Tapering – Volumi settimanali di allenamento (11)

    Gli allenatori hanno intuitivamente utilizzato riduzioni di volume oscillanti tra il 30% e il 90% durante il Tapering.

    In studi dai quali sono emersi miglioramenti delle prestazioni dei nuotatori a seguito di Tapering, le riduzioni del volume di allenamento erano tra il 60% e il 90% in meno dei massimi stagionali (Costill 1985; D’Acquisto 1992).

    I ricercatori suggeriscono che i volumi di allenamento debbano essere ridotti dell’80% o 90% del volume normale durante periodi di scarico BREVI (meno di 10 giorni) e del 60%/70% durante i periodi più lunghi di recupero.

    Durante una ricerca, in cui il volume settimanale di allenamento fu ridotto del 62%, la performance dell’atleta non migliorò a seguito di un Tapering di 7 giorni. Per contro, la prestazione migliorò (del 22%) nella corsa fino ad esaurimento (run to exhaustion) quando il volume di allenamento venne ridotto del 90% su un identico periodo (Sheply 1992). In un altre ricerca la riduzione nel volume di allenamento dell’85% per 7 giorni migliorò la performance del 3% su una corsa di 5000 m (Houmard 1994).

    In contrasto con questi risultati, le prestazioni dei nuotatori registrano dei miglioramenti in diverse ricerche nelle quali il volume di allenamento viene ridotto dal 65% all’80% per Tapering di durata dalle 2 alle 4 settimane. (Anderson 1992; Costill 1985; D’Acquisto 1992; Mujika 1996).

    Volumi giornalieri di allenamento

    Advertisement

    Troup (1989) riferisce che le prestazioni possono essere mantenute fino a 5 settimane anche quando la durata dell’allenamento giornaliero passa da 3 ore a 1 ora al giorno se la frequenza di allenamento rimane di 6 giorni la settimana e una parte di esso viene eseguita a velocità maggiori della velocità di soglia anaerobica.

    Il risultato di uno studio di Hickson e collaboratori (1982) supporta questi risultati. Essi dimostrano che la resistenza può essere mantenuta con una riduzione del 35% della durata dell’allenamento quotidiano, a patto che la frequenza di allenamento settimanale sia mantenuta a 6 giorni la settimana. Il livello di resistenza permane senza scadimenti, su gare della durata non superiore a due minuti, anche quando la durata dell’allenamento viene ridotta del 68%, ma, in questo caso, le prestazioni su gare più lunghe peggiorano del 10%!! Hickson e i suoi collaboratori riferiscono anche che gli atleti possono mantenere la propria performance fino a 15 settimane, a patto che mantengano un allenamento di almeno 60 minuti al giorno per 4 giorni la settimana.

    Articoli Simili:

    Dorso - battuta di gambe con palla medica
    Dorso - battuta di gambe con palla medica Non tutti gli esercizi vertono sulla corretta posizione del corpo, questo di sicuro non è uno di quelli. [iframe h...
    Stile libero - orientarsi in acque libere
    Stile libero - orientarsi in acque libere Ecco un esercizio veloce che può aiutarti a imparare una buona tecnica di orientamento in acque libere e triathlon....
    Palette e paracadute nell'allenamento dei velocisti
    Palette e paracadute, hanno un senso per i velocisti? Palette e paracadute sono attrezzi utilizzati l'uno per aumentare la propulsione, l'altro per frenarla....
    Stile Libero - battuta di gambe con elastico alle caviglie
    Ecco un modo divertente di utilizzare l'elastico ferma caviglie Swimmershop che può aiutarti a migliorare tantissimo la battuta di gambe. [iframe https://www...
    Tecnica Del Nuoto: Recuperare 20 Secondi in 100 Metri Migliorandola.
    Perfezionare la Tecnica del Nuoto può farti abbassare i tempi in un modo che neanche ti aspetti! La tecnica del nuoto è tutto. Tabitha è una triatleta che ha f...
    Allenamento - Dorso e Delfino (n.16)
    Obiettivo di questo allenamento è concentrarsi su Dorso e Delfino con particolare attenzione al tempismo e alla tecnica. Non perdetevi a fantasticare ma state c...
    Esercizio - allungo in avanti
    Esercizio - allungo in avanti Perché un esercizio sull'allungo in avanti? Beh tra i tanti motivi c'è che per raggiungere i tuoi obiettivi puoi iniziare con il ...
    La storia del nuoto - il XIX secolo (1800)
    La storia del nuoto - il XIX secolo (1800) Convinto dell'idea che il nuoto, e lo sport in generale, sia anche cultura (e del resto quale nuotatore non ha mai p...

    You may also like