Stile libero – battuta di gambe dalle anche

Lo sviluppo di una battuta di gambe corretta inizia con l’insegnamento che “meno è meglio” e continua con una grande concentrazione durante le serie di gambe.

[iframe https://www.youtube.com/embed/X2ipwMgVXYU?rel=0 640 480]

Perché farlo:
La battuta di gambe dello Stile Libero è quella più usata nel nuoto, quindi possiamo tranquillamente considerarla un elemento fondante del nuoto agonistico. Imparare ad imbrigliare la potenza del tuo corpo evitando di spendere troppa energia nella battuta di gambe è una lezione importante.

Come farlo:
1 – Spingiti dal muro impugnando una tavoletta e cerca di tenere le mani vicine in una linea stretta con la testa bassa e guardando avanti. Non distrarti guardando o chiacchierando con gli amici di corsia!
2 – Sposta la concentrazione sulle anche cercando di fare in modo che tocchino appena la superficie dell’acqua. L’allineamento del corpo è molto importante quando si usano attrezzi.
3 – Ora pensa di nuovo alle gambe. Se senti la muscolatura affaticata assicurati di stare usando le anche, e non le cosce, per far partire il movimento. Cerca di capire quali muscoli si stancano prima e capirai se la tua battuta di gambe è corretta e quindi produttiva.
4 – Infine pensa ai piedi. Cerca di tenerli sotto la superficie dell’acqua. I piedi devono venire fuori solo un pochino e non stare alti sopra la superficie.

Come farlo davvero bene (i punti essenziali):
Tieni i piedi ben puntati e la battuta di gambe stretta (non ampia). Le ginocchia dovrebbero piegarsi solo un po’. Se osservi la nuotatrice del video vedrai che al ginocchio la gamba quasi non si piega e se lo fa è comunque ad un angolo appena accennato. Devi tenere a mente che non stai soltanto cercando di sviluppare una gambata efficace ma anche cercando di nascondere le gambe nel tunnel che il tuo corpo scava nell’acqua!

Infatti è in questo che il “meno è meglio” diventa più evidente. Diminuendo l’ampiezza della battuta di gambe crei meno attrito e necessiti di meno potenza per spingerti avanti. Capire questi concetti del nuoto molto presto, in età giovanile, può portare a molte scoperte su come nuotare più veloce mano a mano che cresci e diventi più grande e più forte.

3.5kviews

Articoli Simili:

Una bracciata nel tempo - di Emmett Hines (1)
Una bracciata nel tempo - di Emmett Hines (1) Eccoci a ripubblicare un altro articolo dell'interessantissimo e capace allenatore Emmett Hines, già autore di ...
Gambe rana a pancia in sù con Tempo Trainer PRO
Gambe rana a pancia in sù , un esercizio utile Se devi lavorare sulle tue gambe rana non devi pensare solo a quanta acqua spingi indietro ma sopratutto al tuo ...
Come usare gli elastici da allenamento a secco con palette - qualche consiglio
La progressione di apprendimento per nuove abilità motorie e schemi di movimento segue quest'ordine: 1. Impara lo schema di movimento eseguito lentamente ...
Allenamento - Gambe pullbuoy e accelerazioni controllate
Gambe pullbuoy e accelerazioni controllate In gambe pullbuoy e accelerazioni controllate potrai mettere alla prova capacità di scattista e resistenza. un all...
Allenamento - aerobico con una "strinata" di gambe sul finale
Riscaldamento: 1 x 200 a piacere Serie Principale: 8 x 25 vasche dispari a Dorso, vasche pari battuta di gambe a Delfino in immersione; recup...
L’importanza della tecnica del nuoto
Per quanto tu possa ritenere importante la tecnica del nuoto, lo è di più. E rieccoci qui con un altro articolo, come avrete dedotto dal titolo, oggi mi piacer...
Remate Nuoto, Ecco Cosa Sono e Come Allenarle al Meglio
Remate Nuoto, ecco cosa sono e come allenarle al meglio Le remate nuoto sono un esercizio che serve ad allenare molte caratteristiche del tuo stile, migliorand...
Allenamento - variare moltissimo una volta ogni tanto
Ecco un allenamento estremamente variato che può essere fatto per allentare la tesnione continuando comunque a lavorare sodo. Avrai bisogno di: 1 palla ogni ...

You may also like