Quali muscoli è bene allenare in palestra quando si vuole un miglior risultato in vasca? – parte 1

    Un modo di migliorare nel nuoto è quello di incorporare allenamenti di forza (fuori dalla vasca – il cosiddetto allenamento a secco) nei tuoi allenamenti. Lavorare con pesi, o sulla forza a corpo libero, usando gli esercizi giusti, ti permetterà di sviluppare al massimo la forza applicandola al gesto tecnico (è fondamentale il legame tra gesto che si allena coi pesi e gesto che poi si utilizza in vasca). Tanto per dire, uno dei migliori nuotatori del mond0, Michael Phelps, ha fatto dell’allenamento della forza a secco uno dei punti chiave del proprio allenamento.

    Il nuoto è uno sport che usa la maggior parte dei muscoli del corpo, ma ci sono 5 gruppi muscolari che fanno maggiormente la differenza in un nuotatore.

    Muscolo Grande Dorsale

    Il grande dorsale e piazzato nel mezzo della tua schiena. Se spingi una mano contro l’altra di fronte alla parte bassa del petto dovresti sentir flettere il grande dorsale.

    Questi muscoli giocano un ruolo importante nella fase di trazione della bracciata. Questi muscoli si flettono e vengono utilizzati dal punto di entrata in acqua della mano e fino a che la stessa non oltrepassa il petto. Da quel punto in poi hanno un maggiore ruolo i tricipiti.

    Un esercizio che puo fare per rinforzare e sviluppare il grande dorsale sono le trazioni alla sbarra (e al mento). Mentre ti tiri su assicurati di avvicinare bene le scapole.

    Swimming Anatomy

    Advertisement
    Swimming Anatomy è il libro consigliato dalla USA SWIMMING, organizzazione del nuoto americano famosa a livello mondiale. McLeod, l’autore, ha supportato atleti del calibro di Lezak e Coughlin. Lo trovi QUI in ITALIANO

    Tricipiti

    I tricipiti sono i muscoli nella parte posteriore del braccio, nel punto opposto ai bicipiti. Questi muscoli vengono utilizzati per la fase di spinta della bracciata a Stile Libero, Dorso e Delfino.

    Essi forniscono propulsione e e ti permettono di completare la bracciata ai fianchi. Senza questa fase, e senza l’ausilio di questi muscoli, dovresti fare molte più bracciate per vasca e andresti più lentamente (ti sarà capitato sicuramente di vedere in vasca qualcuno che nuota mulinando velocissimo le braccia e che, nonostante questo, va molto più lento di te o di altri che hanno una bracciata più rilassata ma ben allungata).

    Un esercizio, il più classico direi, che puoi fare per migliorare sono le estensioni dei tricipiti all’Ercolina, spingendo un perso verso il basso dal petto alla vita, con i gomiti ben aderenti al corpo.

    Tricipiti allenamento nuotatori

    Swimming Anatomy è il libro consigliato dalla USA SWIMMING, organizzazione del nuoto americano famosa a livello mondiale. McLeod, l’autore, ha supportato atleti del calibro di Lezak e Coughlin. Lo trovi QUI in ITALIANO

    Fine prima parte – Domani la seconda

    Articoli Simili:

    Allenamento nuoto - Gambe e il tuo secondo stile preferito
    Allenamento nuoto - Gambe e il tuo secondo stile preferito In Allenamento nuoto - Gambe e il tuo secondo stile preferito proviamo a concentrarci su uno stile c...
    Allenamento - una Farfalla che non ti distruggerà
    Oggi una serie Farfalla… una che ti metterà alla prova ma senza distruggerti. 8 X 50 con un recupero/ripartenza che ti dia almeno 10-15 secondi di riposo. L...
    Esercizio - equilibrio a Stile Libero con pull buoy
    Usare il pullbuoy per annoiarsi meno e migliorare si può! Il pull buoy viene usato raramente per insegnare a padroneggiare l'equilibrio MA utilizzandolo in mod...
    Stile Libero - giochi di testa
    La posizione migliore della testa dipende più dal tuo stile che da altro. Ecco un esercizio che dovrebbe aiutarti a sperimentare e capire quale posizione di...
    Virate - esercizio virata con pausa di Joao De Lucca
    A cosa serve un esercizio virata con l'interruzione di una pausa? Ce lo mostra Joao De Lucca in questo esercizio virata con pausa. Le virate fatte bene non dip...
    I nuotatori dovrebbero mangiare PRIMA dell'allenamento di mattina presto?
    di JILL CASTLE, MS, RDN Al giovane nuotatore può capitare, quando si allena al mattino presto, di saltare la colazione. Prendete Henry, ad esempio. Preoc...
    VO2 max - cos'è?
    VO2max (Massimo Consumo di Ossigeno) è un valore che indica la massima quantità di ossigeno utilizzabile da un nuotatore in una determinata unità di tempo (di s...
    Swimmershop si cimenta come editore con l'uscita di "Allenare forza e flessibilità nei nuotatori" di...
    Finalmente vede la luce un libro originariamente edito da ASCA (American Swimming Coaches Association) all'interno del quale l'autore -Ernest W. Maglischo- disc...
    1.4kviews

    You may also like