Dorso – La marcia del soldato

    A volte vengono elaborati degli esercizi così tosti che… devi assolutamente provarli.  La marcia del soldato è uno di questi. Roba per i dorsisti più tenaci!

    Perché farlo:
    La marcia del soldato è un esercizio estremamente impegnativo che non solo ti permette di lavorare sulla coordinazione ma è anche molto impegnativo per le gambe. Quest’esercizio può aiutarti a mantenere la posizione corretta del corpo anche quando ti troverai sottoposto allo stress e alla fatica della gara… in altre parole: un SACCO di divertimento 🙂

    Come farlo:
    1.  Comincia col battere le gambe a dorso.
    2. Un braccio lungo il fianco e l’altro disteso sopra la testa.
    3. Muovi le braccia simultaneamente e portale l’una nella posizione dell’altra (in pratica si invertono)
    4.

    Advertisement
    Non fermare né riposare mai le braccia. continua a muoverle avanti e indietro sopra la superficie dell’acqua
    5. Mantieni la posizione corretta del corpo al meglio delle tue possibilità, utilizzando la battuta di gambe.

    Come farlo nella maniera migliore (i punti essenziali):
    Se senti che la tua battuta di gambe non ti dà sufficiente  supporto allora prova a indossare un paio di pinne corte. Non illuderti: le pinne NON trasformeranno questo esercizio in qualcosa di facile! Ma almeno ti permetteranno di eseguirlo correttamente.

    Come la fatica va aumentando ti renderai conto che non sarà facile mantenere il movimento delle braccia. Se vedi che le braccia cominciano a piegare verso l’esterno e il movimento a perdere di precisione…. beh è tempo di una pausa!

    Articoli Simili:

    Come Fare la Partenza a Dorso Migliore (e come insegnarla in 5 semplici passi)
    Come Fare la Partenza a Dorso Migliore (e come insegnarla in 5 semplici passi) Ti sarai chiesto spesso come fare la partenza a dorso migliore. Finalmente la so...
    Stile Libero - integrare le virate in maniera fluida, con Joao de Lucca
    Le virate migliori sono un tutt'uno fluido che non interrompe l'azione con inutili ritardi. Il campione NCAA (National Collegiate Athletic Association) Joao de ...
    SwimFin un aiuto per l'insegnamento del nuoto?
    La pinna Swimfin, incrocio tra tavoletta e ausilio galleggiante aiuterà ad imparare il nuoto e a vincere la paura dell'acqua divertendo i bambini. Un aiuto tecn...
    Confronto e differenze tra gli Snorkel FINIS - Parte 1 di 6
    Da quando, anni ed anni fa, ho cominciato ad utilizzarlo in allenamento mi sono sempre fatto una domanda: “Quale snorkel FINIS è meglio utilizzare per le mie ne...
    Allenamento - curare i molti aspetti della gara
    Oggi inseriamo di nuovo una mini serie di 300m (ve la ricordate? Per vederla inserita in un allenamento eccola qua: "dai la cera, togli la cera"?) che è ottima ...
    Un utile tabella di comparazione pinne
    Pubblichiamo questa tabella giusto per facilitare la comprensione delle differenze tra le pinne a marca FINIS.  
    Nuoto, un allenamento di resistenza (di Steve bratt)
    Nuoto, un allenamento di resistenza (di Steve bratt) In Nuoto, un allenamento di resistenza, Steve bratt (capo allenatore del team Otter) descrive il suo allen...
    Virate con spinta stabile
    Virate con spinta stabile Cosa si intende con Virate con spinta stabile? Quando un nuotatore (sia giovane che stagionato) esce da una virata capita spesso ch...
    454views

    You may also like