Virate – virate di gruppo del Tennessee

    Tutti conosciamo l’importanza di una buona virata, ecco perché ogni squadra dovrebbe inserire nei suoi allenamenti quotidiani le “Virate Tennesse”.

    [iframe http://www.youtube.com/embed/MEQeipNyjiw?rel=0 640 480]

    Perché farlo:
    Questo esercizio insegna l’importanza del MURO. Non tanto come approcciare con il muro al momento della virata, piuttosto a sviluppare la consapevolezza che quando sei vicino ad esso la tua concentrazione si deve intensificare.

    Come Farlo:
    1.
    Il nuotatore deve andare sotto PRIMA delle bandierine.
    2. Stare sotto eseguendo una virata aperta (open turn) rimanendo completamente in immersione.
    3. Spingersi dal muro e rimanere sotto finché non si sono superate le bandierine.

    Come farlo davvero bene (i punti essenziali):
    Se sei l’allenatore sai che puoi spendere molte parole per dire a un nuotatore quando immergersi e quando riemergere. Cerca di far capire al tuo gruppo che le bandierine sono IL MINIMO. Non è che devono andare sotto ALLE bandierine o riemergere ALLE bandierine… chiedigli sempre un pò di più di quello che è richiesto. Vedrai, i nuotatori che riusciranno a capire che il MINIMO INDISPENSABILE non è quello che li renderà grandi nuotatori si immergeranno PRIMA delle bandierine e rimarranno immersi ben dopo averle passate.

    Advertisement

    Incoraggia i tuoi nuotatori a guardare dove immerge/emerge chi sta loro accanto e a provare a far di meglio. Se tutti tentano di vincere, in questo caso, alla fine vinceranno tutti perché ognuno di loro finirà per aver fatto più di quel che pensava di poter fare. In gara potrà vincere uno solo ma tutti possono continuare a migliorare!

    Articoli Simili:

    Allenamento - allenamento facile stile e dorso, e anche piuttosto breve!
    A volte ci vuole un allenamento facile stile e dorso, ma che sia complicabile! Oggi ti proponiamo questo allenamento facile stile e dorso, facile sia perché no...
    Palestra - eserczio isometrico per il gomito alto (o EVF)
    EVF, EVF, EVF. gomito alto (o Early Vertical Forearm come dicono gli anglofoni) è sempre lì come uno dei concetti chiave del nuoto assieme alla battuta di g...
    La storia del nuoto - il XIX secolo (1800)
    La storia del nuoto - il XIX secolo (1800) Convinto dell'idea che il nuoto, e lo sport in generale, sia anche cultura (e del resto quale nuotatore non ha mai p...
    Esercizi a Dorso - l'incrocio
    Aiutare i nuotatori ad evitare l'incrocio delle mani sopra la testa durante l'esecuzione della bracciata (il cosiddetto crossover) è un lavoro che gli allenator...
    Partenze a staffetta e lavoro di squadra
    Lavorare sulle partenza delle staffette significa "variare" e capire quale sia lo "slancio" di uno specifico nuotatore. Perché farlo: Siccome può capita...
    Contavasche ad anello - differenze tra Speedo e Sportcount
    Con questo articolo vorrei porre a confronto due contavasche ad anello che a prima vista possono sembrare molto simili ma si differenziano invece sotto diversi ...
    Allenamento facile in acque libere in circa un'ora
    Allenamento facile in acque libere in circa un'ora Ecco un allenamento abbastanza facile da praticare in acque libere per una distanza di circa 3000 m (posso...
    Il succo di barbabietola come integratore per nuotatori?
    Cosa c'è di vero nelle voci sul succo di barbabietola come integratore per nuotatori? Se sei un nuotatore avrai visto girare parecchio succo di barbabietola us...

    You may also like