Esercizio a secco – Passaggi con Palla Medica

PALLA MEDICA SWIMMERSHOP

Lavorare sulla potenza necessaria per aumentare la velocità del recupero nella Rana, così come aumentare la forza dell’atleta in generale, è una cosa che può essere fatta con questo “semplice” e divertente esercizio a secco. Ricorda: Quando utilizzi palle mediche devi stare estremamente concentrato per essere sicuro di non farti… Continua a leggere

Esercizi – Spingi il compagno!

Fare esercizi in vasca e provare nuove tecniche non è sempre facile. Questo esercizio “Spingi il compagno” può essere una sorta di bonus, di “extra” settimanale per gli atleti, una volta trascorsi 90 minuti di serie e esercizi di tecnica cercando la sensibilità e di migliorare lo stile. E’ giusto… Continua a leggere

Esercizi a Dorso – l’incrocio

dorso nuoto allenamento

Aiutare i nuotatori ad evitare l’incrocio delle mani sopra la testa durante l’esecuzione della bracciata (il cosiddetto crossover) è un lavoro che gli allenatori devono sempre essere preparati a fare. Ecco una veloce progressione che potrà essere utile a molti nuotatori. Perché farlo: Iniziare la trazione direttamente in linea con… Continua a leggere

Virate a Rana – Piedi

Il video qua sotto pare che sia uno dei più utilizzati per l’apprendimento della virata a rana. Dave Denniston mostra una perfezione assoluta nelle sue virate. La questione è: va bene per te questo tipo di virata? Perché sperimentare: Sai veramente quello che fai? E , se è così, sei… Continua a leggere

Stile Libero – Gambe di lato e ingresso della mano

Zoomers Gold FINIS allenamento nuoto battuta gambe swimmershop

Impara a collegare il braccio che esegue la trazione al braccio che recupera in modo da avere un’altra freccia al tuo arco per migliorare lo stile libero. Perché farlo: Opzioni! Nuotare è una questione di opzioni, ed è essenziale imparare quale combinazione di tecniche funziona meglio per te sulla velocità… Continua a leggere

Una bracciata nel tempo – di Emmett Hines (6)

TOBI search Sapere quale incremento del metronomo influisce, incrementando o diminuendo, sul proprio SPL può essere molto d’aiuto quando si fa una scelta di bilanciamento tra il ritmo e i DPS. Definizione: TOBI – Trade-off Beeper Increment (Bilanciamento dell’incremento del metronomo)– si intende il cambiamento da apportare sul tempo del… Continua a leggere

Una bracciata nel tempo – di Emmett Hines (5)

Bracciate per distanza @ ritmo Questo è un ottimo esercizio per lavorare sull’aumento della “distanza per bracciata” a qualsiasi specifico ritmo. Inizia nuotando 100 bracciate ad un ritmo base (1 secondo a bracciata), usando un DPS “comodo” e prendi nota della distanza percorsa. Recupera adeguatamente. Nuota 100 bracciate allo stesso… Continua a leggere

Esercizi – rana sotto la corsia

Tieni la testa giù per evitare l’attrito e per posizionarti nella miglior posizione per lo scivolamento, ad ogni bracciata. Perché farlo: Tenere la testa allineata con le braccia, in una posizione di scivolamento, in ogni bracciata a stile rana, ti permetterà di arrivare più lontano e più velocemente ogni volta… Continua a leggere

Esercizi – stile libero in immersione

Essere in grado di concentrarsi su un aspetto specifico della bracciata a volte necessita di isolazione. Perché farlo: Nuotare sott’acqua elimina tutte le preoccupazioni legate all’equilibrio e alla respirazione in modo che tu possa preoccuparti solo della relazione tra il tuo braccio e l’acqua! Come farlo: 1. Spingiti dal bordo… Continua a leggere

Esercizi a secco – flessibilità delle caviglie

Stanco di sentirti le gambe sfatte a ogni allenamento? Qui goswim ci propone un esercizio di 5 minuti che aiuterà a migliorare la flessibilità delle tue caviglie. Simultaneamente questo esercizio rafforzerà i muscoli dei tuoi piedi e della parte inferiore delle gambe. Eseguita con costanza questa serie di esercizi aiuterà… Continua a leggere

IN FORMA CON IL NUOTO – Uscito in italiano il nuovo libro di Emmett Hines

Si lo so, il titolo italiano non è dei migliori, sembra una roba da nuotatori della domenica 🙂 In realtà, e per fortuna, non è così! Il libro In forma con il nuoto di Emmett Hines, è estremamente interessante. L’affermato allenatore Emmett Hines ha predisposto 60 allenamenti e 16 programmi… Continua a leggere

