L’allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla (di Gianni Cedolini)

    La “spalla del nuotatore”

    La “spalla del nuotatore” è una patologia infiammatoria dell’articolazione scapolo omerale che interessa diversi sport tra cui il NUOTO. Per questo nelle mie proposte di allenamento adatte al nuoto sarà sempre presente una serie di esercitazioni dedicate alla prevenzione di eventuali infortuni. Analizzando le lesioni muscolari possiamo affermare che spesso corrispondono ad una tendinite della cuffia dei rotatori, muscoli che circondano l’articolazione della spalla e colpiscono gli atleti sottoposti a carichi di lavoro quotidiani molto importanti sia dal punto di vista del volume che della forza applicata in questo distretto.

    La cuffia dei rotatori (sopraspinato, sottospinato, sottoscapolare e piccolo rotondo) mantiene la testa dell’omero nella cavità glenoidea della scapola. La lesione e l’infiammazione dei tendini di questi muscoli si verificano negli sport nei quali si deve portare frequentemente il braccio al di sopra della testa (per esempio; nuoto a stile libero, dorso e farfalla; sollevamento pesi; tennis; baseball).

    Un valido test da eseguire per valutare il grado di infiammazione è di effettuare un movimento portando il braccio in retroposizione, abduzione e intrarotazione a gomito disteso. Se l’atleta accusa dolore in corrispondenza dei tendini ha un infiammazione più o meno importante della cuffia dei rotatori. Nel caso che la valutazione risulti positiva è opportuno fermare l’attività e differenziare l’allenamento con esercizi che non coinvolgano la spalla (potenziamento arti inferiori, core stability, etc) dal momento che non è presente il dolore si può iniziare un recupero funzionale con movimenti di trazione, spinta e slancio prima a carico naturale poi con altri mezzi descritti successivamente.

    Chiaramente i carichi andranno inseriti in maniera progressiva. Il metodo applicato è sempre funzionale al movimento cercando di coinvolgere più catene muscolari in modo sinergico, gli esercizi sono effettuati in piedi perché è fondamentale che nel movimento intervengano i muscoli stabilizzatori del core. Solo nella prima fase della seduta si effettuano movimenti analitici con il braccio bloccato effettuando extrarotazioni dell’avambraccio sia interne che esterne.

    Esercizi di prevenzione e di potenziamento

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Pull al petto con 1 braccio

    Esercizio 1 – Pull al petto con 1 braccio: dalla posizione di affondo eseguire il movimento di trazione da braccio disteso fino a braccio flesso all’altezza della spalla.

    Attenzione a:

    • Il busto deve seguire il movimento effettuando una leggera torsione in modo da attivare anche la muscolatura addominale.

    Variante:

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Push al petto con 1 braccio – variante 2

    Esercizio 2 – Push al petto con 1 braccio: dalla posizione di piedi
    paralleli effettuare delle spinte di un braccio dalla spalla fino alla
    completa distensione del braccio.

    Attenzione a:

    • Mantenere una posizione di stabilità senza portando il busto leggermente inclinato in avanti.

    Variante:

     

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Aperture e chiusure avambraccio con gomito

    Esercizio 3 –Aperture e chiusure avambraccio con gomito bloccato:  dalla posizione in piedi effettuare delle abduzioni in fuori e adduzioni in
    dentro dell’avambraccio.

    Attenzione a:

    • controllare il carico che deve essere leggero

     

     

     

     

     

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Rotazioni del disco sopra la testa

    Esercizio 4 –Rotazioni del disco sopra la testa: dalla posizione in piedi con gambe parallele effettuare delle rotazioni del disco del bilanciere sopra la testa passando dal busto..

    Attenzione a :

    • mantenere il bacino bloccato per favorire la maggiore escursione articolare della spalla e il coinvolgimento del core.

    Variante:

    • portare il disco in basso fino al bacino

     

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Trazioni kettlebell

    Esercizio 5 – Trazioni kettlebell fino all’altezza delle spalle: partendo da terra effettuare una trazione e contemporanea spinta delle gambe fino all’altezza della spalla.

    Attenzione a:

    • piegare le gambe in modo da coinvolgere in maniera adeguata anche il busto

    Variante:

    •  portare l’attrezzo fino sopra la testa
    • arrivare in posizione di affondo

     

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Oscillazioni con stability bar

    Esercizio 6 – oscillazioni con stability bar: questo attrezzo consente di lavorare con il braccio teso per concentrarsi sulla stabilizzazione della spalla facendolo oscillare.

