Osservando i miei Master che si allenano – parte 1

    Alcuni giorni la settimana alleno atleti della mia età, i Master. Le dinamiche di allenamento sono molto diverse rispetto a quelle dei ragazzi, e questo rende il lavoro molto molto interessante.

    Alleno i Master a mezzogiorno per cui ci sono atleti che sfruttano la pausa pranzo e nuotano anche per pulirsi la testa dalle rotture della mattinata di lavoro. Altri cercano solo un’attività che li porti fuori di casa per un pò di attività fisica e per mantenersi in forma e in salute. La cosa che li accomuna è di aver “portato le chiappe” in piscina di loro spontanea iniziativa, per passare il tempo con un gruppo di persone che condivide la loro stessa passione.

    master nuoto nuotatori swimmershop

    Con i masters non applico le regole di puntualità che chiedo ai giovani nuotatori – proprio perché le persone vengono da situazioni e impieghi diversi, non sarebbe bello sbraitare per un ritardo di qualcuno che si è appena precipitato dal lavoro o ha appena mollato i figli da qualche parte e roba simile. Capita che chi si allena come master possa arrivare anche con un ritardo consistente ma anche se dovesse nuotare solo 20 minuti, beh sono quei 20 minuti di passione che aiutano la giornata. Come allenatore il mio lavoro è far sì che quei 20 minuti vengano sfruttati al meglio dal mio atleta, perché questo è ciò di cui ha bisogno.

    Advertisement

    C’è una grande varietà di livelli di abilità – Nelle nostre 5 corsie gli intervalli per i 100 metri variano da 1:10 a 2:15.  Abbiamo sviluppato una suddivisione per cui i master sanno in quale corsia possono entrare. Anche i più veloci tra loro possono cambiare corsia se devono fare lavori di tecnica che magari richiedono minore velocità. Le serie sono sostanzialmente le stesse per tutti ma variano le ripetizioni, i recuperi e i punti focali degli esercizi. Allenare i master è anche questo, adattare il lavoro per atleti di 4 o 5 diversi livelli di abilità… allo stesso tempo, ovviamente! E possibilmente facendo in modo che l’allenamento sia divertente e impegnativo per tutti!

    I Master sorridono sempre o è un ghigno di consapevolezza? – Quando assegnate la serie potete vedere sul volto di alcuni master un sorrisetto che dice “ah! Questo me lo ricordo eccome!”. Ah essere di nuovo catapultati al tempo dell’agonismo giovanile! Quello che ora è un allenamento intero una volta era solo il riscaldamento 🙂 Può essere anche questo il bello di tornare ad uno sport che si è praticato in gioventù a livello agonistico: una reimpostazione di obiettivi e la consapevolezza di non avere più 4-6 ore al giorno per allenarsi come una volta. Ci piace ricordare la giovinezza ma non possiamo aspettarci di raggiungere di nuovo quei livelli e allora il punto è: ok, andrò più piano, ma non mi fermerò mai!

    […continua]

     

    Articoli Simili:

    Teso per la gara? Ecco un punto di vista che potrebbe esserti d'aiuto.
    Una delle domande che ci si pone più spesso, come allenatori ma anche come atleti, è sul controllo dell'ansia in gara. Ci sono molte idee su come gestire i prop...
    Elastici allenamento nuoto, sono utili per stretching ed esercizi a secco?
    Elastici allenamento nuoto, sono utili per stretching ed esercizi a secco? È possibile integrare con elastici allenamento nuoto il lavoro che facciamo in pales...
    Orologio contavasche automatico - Confronto tra SW202 Oregon e Pool-Mate della Swimovate
    Lo stato dell'arte dei contavasche automatici! Orologi che, grazie ad accelerometri avanzati riescono a contare vasche, bracciate e quant'altro, in automatico, ...
    Allenamento - Distanza per nuoto pinnato, di Stefano Konjedic
    Come promesso nello scorso post ecco il secondo allenamento di Stefano Konjedic, stavoleta con un lavoro sulla distanza e frequenza cardiaca di soglia. ALLENAM...
    Contavasche ad anello - differenze tra Speedo e Sportcount
    Con questo articolo vorrei porre a confronto due contavasche ad anello che a prima vista possono sembrare molto simili ma si differenziano invece sotto diversi ...
    Allenamento tecnica Misti speciale (di Jane Asher)
    Allenamento tecnica Misti speciale (di Jane Asher) Allenamento tecnica Misti è una serie di allenamento che ho visto fare a Jane Asher poco tempo fa. Jane è un...
    Filippo Magnini usa lo snorkel Finis in riscaldamento pre-gara al Trofeo Città di Milano
    Appena tornati da tre strepitose giornate di gare del Trofeo Città di Milano! La manifestazione era organizzata alla grande e merita il plauso di tutti per aver...
    Overreaching e Overtraining (4)
    Overreaching e Overtraining (4) L'Overreaching è una condizione nella quale gli atleti si allenano oltre le loro capacità di adattamento a quell'allenamento....
    876views

    You may also like