Esercizi a secco – Isometrico per lo sviluppo dell’EVF

EVF, EVF, EVF.  Early Vertical Forearm (alla lettere traducibile con avambraccio verticale in atnticipo) è uno dei movimenti e dei concetti chiave del nuoto. Questo esercizio a secco ti aiuterà a capire e a SENTIRE di cosa si tratta. E… ti aiuterà a sviluppare i muscoli che trasformeranno questo movimento… Continua a leggere

Partenze – i salti su pedana di Cullen Jones

Vuoi sviluppare un modo di eseguire la partenza che ti permetta di arrivare dall’altra parte della vasca in una decina di secondi? Impara a saltare come Cullen Jones! Perché farlo: Quanto velocemente riesci a staccarti dal blocco è decisamente parte della gara. Entrare in acqua con potenza e velocità è,… Continua a leggere

Il galleggiamento secondo il coach Emmett Hines (6)

Aggiungere strumenti specifici da allenamento Non sarebbe necessario alcun equipaggiamento per trarre beneficio da questi esercizi di galleggiamento. Ci sono, però, un paio di attrezzi che possono aiutare ad allungare il tempo dell’esercizio o ad inserire utili varianti: Uno snorkel, tubo respiratore frontale, può essere utile per continuare l’esercizio senza… Continua a leggere

Il galleggiamento secondo il coach Emmett Hines (5)

Abilità di galleggiamento dinamiche – spinta dal bordo Con la spinta fornita da un istruttore/allenatore, il nuotatore ha il tempo, prima di partire, di correggere e preparare la propria posizione orizzontale di galleggiamento grazie anche all’eventuale aiuto del supporto galleggiante. Così non è nella fase successiva in cui sarà il… Continua a leggere

Il galleggiamento secondo il coach Emmett Hines (4)

Abilità di galleggiamento dinamiche – spinti da qualcuno Dopo aver perfezionato le proprie capacità di galleggiamento con braccia e gambe ferme, il passo successivo è di aggiungere i movimenti del nuoto. Ciò deve essere fatto in maniera graduale poiché ogni gradino successivo aggiunge una complicazione. All’inizio ognuna di queste capacità… Continua a leggere

Il galleggiamento secondo il coach Emmett Hines (3)

L’allenatore ti spinge verso il successo Durante gi esercizi di galleggiamento l’allenatore osserva la linea del corpo e “solletica” aree differenti del corpo del nuotatore per indicare quali di queste aree richiedono attenzione posturale. Ad esempio: Solleticare la bassa schiena significa che il nuotatore ha bisogno di spingere l’ombelico verso… Continua a leggere

Il galleggiamento secondo il coach Emmett Hines (2)

Aiuto galleggiante Quando abbiamo iniziato questo esercizio abbiamo inserito una variabile efficacissima inserendo una mezza tavoletta (l’abbiamo chiamata tavola di galleggiamento perchè l’abbiamo utilizzata per galleggiare non per battere le gambe) sotto la metà delle cosce in modo da fornire un supporto artificiale (si, ancora il girello della nonna, come… Continua a leggere

Dorso – colpo di gambe con pullbuoy

C’è più di un modo di utilizzare il tuo attrezzo da allenamento preferito. Effettuare il colpo di gambe con un pull buoy ti aiuterà a sviluppare un dorso (e un crawl) più fluido e veloce. Perchè farlo: Se hai qualche difettuccio nella battuta di gambe, il pull boy lo farà… Continua a leggere

Tutti gli stili – Giorno di gara!

Riuscire a spremere il meglio dai tuoi atleti anche in allenamento a volte richiede una combinazione di sorpresa e divertimento. Perché farlo: Riprodurre il contesto del “Giorno di Gara” durante l’allenamento è piuttosto difficile, ma è qualcosa che atleti di alto livello hanno imparato a fare per anni. Immaginare ogni… Continua a leggere

Rana – le mani di Dave

La scorsa settimana mi sono ricordato di un esercizio molto interessante ai fini dello sviluppo di sensibilità delle mani, ideato dall’allenatore della nazionale paralimpica statunitense Dave Denniston. Perché farlo: Sviluppare un eccellente nuotata a Rana significa sapere esattamente cosa stanno facendo le tue mani. E’ più facile imparare ad acquisire… Continua a leggere

Un uso alternativo dello snorkel

Nuotatori e allenatori utilizzano il respiratore frontale in moltissimi momenti dell’allenamento. Molti lo utilizzano per il riscaldamento e per lavori di tecnica, altri lo utilizzano per serie di prova aerobiche… e mi è capitato di vedere triatleti utilizzarlo per un lavoro cardiovascolare in bicicletta!!!! Quel che voglio dire è che… Continua a leggere

Farfalla – respirazione laterale

farfalla respirazione laterale

In tutta la storia del nuoto ci sono sempre stati individui che hanno dimostrato come le tecniche alternative di nuotata spesso si dimostrino efficacissime. Mel Stewart e Robert Margalis sono due grandissimi delfinisti che utilizzano la respirazione laterale anziché frontale. Se nuotate almeno qualche vasca in questo stile dovreste almento… Continua a leggere

Flutter Kick – cos’è?

