Individualizzare il Tapering (23)

    Ogni singolo individuo è così diverso dall’altro che una miriade di variabili possono influenzare il delicato equilibrio tra i vari tipi di allenamento finalizzati a produrre una migliore prestazione.

    Età, sesso, durata della gara, quantità di allenamento precedente e capacità individuale di recuperare, sono tutte variabili che influenzano quest’equilibrio. Per questo molti nuotatori necessitano di un Tapering fatto “su misura”. La lista che segue elenca alcuni dei più comuni adattamenti richiesti durante il Tapering Individualizzato.

    • I nuotatori più grandi sembrano aver bisogno di un tempo maggiore per recuperare. Probabilmente perché, rispetto ai nuotatori molto giovani,  hanno più tessuto muscolare e maggiore potenza anaerobica. Di conseguenza essi avranno bisogno di più tempo per riparare e accrescere quei tessuti durante il periodo di recupero.
    • Le nuotatrici sembrano aver bisogno di meno tempo per recuperare rispetto ai loro colleghi di sesso maschile.
    • I fondisti dovrebbero mantenere, in genere, un maggiore volume di allenamento durante il Tapering e la durata di questo tapering dovrebbe essere più breve rispetto a quella degli sprinter. I fondisti in genere recuperano più velocemente le fatiche d’allenamento e non possono permettersi il rischio di perdere la loro capacità aerobica riposando troppo a lungo o riducendo troppo il volume di allenamento.
    • I velocisti, per essere certi di avere ottimizzato la loro potenza anaerobica, hanno solitamente bisogno di ridurre maggiormaente il loro volume di allenamento e di usare Tapering più lunghi.
    • I nuotatori che si allenano 10 o 11 mesi all’anno sembrano recuperare più velocemente di coloro i quali si allenano solo per alcuni mesi dell’anno. Atleti che si allenano regolarmente durante l’anno sono generalmente meglio “adattati” e quindi tendono a recuperare più velocemente, siano essi velocisti o fondisti.
    • Advertisement

    Questa lista dovrebbe mostrare chiaramente come il tempo necessario per produrre un effetto di recupero può essere diverso da una persona all’altra. Gli allenatori preparati sull’argomento Tapering sanno come determinare e correggere le risposte di certi individui al processo di recupero. Gli allenatori dovrebbero essere sempre pronti a modificare il loro programma generico di Tapering per tutti quei nuotatori che, ad esso, non rispondono bene. In quei casi gli allenatori possono fare affidamento solo sull’esperienza personale e sulla conoscenza dello specifico atleta che stanno allenando per determinare quali cambiamenti apportare al programma.

    Articoli Simili:

    Allenamento - aerobico con una "strinata" di gambe sul finale
    Riscaldamento: 1 x 200 a piacere Serie Principale: 8 x 25 vasche dispari a Dorso, vasche pari battuta di gambe a Delfino in immersione; recup...
    Contavasche ad anello - differenze tra Speedo e Sportcount
    Con questo articolo vorrei porre a confronto due contavasche ad anello che a prima vista possono sembrare molto simili ma si differenziano invece sotto diversi ...
    Virata aperta, un esercizio per impararla bene - Parte 2
    Virata aperta, un esercizio per impararla bene - Parte 2 Ecco la seconda fase dell'esercizio per imparare bene la virata aperta. Anche se sai già come farle ...
    Consigli dagli agonisti - Strategie di gara sui 100m Rana e Farfalla di Robert J. Bonomo - Parte 3
    100m Rana: Strategia: Come nelle gare sui 50m l'inizio è una parte essenziale della gara visto che ogni millisecondo è importante. La differenza tra il ...
    Allenamento - Misti e scatti
    L'allenamento di misti di oggi è ispirato alle progressioni piramidali del crossfit RISCALDAMENTO: 1 x 400 a piacere SERIE RISCALDAMENTO: 1 x 2...
    Il parere di un Master sulla pinna EDGE di Finis
    Il parere di un Master americano sulle nuove pinne EDGE della FInis: È stato un allenamento fantastico con le pinne EDGE di Finis. Sono arrivato al punto che...
    Allenamento a circuito per nuotatori: 7 motivi per includerlo nei tuoi programmi
    Allenamento a circuito per nuotatori: 7 motivi per includerlo nei tuoi programmi L'allenamento a circuito per nuotatori può essere un vantaggio per chi pratica...
    Perché usare la tabella RPE (Classificazione dello Sforzo Percepito) può essere utile ai nuotatori
    La RPE o Ratings of Perceived Exertion (Classificazione dello Sforzo Percepito) può esserci utile? Alcune osservazioni: 1) La Classificazione dello Sforzo P...

    You may also like