Le 4 funzioni della battuta di gambe nel nuoto

    funzioni battuta gambe nuoto

    Ecco le 4 funzioni della battuta di gambe nel nuoto

    Gary Hall, famoso allenatore di molti olimpionici del nuoto statunitense, ci illustra rapidamente alcuni suoi pensieri e caratteristiche sulla e della battuta di gambe. Ci sono 4 funzioni a cui devono adempiere le gambe nel nuoto. La propulsione è la parte della battuta di gambe che ti permette di spostarti in avanti. Quando generiamo potenza con gli arti inferiori il nostro obiettivo è di muoversi velocemente in avanti in modo da arrivare nel minor tempo possibile all’altro estremo della vasca.

    migliori tavolette nuoto swimmershop

    Con una battuta di gambe efficiente utilizziamo le gambe proprio per questo. Senza efficienza l’acqua, e quindi l’energia sviluppata, viene dispersa lateralmente o in altro modo. Quindi la propulsione delle gambe è una delle funzioni che cerchiamo nella nostra ricerca di un miglioramento della nostra nuotata.

    Ad esempio nel triathlon una delle grandi controversie è l’importanza della battuta di gambe. Molti triatleti pensano sia meglio riposarle durante una gara per utilizzarle al meglio in bici e corsa. Altri credono che utilizzarle nel modo giusto li aiuti ad andare più veloci nella parte in acqua e a preparare i muscoli per una migliore prestazione in bici e a piedi.

    Qualsiasi strategia sia la migliore una cosa è certa: la funzione e l’importanza della battuta di ga,be sono spesso fraintese. Ecco una veloce panoramica sulle 4 funzioni della battuta di gambe nel nuoto:

    Vediamo tutte e 4 i modi in cui le gambe ci aiutano a migliorare la nuotata

    1. Propulsione
    Le gambe ti aiutano ad andare più veloce. Per una propulsione ottimale è necessario utilizzare una battuta di gambe di sei colpi per ciclo di bracciata (vedi in fondo alla pagina).

    2. Sollevamento
    La battuta di gambe mentiene il tuo corpo più sollevato in acqua e ne riduce l’attrito.

    3. Forza stabilizzatrice
    Accoppiata con la contro-rotazione della parte centrale del corpo (CORE) la battuta di gambe dovrebbe andare incontro alla fase finale della trazione creando così una forza che aiuta ad aumentare la distanza/bracciata.

    4. Inerzia
    Una battuta di gambe di sei colpi per ciclo -tre volte più veloce della trazione- aiuta a mantenere la velocità tra le bracciate. È un modo più efficiente di nuotare rispetto a quello che rallenta e aumenta in maniera altalenante durante tutto il ciclo.

    Prova questi esercizi per migliorare la tua battuta di gambe:

    Aumentare la flessibilità delle caviglie. Lo stretching alle caviglie ti permette di aumentare l’ampiezza di movimento articolare. Lo scatto del piede alla fine del calcio gli fornisce la maggior parte della forza. Una caviglia flessibile massimizza questa potenza. Per la flessbilità delle caviglie possono essere utili esercizi con bande elastiche da stretching. Ma anche con le training band che vedi nel video e nell’immagine sottostante.

    blank

    Battere correttamente le gambe in allenamento. invece di battere le gambe “socializzando” prendete più seriamente le serie di gambe. Provate utilizzando uno snorkel frontale e una tavoletta da allineamento . Questo espediente non solo vi posizionerà nella maniera migliore e più corretta ma vi permetterà di allenare anche la streamline (posizione di scivolamento) mentre battete le gambe. Se dedicherete un’intera seduta di allenamento alla settimana alla battuta di gambe vi farete un grosso favore.

    Allenare le gambe anche a secco (in palestra). Puoi incrementare la forza e il condizionamento aerobico delle gambe e del CORE con esercizi appropriati in palestra.

    Due battute per ciclo Vs. sei battute per ciclo

    In un due battute/ciclo la gamba destra calcia verso il basso quando la mano sinistra entra nell’acqua e viceversa, seguita da un leggero sollevamento della gamba. Con sei battute/ciclo le gambe non smettono mai di battere in entrambe le direzioni!

    Gary Hall Sr

    Articoli Simili:

    Virata aperta, un esercizio per impararla bene - Parte 2
    Virata aperta, un esercizio per impararla bene - Parte 2 Ecco la seconda fase dell'esercizio per imparare bene la virata aperta. Anche se sai già come farle ...
    Allenamento - posizione del braccio a Dorso
    La posizione corretta della bracciata a Dorso è il punto focale di questa serie di allenamento. 3 ripetizioni di: 1 X 50 remate a Dorso Utilizza un pull...
    Virate - su e fuori! Allenare l'uscita dalla vasca.
    Allenare l'uscita dalla vasca è davvero importante. Ma tanto da fare la differenza? Come entri in acqua dice molto di te come nuotatore. Così anche la tua usci...
    Ansia e frequenza cardiaca nel nuoto agonistico
    Ansia e frequenza cardiaca nel nuoto agonistico Quella sensazione di tensione che prende prima di salire sul blocco è qualcosa che che tutti i nuotatori e le...
    Pronti per Rio 2016? Ecco il calendario del nuoto!
    I Giochi Olimpici stanno arrivando, gli atleti aggiustano gli ultimi dettagli e tutto è pronto per cominciare. Ecco il calendario delle competizioni per quel ch...
    La sicurezza in acque libere, consigli utili
    La sicurezza in acque libere, consigli utili Ecco alcuni pratici consigli per nuotare in sicurezza in acque libere. Ti saranno utili ogni volta che andrai a nu...
    Dorso e Palette senza elastico Agility
    Dorso e Palette senza elastico Agility Le Palette Agility Paddles sono un attrezzo tecnico eccellente per diverse ragioni; non solo favoriscono la posizione ...
    Corretta entrata della mano a Stile Libero nuoto secondo il grande Dave Scott - 3 errori comuni
    Corretta entrata della mano a Stile Libero nuoto secondo il grande Dave Scott La corretta entrata della mano a Stile Libero nuoto secondo il grande allenatore ...
    2.9kviews

    You may also like