Il Flutter Kick non è altro che il modo anglosassone per indicare il tipo di battuta di gambe a stile libero e a dorso. A seconda del tipo di nuoto che stai praticando, agonistico, nuoto libero o acque libere, l’abilità di controllare le gambe, e mantenerle “produttive” per tutto il… Continua a leggere

Stile libero – esercizio “flutter kick”

Per imprimere una vera accelerazione nello Stile Libero devi decisamente avere un colpo di gambe potente. Concentrarti su QUANTO utilizzi le gambe mentre nuoti può aiutarti moltissimo. Perché farlo: Imparare a spingere la bracciata con il colpo di gambe è una delle opzioni che permettono di nuotare davvero velocemente. Siccome… Continua a leggere

Come usare gli elastici da allenamento a secco con palette – qualche consiglio

elastici allenamento nuoto secco palette strechcordz

La progressione di apprendimento per nuove abilità motorie e schemi di movimento segue quest’ordine: 1. Impara lo schema di movimento eseguito lentamente   2. Aggiungi velocità   3. Aggiungi resistenza Quando eserciti la trazione, comincia con un movimento lento e controllato e con un elastico da allenamento con palette che… Continua a leggere

Tutti gli stili – Esercizio “remate senza elastici”!

Le palette a volte vengono utilizzate come “stampelle”, ma basta rimuovere il piccolo elastico che le tiene attaccate alle mani per trasformarle in eccezionali attrezzi da allenamento per il nuoto! Perché farlo: Doversi muovere in acqua E nel contempo tenere le palette sulle mani richiede l’utilizzo di muscoli che magari… Continua a leggere

Allenati più efficacemente con lo SWOLF

INDICE_GOLF_NUOTO

Allenati più efficacemente con lo SWOLF Perché lo SWOLF? In linea di massima ci sono 3 modi per imparare a nuotare più velocemente: Allenare il tuo sistema aerobico – VO2 max, ossia la quantità di ossigeno massima che un nuotatore è in grado di utilizzare in un’unità di tempo (allenabile… Continua a leggere

Dorso – Mano Ampia

Uno dei più grossi problemi coi quali hanno a che fare nuotatori e allenatori nell’ambito dello stile DORSO, è l’entrata della mano in acqua. Perché farlo: Esagerando l’apertura della bracciata e quindi spostando il punto di entrata della mano in acqua, il nuotatore ha la possibilità di sperimentare quanto ampia… Continua a leggere

Dorso – La marcia del soldato

dorso battuta gambe swimmershop

A volte vengono elaborati degli esercizi così tosti che… devi assolutamente provarli.  La marcia del soldato è uno di questi. Roba per i dorsisti più tenaci! Perché farlo: La marcia del soldato è un esercizio estremamente impegnativo che non solo ti permette di lavorare sulla coordinazione ma è anche molto… Continua a leggere

Rana – Esercitarsi nell’attacco (emersione) post virata o post partenza

Può essere difficile esercitarsi nell’attacco post virata a rana visto che ne fai soltanto uno per ogni vasca… e di solito sei anche in debito d’ossigeno. In questo post c’è un’idea per esercitare la riemersione più volte per ogni vasca… riuscendo pure ad avere ossigeno. Perché farlo: Puoi anche avere… Continua a leggere

Tutti gli stili – Delfino in immersione con il Tempo Trainer

battuta di gambe squalo delfino nuoto swimmershop tecnica allenamento

In caso non vi foste resi conto di quanto è importante il delfino in immersione per il successo di un nuotatore. Ve ne dò un’idea: è la prima cosa sulla quale comincio a lavorare con i miei atleti – anche con i MASTER!!!!!   Perché farlo: La battuta di gambe… Continua a leggere

Partenze – variazioni nel punto d’ingresso

Il punto in cui entri in acqua può avere importanti ripercussioni su quanto velocemente avverrà la tua transizione alla nuotata. Perché farlo: Conoscere il tuo punto d’ingresso in acqua basato su distanza, velocità ed angolo d’entrata può aiutarti a guadagnare posizioni fin da subito in gara. Come farlo: 1. Posiziona… Continua a leggere

Stile Libero – Entrata della mano in acqua

Capita spesso, con amici appassionati di nuoto o con compagni di allenamento, di trovarsi a discutere del modo in cui entra, o dovrebbe entrare, la mano in acqua nel Crawl. Se ne discute sempre a lungo, ma alla fine credo che sia una questione molto ma molto personale. Ci sono… Continua a leggere