    Attenzione a:

    • Mantenere il braccio in linea

    Variante:

    • portare la bar parallela al terreno

     

     

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Spinta e trazione ai cavi simultanee

    Esercizio 7 – Spinta e trazione ai cavi simultanee: dalla posizione di gambe parallele effettuare una trazione e spinta in maniera simultanea dei cavi fino alla completa distensione del braccio. Il movimento richiama lo stile libero ed ha un alto coefficiente di difficoltà.

    Attenzione a:

    • Quando il movimento diventa complesso dal punto di vista coordinativo è bene controllare che il gesto sia effettuato in maniera corretta con un carico adeguato.

    Variante:

    • Utilizzo degli elastici
    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Circonduzioni spalle con bilanciere

    Esercizio 8 – Circonduzioni spalle con bilanciere: dalla posizione di braccia tese effettuare delle rotazioni delle spalle mantenendo le braccia nella stessa posizione.

    Attenzione a:

    • effettuare il completo range articolare

    Variante:

    • utilizzare dei manubri e mantenere la posizione di carico per 5”

     

     

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Trazione e spinta della Core bar

    Esercizio 9 –: questo attrezzo
    consente di effettuare dei movimenti del bilanciere nelle diverse direzioni ad angoli più o meno aperti. Dalla posizione di affondo
    trazionare la barra fino alle spalle e spingerla fino alla completa distensione del braccio.

    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Attenzione a:

    Attenzione a:

    • Quando il movimento diventa complesso dal punto i vista coordinativo è bene controllare che il gesto sia effettuato in maniera corretta con un carico adeguato.
    spalla nuotatore cuffia rotatori swimmershop

    Movimento oscillatorio con clava fino dietro la testa

    Esercizio 10 – Movimento oscillatorio con clava fino dietro la testa: Portare l’attrezzo da davanti a dietro la testa con un movimento di slancio.

    Attenzione a :

    • Mantenere la clava in linea e controllarla quando passa sopra la testa.
    • Effettuare il movimento prima con un piccolo manubrio poi con un
      attrezzo più pesante.

    Variante:

    • aprire o chiudere l’angolo della spalla

     

    Questi esercizi, di solito, vengono inseriti in un programma di allenamento specifico al termine di un lavoro propedeutico mirato all’esecuzione corretta dei movimenti con il solo carico naturale.

    E’ fondamentale e opportuno essere seguiti da un professionista specializzato che sappia inserire in maniera graduale i movimenti ed i carichi. Solo così si avrà la massima efficacia preventiva e prestativa.

    Qua il link di preparazioneatletica.it dove potete scaricare l’articolo in pdf

     

    Articoli Simili:

    Elastici allenamento nuoto, sono utili per stretching ed esercizi a secco?
    Elastici allenamento nuoto, sono utili per stretching ed esercizi a secco? È possibile integrare con elastici allenamento nuoto il lavoro che facciamo in pales...
    Allenamento Misti con pinne tonde nuoto
    Un allenamento Misti con pinne tonde nuoto è il migliore possibile A mio parere un allenamento Misti con pinne tonde nuoto è molto più allenante e produttivo. ...
    Perché usare la tabella RPE (Classificazione dello Sforzo Percepito) può essere utile ai nuotatori
    La RPE o Ratings of Perceived Exertion (Classificazione dello Sforzo Percepito) può esserci utile? Alcune osservazioni: 1) La Classificazione dello Sforzo P...
    Rana, le mani di Dave, un Esercizio Interessante
    Rana, le mani di Dave La scorsa settimana mi sono ricordato di un esercizio molto interessante ai fini dello sviluppo di sensibilità delle mani, ideato dall'...
    Partenze - schiena piatta
    Nuotatori, avete sentito almeno una volta il vostro allenatore dirvi "schiena piatta in partenza" e non sapevate a cosa si riferisse? Ecco la cosa illustrata in...
    Tecnica della nuotata: 3 modi di migliorare il Dorso
    1. TransizioneProprio come avviene a Farfalla, accelerare in fase di rottura dell'acqua è un grande passo per iniziare con una spinta in più. In questo caso per...
    VO2 max - cos'è?
    VO2max (Massimo Consumo di Ossigeno) è un valore che indica la massima quantità di ossigeno utilizzabile da un nuotatore in una determinata unità di tempo (di s...
    Confronto e differenze tra gli Snorkel FINIS - Parte 1 di 6
    Da quando, anni ed anni fa, ho cominciato ad utilizzarlo in allenamento mi sono sempre fatto una domanda: “Quale snorkel FINIS è meglio utilizzare per le mie ne...
    753views

    You may also like