Batterie del terzo giorno agli Europei di nuoto in vasca corta 2021

BatterieterzogiornoEuropeinuotovascacorta2021

Foto. LEN/Pixabay

Batterie del terzo giorno agli Europei di nuoto in vasca corta 2021

Niente semifinali per Evgeny Rylov e Michele Lamberti ai Campionati europei in vasca corta di Kazan 2021. Kolesnikov è stato l’unico a finire sotto i 50 secondi. Invece oò due volte campione Olimpico Rylov e il record del mondo Lamberti, non si qualificano per la regola dei “due per nazione”.

migliori elastici nuoto trattenuto

Nell’ultima gara è stata fatta la storia dei 1500 Stile donne quando Anastasia Kirpichnikova ha distrutto tutte con il quarto tempo più veloce della storia, e record russo, di 15’26″08. Simona Quadarella, campionessa europea in vasca lunga arriva più di 23 secondi dopo in seconda posizione. Qualche link utile:

Ecco cosa è successo

Nuotatori e nuotatrici che passano indenni le batterie? Tra loro Sarah Sjostrom, Barbora Seemanova, Evgeniia Chikunova, Kristof Milak e Kira Toussaint. Kolesnikov ha vinto i 50 Dorso mercoledì con un tempo secondo solo al record del mondo di Manadou. Il due volte medaglia Olimpica entra nella batteria finale dei 100 con un’andatura tutta sua: a metà gara è a un centesimo di secondo entro l’andatura da record europeo.

Ai 75m è avanti di mezza lunghezza ed è l’unico a chiudere entro i 50 secondi con 49″26. Lorenzo Mora strappa il secondo posto in 50″42. Invece il terzo tempo per Pavel Samusenko (50″43) significa nessuna finale per Rylov. Rylov aveva vinto le sue batterie in 50″55 ma essendo il terzo russo più veloce non passa per la regola dei “due per nazione”.

Stesso discorso vale per Lamberti, vanno avanti Matteo Rivolta e Mora (50″67 contro il 50″86 di Lamberti).

migliori elastici nuoto trattenuto

Kirpichnikova regna sui 1500

Kirpichnikova domina gli 800 Stile e regna letteralmente sulla gara più lunga. Esce con un parziale di 28″42, poi è un metronomo umano tenendo parziali che vanno da 30″51 a 31″20 prima di un 50 finale di 29″87. Scende di ben 15″20 dal precedente record russo di 15’41″88 risalente al 2019. Secondo posto per Quadarella in 15’49″39 e terzo per Martina Caramignoli (15’50″79).

Pasynkhov e Borodin, Ceccon e Razzetti nei 200 Misti

La Russia scarica una sacchettata di campioni in quetsa gara, tre dei quattro migliori nelle batterie. Tuttavia, con la solita regola del “due per nazione” Daniil Pasynkhov e Ilya Borodin vanno avanti ma Eduard Valiakhmetov rimane fuori nonostante abbia fatto un 1’55″95. Tra i russi anche Andreas Vazaios che si è qualificato per la semifinale di oggi con il secondo miglior tempo in 1’55″77. Altri nomi degni di nota ad andare avanti sono il ​​duo Thomas Ceccon e Alberto Razzetti.

Seemanova guida i 100 Stile

Sjostrom ritorna in vasca dopo l’oro nei 50 metri Stile. Barbora Seemanova è la più veloce in 52″45 davanti a Marrit Steenbergen (52″62)  e a Sjostrom (52″69).

Pavlov e Milak vanno avanti

C’erano solo 15 nuotatori in gara, il più veloce è stato Egor Pavlov con 1’51″99. Ancora una volta i russi occupano tre dei primi quattro posti con Petr Zhikharev che ce la fa in 1’53″76 e Aleksandr Pribytok che resta fuori.

Il polacco Krzysztof Chmielewski è il secondo più veloce in 1’53″39 ma il suo compare Jakub Makerski resta fuori per la solita regola, eh già, il “due per ogni nazione”. Anche Milak ce la fa.

Chikunova, Fangio e Carraro

Evgeniia Chikunova scappa via negli utlimi 50 metri dell’ultima batteria che vince in 2’19″26 e pass ain semifinale. La campionessa in carica Maria Temnikova è seconda in 2’21″31. Francesca Fangio terza in 2’21″67 e passa anche Martina Carraro.

You may also like