ai nuotatori.

    Come farlo:

    1 – Prendi dei Tempo Trainer e assegnali all’obiettivo di una corsia. L’obbietivo è il 50% del tempo in cui vuoi che i nuotatori di quella corsia completino un 25 m. nel caso del video li impostiamo a 7.00 – 7.50 – 8.00. Questo significa che i 25 dovrebbero essere fatti più velocemente di 14 – 15 o 16 secondi.

    2 – Quando imposti i Tempo Trainers con un tempo oltre i 5 secondi sentirai un doppio segnale scustico (beep). Quando i nuotatori sentono il doppio beep devono stare pronti. Appena lo sentono per una seconda volta devono scattare e PARTIRE!

    3 – Ora, sentirannno di nuovo il doppio beep all’incirca a metà del percorso, e lo scopo sarà di toccare il muro con i piedi durante la virata PRIMA di sentire il successivo doppio beep.

    Che ansia eh? Immagina che qualcosa ti stia inseguendo e di dover toccare il muro prima che questo qualcosa, il beep, ti acchiappi!

    Come farlo bene:

    Abbiamo iniziato questa serie con u  rapporto lavoro:recupero di 1:1. I nuotatori si preparano per fare la vasca (14 secondi), poi sentono il doppio beep dopo 7 secondi che è un “a postooo….” e al secondo doppio beep partono. Quindi 14 secondi di nuoto e 14 secondi di riposo.

    Nella fase successiva abbiamo saltato un beep di riposo. I nostri nuotatori dovevano partire dopo un solo doppio beep, quindi riposare solo 7 secondi. Metà tempo per riposare ma lo stesso tempo per fare la vasca! Ci sono davvero un’infinità di modi con cui giocare e modificare questa serie di ripetute. Un tempo minore per fare la vasca (abbiamo impostato i tempo trainer a .5 per la serie successiva) ma un maggiore tempo di recupero, e così via…

    Gioca, inventa, cambia stile e dà agli atleti la responsabilità di trovare un modo di arrivare in tempo a fine vasca. A ognuno il suo personale? Grande motivazione!

    Articoli Simili:

    Gli occhialini possono essere connessi all'insorgere di glaucoma?
    Si legge in un articolo di Swimmingscience: Per molti anni ci si è preoccupati che indossare gli occhialini aumentasse il rischio di glaucoma. Qual è la ...
    Antipaletta StrokeMax - la prova dell'allenatore
    Abbiamo fatto provare l'Antipaletta a un allenatore FIN, ecco che ne pensa: "La senzazione che si avverte utilizzando StrokeMax è essenzialmete paragonabile ...
    Allenamento - mescolare tecnica e resistenza
    Gli allenamenti che uniscono lavoro sulla tecnica alla normale routine sono sempre popolari, anche tra i master, perché spezzano la monotonia rendendo comunque ...
    Equilibrio a Stile libero e Connessione Con l'Acqua, Un Esercizio Efficace
    Equilibrio a Stile libero: come svilupparlo con un esercizio interessante L'equilibrio a Stile Libero è molto importante. Lo staff di Go Swim, durante una vi...
    La storia del nuoto - il XIX secolo (1800)
    La storia del nuoto - il XIX secolo (1800) Convinto dell'idea che il nuoto, e lo sport in generale, sia anche cultura (e del resto quale nuotatore non ha mai p...
    Stile Libero - semplice fase di presa
    Ecco un semplice esercizio che aiuta nella fase di presa a Stile Libero... con enfasi sulle cose semplici! [iframe https://www.youtube.com/embed/mWaqapTjhjs?...
    La terribile parola con la "F"
    La terribile parola con la "F" Viviamo in una società nella quale molte persone hanno il terrore della parola con la "F": Fallimento. La paura di perdere e d...
    Virate - ginocchia al mento!
    Nuotare veloce non è solo una questione di spinte potenti dal muro e posizione streamline. [iframe https://www.youtube.com/embed/PMrL22jf9hs?rel=0&sh...

    You may also like