Tutti gli Stili – Applicazione pratica

Specchio tecnica allenamento nuoto esercizi

Esercizi… sono in grado di sistemare i problemi del tuo stile? Si e no. Alla fine di quest’anno ho pensato che potesse essere utile vedere se effettivamente il lavoro che cerco di fare con gli esercizi è chiaro per tutti, così come gli obiettivi che ci si dovrebbero prefiggere attraverso… Continua a leggere

Farfalla – Gambe Delfino a testa fuori

Trovare modi divertenti e interessanti per evitare la noia (e quindi la scarsa concentrazione) durante serie in allenamento è un pò il punto focale di certi esercizi. La cosa migliore è quando questi esercizi mettono sotto sforzo anche il corpo del nuotatore in modo che oltre al lavoro di tecnica… Continua a leggere

Stile libero – a fianchi alti

E’ incredibile quello che può fare tenere i fianchi qualche centimetro più in alto al fine dell’aumento di efficienza e velocità nello Stile Libero. Nonostante ci siano molti esercizi per raggiungere questo scopo, alcuni nuotatori credono di non poter dedicare tempo a dei semplici esercizi. Perché farlo: Più alti stanno… Continua a leggere

Come usare il Tech Toc per bracciate short-axis (ad asse corta), Rana e Farfalla

Come probabilmente già sapete, la rotazione è una componente chiave negli stili con bracciate long-axis (ad asse-lunga), come Crawl e Dorso. Tuttavia, sapevate che la rotazione delle anche è altrettanto importante nella Rana e nella Farfalla? Parlerò del vantaggio di mantenere le anche alte nella Rana tra qualche giorno. Il… Continua a leggere

Rana – Recupero a tallone alto

Il colpo di gambe a Rana è forse il gesto atletico più dannoso del nuoto. Cercare la minore resistenza possibile durante la preparazione al colpo di gambe può essere un grande vantaggio nella tua nuotata. Perché farlo: Più in alto recuperi i talloni e meno resistenza crei quando prepari il… Continua a leggere

La remata nella piscina d’albergo

Oggi noi di swimmershop abbiamo scelto di pubblicare questo esercizio: mi è sembrato divertentissimo ma anche utile… sono sicuro che chiunque di voi sia appassionato di nuoto si sia trovato, almeno una volta nella vita, ad avere a che fare con una piscina come quella del video 🙂 Spesso ci… Continua a leggere

L’importanza di osservare: sì, può essere considerato un esercizio!

Con tutto quel nuotare, gareggiare, allenarti o allenare, motivare, insegnare….. quando è stata l’ultima volta che ti sei preso tempo semplicemente per ….guardare la gente che nuota? Per imparare davvero quello che fanno le persone, e diventare un nuotatore o un allenatore migliore, non posso non pensare all’importanza che ha… Continua a leggere

Rana – cadenzare la respirazione

Quando i nuotatori imparano lo Stile Rana, di solito seguono il proprio istinto per capire quando è tempo di respirare. Questo esercizio in vasca può aiutarti a capire se stai respirando nel momento più efficace della tua bracciata. Perché farlo: La Rana può spesso trasformarsi in uno stile di “potenza”… Continua a leggere

Tempo Trainer – Usarlo con l’esercizio “Accelerazioni Olimpiche”

Raggiungere il tuo potenziale, nell’ambito del nuoto significa lavorare sulla tua “distanza per bracciata“… ma è estremamente importante anche aumentare l’andatura, il ritmo. Se hai delle bellissime bracciate lunghe ma un lento turnover (ciclo di bracciata), sarai molto bello da vedere arrivare al traguardo… dopo tutti gli altri! Può sembrare… Continua a leggere

Sensibilità del colpo di gambe e potenziamento – La doppia palla medica

Mettiamo che tu voglia ritrovarti, velocemente, con delle gambe “ben preparate”. Ecco un esercizio che non solo è divertente ma anche un pò difficile! Ed è un ottimo modo di far lavorare le gambe senza pericolo di danneggiare l’articolazione del ginocchio. Perché farlo: Imparare a sostenere peso aggiuntivo in acqua… Continua a leggere

Esercizio “Stai sul PUNTO” – con elastici da nuoto frenato

Elastico da nuoto frenato

Gli elastici per il nuoto frenato sono un attrezzo meraviglioso per imparare come mantenere la presa sull’acqua quando l’atleta comincia a sentire la fatica. Se non fai presa sull’acqua e non ti spingi in avanti, vieni inesorabilmente tirato indietro. Per simulare questo effetto da “finale di gara”, e per isolare… Continua a leggere