Nutrizione dello sportivo: il segreto di ogni campione

    Nutrizione dello sportivoQuando guardiamo un professionista di atletica leggera o un pugile dei pesi massimi alzare le braccia in segno di vittoria, il primo pensiero va al fisico e quindi all’allenamento. Ore e ore di palestra, di corsa e di esercizio: sono queste le basi del successo di un campione. Ma è davvero così? Non proprio. Se approfondiamo il background di un atleta, scopriremo che l’alimentazione svolge un ruolo altrettanto importante.

    Al giorno d’oggi non esiste sportivo serio che non presti la dovuta attenzione a ciò che mangia, consapevole dell’enorme differenza tra la semplice azione di sfamarsi e la ben più complessa arte della nutrizione. Per battere gli avversari e i propri limiti bisogna seguire una dieta bilanciata, con il giusto apporto di vitamine, sali minerali, proteine e altri elementi preziosi per l’organismo. Disattendere questo principio è un po’ come guidare una Ferrari e riempire il serbatoio con il carburante più economico. Al pari delle auto da corsa, le performance di un atleta dipendono anche dal tipo di benzina!

    Non a caso i più grandi campioni sono seguiti da nutrizionisti esperti, in grado di personalizzare un piano alimentare idoneo alla corporatura, al tipo di attività fisica, al periodo di stress o di riposo e così via. Chi non milita a livelli alti può comunque impegnarsi per raggiungere ottimi risultati, evitando cibi inutili e preferendo tutto ciò che nutre per davvero il corpo e la mente (non dimentichiamoci che durante un allenamento o una gara lo sforzo muscolare del fisico va di pari passo con l’enorme lavoro di concentrazione del cervello). Se poi mancano determinati apporti nutritivi o se c’è bisogno di una maggiore quantità di proteine, sali o altro, ecco che l’uso di integratori può diventare la soluzione. Un discorso, questo degli integratori, che vale in moltissimi sport e in particolare nel caso del nuoto. Vediamo perché.

    Advertisement

    UN CASO PARTICOLARE: L’ALIMENTAZIONE PER IL NUOTATORE

    Tuffarsi in acqua sottopone il fisico a uno shock termico non indifferente. Il principio è simile all’attività fisica svolta all’aperto durante l’inverno: uscire fuori subito dopo il pasto e mettersi a correre non è una scelta saggia, idem per il nuoto. Una volta consumato il pranzo, la cena o la merenda, è sempre meglio attendere la completa digestione. D’altra parte, nuotare un’ora a stomaco vuoto è ugualmente rischioso, sia per la salute sia soprattutto in termini di prestazioni. Come risolvere dunque il problema? La risposta consiste appunto nell’assunzione di integratori formulati per una pronta assimilazione, con tempi digestivi rapidi, l’ideale per garantire standard qualitativi e condizioni ineccepibili sotto ogni punto di vista, prima, durante e dopo l’attività fisica.

    A conferma dell’importanza dell’integrazione alimentare è la scelta fatta dalla Federazione Italiana Nuoto  che da 7 anni è seguita da HERBALIFE come fornitore ufficiale per gli atleti della nazionale e del team olimpico. Partnership oggi condivisa anche dal CONI per tutte le federazioni. Con una presenza da 37 anni in 94 paesi e prodotti certificati  da altrettanti ministeri indipendenti – Herbalife è Leader mondiale del settore, punto di riferimento per ogni sportivo che desidera esprimere il massimo potenziale atletico nell’agonismo come nel nuoto amatoriale. Allenamento, impegno e determinazione sono un obiettivo a portata di mano per chi utilizza i prodotti Herbalife.

    Scopri la linea completa:

    ottieni il tuo codice personale e
    approfitta del 25% di sconto su tutti i prodotti Herbalife
    !

    Ind. Member

    Articoli Simili:

    Nuoto a Rana Errori comuni e come risolverli #1
    Quando nuoti a Rana Errori comuni e come risolverli: una bracciata sbagliata Perché a Rana errori comuni sono molto diffusi? Rana è uno stile molto istinti...
    Confronto e differenze tra gli Snorkel FINIS - Parte 4 di 6
    Dopo aver dato un'occhiata allo Snorkel Standard e al respiratore Snorkel Junior, oggi vedremo le peculiarità dello Snorkel da Stile Libero Dopo aver ...
    Confronto e differenze tra gli Snorkel FINIS - Parte 6 di 6
    In questa nostra breve guida agli Snorkel frontali è bene anche sapere cosa NON FA il respiratore frontale. Benché si possa pensare che lo snorkel sia uno strum...
    Teso per la gara? Ecco un punto di vista che potrebbe esserti d'aiuto.
    Una delle domande che ci si pone più spesso, come allenatori ma anche come atleti, è sul controllo dell'ansia in gara. Ci sono molte idee su come gestire i prop...
    Nuoto e rotazione del corpo: andare più veloci!
    Nuoto e rotazione del corpo: andare più veloci! In nuoto e rotazione del corpo vediamo come, secondo Triathlete.com, un miglior rollìo fornisce maggiore ...
    Come trarre il massimo dall'esercizio gambe con tavoletta
    Tutti gli stili - gambe con tavoletta Molte persone pensano alla battuta di gambe con tavoletta come a un esercizio che possa rovinare il loro stile. La verità...
    Squat con palla BOSU per migliorare la streamline
    Squat con palla BOSU per migliorare la streamline Migliorare la streamline si può, vediamo come: utilizzando una piattaforma BOSU e una palla medica di peso ad...
    Stile Libero - Respirazione in acque libere
    Con l'avvicinarsi dell'estate e della stagione di Acque Libere ecco un consiglio tecnico che può aiutarti a prendere aria senza aggiungere affaticamento. ...
    388views

    You may also like