Confronto dettagliato tra le pinne corte Zoomer Gold e le Z2

    La pinna a pala corta conosciuta come “Zoomer” è ormai in giro da parecchio tempo. Non c’è un sostituto efficace per l’intensità di lavoro che queste pinnette portano in ogni allenamento. La pressione aggiuntiva sull’acqua che le Zoomer riescono a esercitare costringono l’utilizzatore a usare i muscoli del basso addome e i flessori dell’anca mentre al contempo fanno lavorare i maggiori gruppi muscolari delle gambe, come i quadricipiti e bicipite femorale. Le pinne, però, sono abbastanza piccole da permettere a chi le utilizza di mantener euna battuta di gambe molto naturale, sia come movimento che come frequenza. La combinazione di queste caratteristiche le rende perfette per nuotatori di ogni abilità, dal campione Olimpico al guerriero del fine settimana.

    I due modelli più popolari di Zoomer sono le Zoomers Gold e le Z2. Entrambe hanno caratteristiche uniche che forniscono diverse esperienze e sensazioni al nuotatore.

    Zoomer goldLe Zoomers Gold sono una pinna più tradizionale, a pala più rigida, richiedono un discreto sforzo per mantenere un’andatura costante. Il nuotatore, qualunque sia il suo livello di abilità, si troverà a dover oltrepassare il limite dalla propria zona di rilassamento per nuotare con queste pinne corte per un determinato lasso di tempo. Come con molte altre cose nel nuoto avrai bisogno di un po’ di tempo per calibrarti su queste pinne ma l’utilizzo costante ti premierà con uno scatto esplosivo degno di un agonista di livello.

    Advertisement

    Z2Le Z2 Zoomers invece sono state pensate per stimolare sensazioni e modificazioni diverse nel corpo. La pala è leggermente più lunga di quella delle Zoomers Gold e la sua particolare struttura permette una fase della battuta di gambe “alto-basso” abbastanza rilassata. Al contempo quando la gambata muove dal basso verso l’alto, la superficie più ampia cattura molta più acqua e richiede uno sforzo maggiore da bicipite femorale e bassa schiena. Ricerche recenti suggeriscono che gli animali acquatici più efficienti (come i delfini) abbiano una maggiore potenza nel movimento basso-alto che viceversa. Queste pinne ti permettono di allenarlo in maniera specifica!

    Articoli Simili:

    Un consiglio da Henri Schoeman che usa la tavoletta da allineamento FINIS
    Il grande Schoeman ci mostra un doppio uso della tavoletta da allineamento FINIS La tavoletta da allineamento FINIS utilizza un design idrodinamico per miglior...
    Partenze - schiena piatta
    Nuotatori, avete sentito almeno una volta il vostro allenatore dirvi "schiena piatta in partenza" e non sapevate a cosa si riferisse? Ecco la cosa illustrata in...
    Virate - ginocchia al mento!
    Nuotare veloce non è solo una questione di spinte potenti dal muro e posizione streamline. [iframe https://www.youtube.com/embed/PMrL22jf9hs?rel=0&sh...
    I sei princìpi secondo Karlyn Pipes-Neilsen
    In questo video di Karlyn Pipes-Neilsen questa interessante nuotatrice condivide con noi alcune delle cose a cui pensa mentre nuota.Sono punti chiave su cui con...
    Allenamento - poche facili vasche per migliorarsi
    Jill Dahle della Finis è stato un agonista e adesso è un allenatore. Ecco cosa suggerisce come allenamento facile per lavorare su alcuni aspetti tecnici di ...
    Come Fare la Partenza a Dorso Migliore (e come insegnarla in 5 semplici passi)
    Come Fare la Partenza a Dorso Migliore (e come insegnarla in 5 semplici passi) Ti sarai chiesto spesso come fare la partenza a dorso migliore. Finalmente la so...
    Virata aperta, un esercizio per impararla bene - Parte 3
    Ecco la terza fase dell'esercizio per imparare bene la virata aperta. Anche se sai come virare questo esercizio aumenterà la tua velocità di rotazione aumentand...
    Partenze a staffetta e lavoro di squadra
    Lavorare sulle partenza delle staffette significa "variare" e capire quale sia lo "slancio" di uno specifico nuotatore. Perché farlo: Siccome può capita...
    627views

    You may also like