Palette e paracadute nell’allenamento dei velocisti

    PARACADUTE-PALETTE-ESERCIZI

    Foto: mad wave

    Palette e paracadute, hanno un senso per i velocisti?

    Palette e paracadute sono attrezzi utilizzati l’uno per aumentare la propulsione, l’altro per frenarla. Li troviamo ormai su ogni piano vasca e in ogni allenamento ma, a dispetto del grande utilizzo, sono davvero poche le ricerche che ne supportano o sconsigliano l’utilizzo provandone o smentendone l’efficacia.

    Una ricerca (Telles, 2011) ha analizzato 4 condizione di resistenza nello stile libero: nessun attrezzo, palette, paracadute, palette + paracadute. Si è osservata, tramite analisi video (60 Hz), la relativa fase di bracciata per ogni arto, la velocità e la frequenza di bracciata relative ad ogni condizione.

    Nello specifico questi ricercatori hanno sottoposto i nuotatori a sforzo massimale di velocità e osservato la differenza di tempi tra ogni variazione di Stile Libero per determinare se l’indice di coordinazione cambiava a seconda del cambio di attrezzatura.

    paracadute-nuoto-frenato-trattenuto

    Soggetti

    Undici nuotatori maschi (età: 21.9 ± 4.5 anni; tempo migliore sui 50m: 24.23 ± 0.75 sec).

    Risultati

    paracadute per nuoto frenatoGli autori scrivono: “la frequenza di bracciata diminuisce in ogni condizione (P < 0.05) e la velocità diminuisce con il paracadute e con paracadute + palette (P < 0.05). La modalità di coordinazione cambia, nella nuotata senza attrezzi aumenta la distanza x bracciata (-2.3 ± 5.0%), in quella con le palette (-0.2 ± 3.8%), paracadute (0.1 ± 3.1%), e palette + paracadute (0.0 ± 3.2%) diminuisce. Nonostante queste variazioni non si osservano differenze significative nella durata delle fasi di bracciata braccio-destro/braccio-sinistro, o nell’indice di coordinazione”.

    Conclusioni

    Questa ricerca è interessante perché ha analizzato l’efficacia di attrezzi utilizzati comunemente dagli atleti. Troppo spesso questi attrezzi vengono utilizzati senza prove evidenti o senza conoscere l’argomento. Certo questo non vuol dire che certi attrezzi non si debbano utilizzare ma che, finché la ricerca non ne abbia confermato l’efficacia, dovrebbero essere utilizzati con molta parsimonia.

    Questo studio sottolinea bene la differenza tra il passaggio di uno stile, senza attrezzi, impostato sulla distanza X bracciata ad un altro, frenato, in cui questa impostazione cambia. Questa differenza è importante visto che molti nuotatori cercano proprio di migliorare la distanza percorsa per bracciata. Se l’obiettivo è questo allora forse utilizzare attrezzi non è consigliabile per questo tipo di velocisti.

    Da tener bene presente che questo studio si è occupato solo di velocisti e non dell’effetto di questi attrezzi su distanze lunghe/aerobiche. L’uso delle palette è diffuso nelle serie aerobiche senza che ci siano ricerche specifiche a provarne l’efficacia. Il nuoto frenato (con paracadute o con elastico da corsia) può essere usato per allenamenti specifici sull’incremento della forza finché si nuota vicino alla velocità massima (Schnitzler, 2011).

    In futuro la ricerca dovrà anazlizzare i differenti tipi di nuoto frenato e l’efficacia delle palette in rapporto alle lunghe distanze e al nuoto di fondo.

    (Di John Mullen)

    costumi nuoto uomo piscina resistenti al cloro

    Articoli Simili:

    Swimmershop si cimenta come editore con l'uscita di "Allenare forza e flessibilità nei nuotatori" di...
    Finalmente vede la luce un libro originariamente edito da ASCA (American Swimming Coaches Association) all'interno del quale l'autore -Ernest W. Maglischo- disc...
    9 Serie di test che i nuotatori amano (o odiano). Tu quale preferisci?
    9 Serie di test che i nuotatori amano (o odiano). Tu quale preferisci? Nel mondo del nuoto puoi esprimerti con una quantità di talenti innumerevole. Dalla ve...
    Tutti gli stili - andatura tempo trainer dei Marlins of Raleigh
    Usare efficacemente il tempo trainer con l'andatura tempo trainer dei Marlins of Raleigh Per andatura tempo trainer dei Marlins of Raleigh dobbiamo ringraziare...
    Stile Libero - Respirazione in acque libere
    Con l'avvicinarsi dell'estate e della stagione di Acque Libere ecco un consiglio tecnico che può aiutarti a prendere aria senza aggiungere affaticamento. ...
    Confronto e differenze tra gli Snorkel FINIS - Parte 1 di 6
    Da quando, anni ed anni fa, ho cominciato ad utilizzarlo in allenamento mi sono sempre fatto una domanda: “Quale snorkel FINIS è meglio utilizzare per le mie ne...
    Allenamento - nuoto lunga distanza con accelerazioni e controllo della respirazione
    Nuoto lunga distanza è 4600 metri e parecchio allenamento di respirazione In nuoto lunga distanza con accelerazioni e controllo della respirazione si lavora su...
    L'arte di essere genitore di un nuotatore
    Essere il babbo o la mamma di un nuotatore non è facile. Se lo fosse avremmo il quadruplo dei nuotatori rispetto a quelli che abbiamo adesso 🙂 .  Il genitore d...
    Teso per la gara? Ecco un punto di vista che potrebbe esserti d'aiuto.
    Una delle domande che ci si pone più spesso, come allenatori ma anche come atleti, è sul controllo dell'ansia in gara. Ci sono molte idee su come gestire i prop...
    1.2kviews

    You may also like